246 Jules Parswall

Precedente | Indice | Prossimo

… In movimento su Porter.

Aria era di buon umore.

Mentre portava da bere a Clara, l’autista, Clara la guardò mentre accettava la borraccia, e parlò.

“Oggi sei di buon umore.”

“Ah… sì.”

Clara sentì che Aria prendeva un po’ di distanza da lei. Presumeva che fosse incosciente, ma forse non poteva perdonare che Clara avesse accettato la proposta di Ludmilla e si fosse unita alla fazione.

Clara avvicinò la bocca alla borraccia, e notò subito che si trattava di tè preparato da Monica. Il profumo, la temperatura e il sapore facili da mandar giù, Monica era in grado di preparare il tè con un livello di perfezione impensabile per una macchina.

Ma la sua ospitalità per qualsiasi altra cosa oltre a Lyle era carente, e finché non si specificava quale tè si voleva, lei avrebbe sempre e solo preparato le preferenze di Lyle.

Viaggiando lungo un sentiero senza strada, Porter poteva procedere su qualsiasi terreno con le sue grandi ruote. Su un piccolo ondeggiamento, Aria si aggrappò a un corrimano vicino.

Clara era seduta su un sedile preparato da Monica, indossando quella che lei chiamava una cintura di sicurezza, quindi non c’erano problemi. Andava bene finché aveva il suo bastone in mano. Ma una macchia di tè caldo fuoriuscì dalla tanica e le cadde sulle labbra.

Mentre si puliva la bocca, Aria pose una domanda.

“Posso chiedere una cosa?”

Clara rispose mentre operava Porter.

“Se si tratta della fazione di Ludmilla, è una conclusione a cui sono arrivata dopo averci pensato. Non è che lei stia cercando di tirarti dentro a tutti i costi. E sarebbe meglio che tu non entrassi in una fazione, Aria-san. O forse potresti fondare una tua fazione.”

“N-non pensarci nemmeno!”

Essendole stato detto di fondare una propria fazione, Aria si oppose. Ma la risposta di Clara all’esatta reazione che si aspettava da Aria era un po’ strana.

“Perché sorridi?”

“Mi dispiace. Ma stai fraintendendo qualcosa, Aria-san. Se hai tre amiche insieme, questa è già una fazione. E io ho una totale mancanza di fiducia in Novem-san. Miranda-san prenderà Shannon-chan nella sua fazione. Poi rimangono Gracia-san, Elza-san, e Vera-san… in misura maggiore o minore, tutte sono sostenute dalla Casata o dal paese.”

Aria non sembrava capire dove Clara volesse arrivare.

“È vero che la mia famiglia è…”

“Io sono più o meno lo stesso. Ma anche se prestassi la mano a una delle altre, considerando il carattere e il patrocinio, le opzioni sono limitate. Gracia-san ed Elza-san non serviranno sotto un’altra. Hanno in mente gli interessi dei loro paesi. Miranda-san è debole come patronato. È in uno stato vicino all’isolamento. Così ho scelto Ludmilla-san.”

Aria sembrava che non potesse accettarlo. Clara la vedeva come una persona onesta e si sentiva un po’ gelosa. Loro due erano quasi polarmente opposte.

“Qualcosa che non ti piace?”

“… Per essere del tutto onesto, non credo che tu debba servire sotto una donna che sta cercando di creare una fazione. Fare una cosa del genere in un momento importante mi sembra sbagliato.”

Clara chiuse la borraccia e guardò un po’ più in alto.

“Proprio perché è un momento importante. Per contrastare Novem-san e Miranda-san, penso di aver bisogno di Ludmilla-san. E allo stesso tempo, posso tenerla d’occhio da vicino.”

“Tu, non potrebbe essere…”

Clara alzò gli occhiali, lasciò che catturassero la luce e sorrise un po’.

“Quella con il maggior potere in questo momento è Ludmilla-san. Non come individuo, può sostenere Lyle-san con aiuti a livello nazionale. Ho pensato che fosse meglio che qualcuno la tenesse d’occhio.”

Aria guardò Clara e si coprì il volto con la mano destra.

“Sei sorprendentemente subdola.”

Clara ridacchiò.

“Oh, sono certa. Forse questo è tutto quello che posso fare. Ma… no, non è niente.”

Ciò che Clara stava per dire alla fine…

(Ma non posso pensare che Novem-san non abbia tenuto conto dei movimenti di Ludmilla-san. E questo schieramento… ho la sensazione che Miranda-san abbia mandato Shannon-chan a fare la guardia. Se la pensi così, la guerra di fazione è già iniziata…)

『Hmm~, quindi sei riuscito a superarlo senza perdere Aria-chan. Buon per te. Se l’avessi persa, il tuo futuro sarebbe stato sicuramente cupo.』

“A-amico… se hai intenzione di parlare con me, allora scendi dalla mia schiena.”

All’interno del Gioiello. Nella mia stanza dei ricordi, come per immobilizzare il me caduto, LYLE era seduto sulla mia schiena.

Aveva un corpo da bambino, ma mi sentivo come se fossi schiacciato da un masso enorme.

『Che galante. Sembrava che il povero Lyle fosse nei guai, così si è confrontata con le altre, e ha scoperto di non avere nulla, così ha voluto alleggerire il peso… beh, dopo aver lasciato la villa, lei è la conoscente più vecchia che hai dopo Novem. Lei è davvero necessaria.』

Misi forza nel mio corpo per cercare di stare in piedi, ma LYLE guardò i miei sforzi con un sorriso. E continuò.

『Avete entrambi bisogno l’uno dell’altro, davvero. È così. Anche così, se hai deciso qualcosa una volta, non va bene se non la porti fino in fondo. Dopo averla baciata così tante volte, non fermare una donna che sta cercando di tirarsi indietro è semplicemente terribile.』

“D-dannazione!”

In qualche modo ebbi energia nelle mie braccia, e sollevai il mio corpo solo un po’. Lì, LYLE agitò le gambe e spostò il suo corpo.

La mia applicazione del potere cambiò, e caddi di nuovo a terra.

“Fugah!”

『Aah, quando siamo quasi di ritorno a casa a Bahnseim, sei sicuro di stare bene così? Ehi, fai del tuo meglio. Non puoi allenare il tuo corpo nel Gioiello. Cerca di fare qualcosa con il tuo Mana.』

“Mana… ora che ci penso, hai chiamato Mana veleno un po’ di tempo fa, vero?”

Ripresi il fiato, mentre spremevo le mie conoscenze per trovare un modo per alzarmi. Se aveva detto di fare qualcosa con il Mana, il modo più semplice sarebbe stato quello di fare un’esplosione nelle vicinanze, e usare l’esplosione per allontanarlo.

E quando lo pensai, mi ricordai delle sue parole. In passato, aveva detto che il Mana era un veleno.

『Così ti sei ricordato. Beh, per ora non è veleno. O meglio, veleno e medicina sono la stessa cosa. Finché sai come usarlo, può diventare una medicina, ecco com’è. Naturalmente, fu pensato per la prima volta come una medicina, quindi quando fu erroneamente usato come tale, fece un po’ di scalpore.』

Raccolsi la magia sul mio palmo, e cercai di colpirlo contro il terreno per usare l’esplosione per salire. Ma una sciabola si conficcò nella mia mano come per inchiodarla alla terra.

『Sì, non va bene. Gli atti di autodistruzione non possono essere messi in pratica in un attimo. Ora pensaci di nuovo.』

“D-dannato moccioso!”

All’interno del Gioiello, continuai i miei giorni in cui non ero in grado di sconfiggere il me bambino.

Entrando a Bahnseim da Cartaffs, mettemmo Porter nell’Abilità Box, ci drappeggiammo con le tuniche e viaggiammo agendo come un gruppo di cinque avventurieri.

Entrando in una città vicino alla frontiera, trovammo un certo numero di mercenari e soldati riuniti.

Eravamo gli unici a sapere che Cartaffs non avrebbe intrapreso alcuna azione a causa degli ordini di Ludmilla-san, quindi la città era piena di una tensione formicolante.

Shannon che camminava accanto a me afferrò la mia tunica con la mano destra e si guardò intorno.

Mercenari e avventurieri dal volto spaventoso. Oltre ai soldati, era una città imponente. Shannon aveva paura.

“P-perché sembra così pericoloso? A Beim c’era gente che andava in giro armata, ma non è mai stato così brutto.”

La ragione della paura di Shannon risiedeva nelle risse che scoppiavano ovunque guardassi. E con il sole alto nel cielo, c’erano bevande servite, e numerose prostitute di nuovo, una città malfamata.

“Sono sicuro che è rozzo perché è così vicino al confine. E coloro che sono qui hanno sperimentato la guerra un certo numero di volte, quindi non possono fare a meno di sembrare rozzi.”

Era un’occupazione in cui non sapevi mai quando saresti morto. Per ora, erano solo disperati di vivere. E mentre viaggiavamo così in cinque, una reazione venne fuori dalle Abilità.

Un gruppo consapevole di noi cambiò i suoi segnali da giallo a rosso, e cercò di avvicinarsi. Dai piedi visibili sotto le tuniche, capirono probabilmente che eravamo soprattutto donne, e cercarono di chiamarci.

Parlai con tutti.

“Un gruppo situato in diagonale alle spalle. Sei in totale. Sono sulle nostre tracce. Vorrei evitare problemi, quindi sbrighiamoci ed entriamo in una locanda.”

Quando abbiamo lasciato rapidamente la zona, l’altra parte accelerò per raggiungerci.

Con l’Abilità della Quarta… Up ‘n Down… abbassai la loro velocità, e sparii in una locanda, scrollandomi di dosso con successo i sei inseguitori.

… Djanpear.

Arrivando nel paese del sud, il gruppo di Novem usò i mercanti come intermediari per organizzare un incontro con il re nel suo palazzo.

Forse perché era a sud, le finestre del paese erano grandi, e la costruzione del palazzo lasciava comodamente passare il vento. Molti dei cibi e delle piante erano quelli che non avevano mai visto prima, e May sembrava che volesse fare un salto nella città castello il più presto possibile.

Eva aveva organizzato un colloquio con i suoi fratelli della terra del sud, e anche lei sembrava eccitata. Tra l’altro, strumenti sconosciuti alle sue orecchie, e un genere di musica unico. Per questo motivo, voleva ascoltare i loro racconti il prima possibile.

Seduto su una grande sedia, con due ufficiali ai suoi lati, il re 【Jules Parswall】 era un uomo dai capelli rosa e dalla pelle marrone.

Avevano sentito dire che aveva circa trent’anni, ma sembrava più giovane. I suoi tratti del volto erano decisi e ben scolpiti; coerentemente con le voci che si erano diffuse nella sua giovinezza, era un bell’uomo. I suoi occhi blu sembravano valutare Novem e il party.

Le sue braccia e le sue orecchie erano adornate con ornamenti d’oro, ed emanava un’atmosfera simile a quella della defunta nazione di Selva, ma i suoi non erano così vistosi.

“Benvenute a Djanpear, dovrei dire?”

Alle parole di Jules, Novem e le altre abbassarono la testa.

“È un onore essere in vostra presenza, Vostra Maestà. Siamo qui per quanto riguarda la questione che ci siamo scambiati in precedenza. Potremmo sentire la vostra risposta?”

Jules si portò una mano alla bocca, mentre appoggiava la schiena sul suo trono. Incrociò le gambe, la sua posa indicava che era immerso nei suoi pensieri.

“Solo di recente è giunta la notizia dell’alleanza tra quattro paesi. Inoltre, se anche la terra settentrionale di Cartaffs sta collaborando, avete davvero un’aria valida. Tuttavia. La mia franca opinione: è preoccupante se chiedete una risposta all’improvviso. Le mie scuse, ma vi farò soggiornare a palazzo per un po’. Non ho intenzione di disturbarvi. Perché, dopotutto, non voglio inimicarmi né i Cartaff né l’alleanza.”

Jules rise mentre lo diceva, ma Djanpear aveva una marina. Era potente e rinomata per lo sterminio dei pirati.

Novem poteva vedere che non aveva alcuna intenzione particolare di far loro del male. Erano davvero delle esistenze fastidiose. Probabilmente non voleva causare un problema.

Ma allo stesso tempo, c’era una distanza tra Djanpear e l’alleanza. E anche Cartaffs. Anche se fosse sorto un problema, non sarebbe stato così facile per loro invadere, e Jules lo aveva sicuramente capito.

“Sì. Capisco. Allora per il momento saremo nelle vostre cure.”

Novem lo disse come rappresentante di tutti, così Jules rispose con un sorriso.

“Cercherò di dare una risposta il più velocemente possibile. E sono felice di avere così tante belle ospiti. Penso che stasera faremo un banchetto. Prendete parte ad esso a vostro piacimento.”

Le ragazze sorrisero e accettarono la sua offerta…

… Nella sala delle conferenze del palazzo di Djanpear, l’autorità era seduta su un tappeto.

Jules sedette su uno spazio un po’ più alto degli altri, i documenti sull’alleanza e Cartaffs di fronte a lui mentre incrociava le braccia.

“Dunque, cosa ne dovremmo fare, signori? Un’alleanza di paesi grandi e piccoli. Entrambe le parti sono più grandi di noi. Ma scegliere una battaglia contro Bahnseim è quasi un gioco d’azzardo.”

Ciascuna delle autorità diffuse le proprie opinioni.

“Perché non consegnarli a Bahnseim e costruire gradualmente una relazione amichevole?”
“Vuoi attaccare briga con così tanti paesi? L’attuale Bahnseim non ha credibilità. Non possiamo fidarci di loro!”
“Sono particolarmente strani ultimamente. È meglio non punzecchiarli. Non è meglio offrire loro un cortese rifiuto?”
“Dalle loro parole, si stanno dirigendo in territorio bahnseimiano dopo questo. Stanno cercando dei signori feudali che possano essere loro alleati. Li mandiamo via con cortesia?”

Con queste opinioni a disposizione, Jules le mise insieme.

“Quindi, per riassumere le vostre opinioni, consegnare gli inviati è fuori questione. Dare loro un cortese rifiuto e farli partire… è vero che è la misura più sicura. Ma possiamo trascurare i recenti movimenti di Bahnseim? Io li considero una minaccia, e voi?”

Le autorità chiusero la bocca e pensarono. Dalla loro frontiera con Bahnseim arrivavano notizie del paese.

Per mantenere la distanza tra loro, non erano negligenti nella raccolta di informazioni. Perché non sapevano mai quando la grande nazione di Bahnseim si sarebbe precipitata sul loro suolo.

E per questo avevano informazioni precise su Celes. Le loro opinioni coincidevano. L’attuale Bahnseim era anormale.

Ma anche se le loro opinioni si sovrapponevano, le loro contromisure non lo facevano. Molti pensavano di poter continuare a prendere le distanze come avevano fatto, e il voto della maggioranza era di non mettere assertivamente la testa nella fiamma.

Ma giunti a questo punto, i paesi intorno a Bahnseim mostravano dei movimenti.

“Pensavo che ci sarebbe voluto più tempo. Con la minaccia di Bahnseim che cresceva di giorno in giorno, quando non c’era più niente da fare per loro… era il momento in cui pensavo che le nazioni circostanti avrebbero agito. E per quel momento, ho aumentato il nostro esercito… ma qualcuno ha fatto la prima mossa.”

Era Lyle. Jules sapeva che se avesse passato l’informazione precisa dell’anormalità di Bahnseim alle terre circostanti, queste avrebbero mostrato qualche movimento. Così spinse per un rinforzo dell’esercito.

Eppure c’era un uomo che muoveva da solo quei paesi. Leggermente irritato dal fatto di essere stato superato, Jules lo trovava un po’ intrigante.

“Pensavo che sarebbe arrivato il momento in cui il nome di Djanpear sarebbe stato conosciuto in tutto il continente, ma è saltato fuori un uomo piuttosto interessante. Ora, signori… avevamo intenzione di diventare il centro e fare la nostra mossa, ma ci lasceremo sfuggire questa occasione? Per favore, tenetelo nel vostro campo visivo mentre discutete.”

Le autorità incrociarono le braccia e uno propose.

“… Ora è l’unico momento in cui saremo in grado di vendere i nostri servizi ad un prezzo elevato. Non ha senso buttarsi dopo. E in uno stato in cui non possiamo mettere le mani su Bahnseim, se i paesi circostanti perdono senza che noi diamo una mano, ci aspetta solo la rovina.”

Jules si massaggiò il mento e parlò di questo.

“L’alleanza dei quattro paesi e Cartaffs del nord stanno cercando di fare la loro mossa. Se i paesi a ovest centrati su Faunbeux si muoveranno, allora saranno in grado di contenere circa la metà della potenza di Bahnseim. Che ne dite di venderci quando arriverà quel momento?”

Un’autorità disse con tono pesante.

“Se misuriamo male il tempo, saremo distrutti. Il rischio è troppo alto. In ogni caso, se non abbiamo intenzione di combattere, allora l’unica altra opzione è la resa. L’opinione di Vostra Maestà?”

Jules si alzò e dichiarò coraggiosamente.

“Mi dispiace, ma non ho intenzione di condividere una donna con altri uomini. Se ci arrendiamo, e devo essere incantato da Celes, preferisco essere morto. Quindi il mio ego ha tagliato la strada della resa. Continuate pure.”

Le autorità sospirarono e aprirono la bocca.

“Per favore, mettete una ragione più appropriata. In primo luogo, anche se ci arrendiamo, la probabilità di essere alle stesse condizioni di prima con Bahnseim è piuttosto bassa.”
“Quella ragazza chiamata Celes è davvero umana? Quella è la bellissima sirena delle favole in persona. Ammaliandogli umani e quella natura brutale.”
“Il cattivo trattamento della fazione avversaria del paese… il solo ascoltare mi fa venire un brivido lungo la schiena.”

E alla fine, una delle autorità si rivolse a Jules.

“Penso che la nostra migliore possibilità sia quella di sostenerli assertivamente. Ma il rappresentante… dovremmo mandare uno delle nostre a quel Lyle Walt.”

Jules sembrò divertito.

“Le mie figlie sono troppo giovani. La più grande ha dieci anni.”

Una autorità parlò.

“Questo è sufficiente. Ma sarà un problema se non potrà avere un figlio nel prossimo futuro. E la sorella minore di Vostra Maestà?”

Jules si sedette e scosse la testa.

“Pensate che si muoverà per me? Non siamo nemmeno della stessa madre, e io sono quello che ha ucciso i suoi fratelli maggiori per arrivare dove sono, sapete?”

Una delle autorità si mise una mano sul volto.

“Comunque, è stato deciso che collaboreremo. Troveremo una soluzione con la concubina. Se tutto va bene, potrebbe essere possibile prendere una moglie legale. Ma Vostra Maestà… vi prego di non mettere le mani addosso alle inviate. Sembra che siano le donne di quel Lyle o qualcosa del genere.”

Jules sorrise un po’. Forse l’autorità ebbe un brutto presentimento, visto che la sua espressione si irrigidì. E vedendo questo, Jules sorrise ancora di più.

“Fidatevi di me. Persino io mi tiro indietro se la donna è troppo pericolosa. E. Il mio istinto mi sta urlando. Non pensarci nemmeno. Non avendo altro che donne come quella intorno a lui, mi sono interessato a questo Lyle. Vorrei bere qualcosa con lui.”

Mentre Jules rideva ad alta voce, le autorità abbassarono le spalle in segno di sollievo…

Precedente | Indice | Prossimo

Lascia un commento

error: Content is protected !!