Madan vol3 cap 5


Capitolo 5 – Tir na Fa

PARTE 1

La pioggia smise di cadere all’alba. Anche se era una rinfrescante giornata invernale con un cielo senza nuvole, il terreno era abbastanza fangoso da raggiungere le ginocchia.

Dando le spalle l fiume, L’armata della Meteora d’Argento guardò verso sud. Avevano inviato molti esploratori per monitorare i movimenti dei cavalieri di Navarre, mentre gli altri stavano riposando. Rimanevano solo 4300 soldati; i feriti se n’erano già andati.

Dopo aver terminato la propria pausa, Ellen prese il comando e iniziò a dire ordine.

Dall’altro lato c’erano i quasi 5 mila dei Cavalieri di Navarre. A causa della loro vittoria in battaglia il giorno prima, il loro morale era molto più alto.

Tuttavia, i loro movimenti erano lenti a causa del fango sul terreno.

Inoltre si stavano muovendo a cavallo.

Tuttavia, Roland non si fece prendere dal panico e non si affrettò. Grazie alla sua esperienza sapeva che il terreno sarebbe diventato più duro con il passare del tempo.

“L’esercito di Earl Vorn sembra essere composta da meno di cinquemila”.

Olivier riferì le informazioni ricevute da un’ esploratore a Roland.

“Sono morti più del previsto.”

Era l’impressione di Roland. Il fatto che stessero ancora combattendo significava che avevano un piano.

“Anche se hanno alle spalle il fiume, si sono spostati e si sono diretti a sud.”

Olivier proseguì in tono prudente.

“Inoltre … Sembra che abbiano lasciato i loro feriti dall’altra parte del fiume. Sembra che ci sia anche Tigrevurmud Vorn. ”

Il sopracciglio di Roland si mosse leggermente. Era sicuro che avesse ricevuto una ferita quanto si erano affrontati; tuttavia, poiché avrebbe danneggiato il morale dell’esercito, avevano dovuto nascondere la ferita del loro generale. Era impossibile che l’avrebbero fatto sapere a tutti il ​​giorno successivo.

“… è una trappola?”

Poiché il nemico era ferito, inoltre, se fosse il generale, sarebbe sciocco non provare ad attaccarlo.

Tuttavia, se fosse avanzato in quel modo, Roland avrebbe esposto la sua schiena al nemico a sud. Proprio come la battaglia di ieri, avrebbe messo nei guai le sue truppe. Sebbene i Cavalieri di Navarre fossero potenti, voleva evitare una simile situazione.

“La possibilità esiste; non possiamo dire che è impossibile. I cavalieri hanno visto la ferita di Earl Vorn. Sembra che stiano pensando come noi e vogliano affrontarci prima di mezzogiorno … In altre parole, mentre il terreno è ancora morbido. ”

Non sarebbero fuggiti dalla sfida. Inoltre, il nemico era diminuito significativamente a causa delle loro perdite. Dopo aver pensato per un breve momento, Roland pres3 la sua decisione.

“Ignoriamo i feriti. Combatteremo la forza principale “.

— Earl Vorn è un nobile di una piccola regione con pochi soldati. Se annientiamo l’Esercito di Zhcted, si arrenderà.

“Capisco. A proposito, Roland. Nella battaglia di oggi … Useremo [Luna Crescente]? ”

[Luna Crescente], come [Lancia], era una formazione. Roland capì subito perché lo aveva proposto Olivier; era perché la terra era instabile a causa dalla pioggia.

Mentre [Lancia] aveva una grande forza distruttiva, aveva un punto debole dato che principalmente si basava sulla velocità. Massas li aveva sorpresi da dietro a causa di questo.

Questo rischio sarebbe sconparso con [Luna Crescente].

Olivier aveva inviato molti esploratori per verificare le caratteristiche geografiche dei dintorni. Aveva confermato che non ci fosse eccissiva quantità di fango; anche così, stava ancora agendo con cautela.

“Ottimo. Lascio la formazione a te. ”

PARTE 2

Quando Tigre si svegliò, il sole si era considerevolmente alzato. Anche se era tardi, era troppo presto per dire che era pomeriggio.

Cercò di sedersi e gemette a causa del dolore che proveniva dal suo petto e fianco.

— Ah, capisco. Mi sono ferito …

Sebbene avesse inclinato il corpo il più possibile per evitare di essere ferito, la nitidezza e la velocità della lama di Roland avevano superato le sue aspettative. Tuttavia, poiché il suo corpo era ancora tutto intero, sembra che avesse preso la decisione giusta. Aveva anche avuto fortuna.

— Mi chiedo quale sia la situazione …

Non si era completamente svegliato e fissava il soffitto. Notò qualcuno seduto nelle vicinanze.

— Batran?

Il vecchio e la piccola domestica dai capelli castano dormivano dove erano seduti. Teita era coperta da una coperta e il viso era diretto verso di lui, Tigre poteva sentire il rumore del suo respiro.

Sebbene avesse tentato di parlare, la sua gola era asciutta.

Si sedette in modo da non svegliare i due. Tigre scivolò silenziosamente fuori dalla tenda.

Fuori dalla sua tenda c’erano alcuni soldati presenti. Gli unici presenti erano i feriti.

Il cielo era chiaro, come se la violenza degli ultimi giorni non fosse accaduta.

Eppure, era un cielo invernale vuoto. L’aria era fredda e il sole era luminoso. Gli attenuò il dolore del suo corpo.

Erano in un prato vicino a una collina. Se si tendeva le orecchie, si poteva sentire il rumore dell’acqua; c’era un fiume vicino.

“Tigre-sama …?”

Una voce irriquieta con una leggera sorpresa si udì alle sue spalle.

Si voltò e vide che Teita era lì in piedi. Rimase in piedi stordita prima di correre verso Tigre con la faccia piena di lacrime. Sebbene si aggrappasse a lui, evitò le sue ferite.

“Tigre-sama …”

Tigre accarezzò delicatamente la testa della serva che lo guardava con grandi lacrime agli occhi. Tigre diede un colpo alle spalle del suo vecchio amico, Batran, che aveva seguito Teita e stava soffocando per le lacrime. Li ringraziò per aver preso cura di lui.

Dopo aver bevuto acqua e mangiato la zuppa riscaldaa di Teita, Tigre chiese un resoconto di quello che era successo mentre era svenuto.

“… Quindi abbiamo perso. L’unità principale si trova nelle Pianure Orange mentre i feriti si trovano su questo lato del fiume. ”

“Sì. Sarebbe pericoloso per i feriti se perdessimo la battaglia. ”

“Onestamente. Comunque, è una buona cosa che sia arrivato Lord Massas. ”

Teita annuì allegramente ascoltando le parole di Tigre. Sembrava felice quando lo disse e Tigre emise un sorriso involontario quando pensò a lui. Erano al sicuro, questo li dava un senso di sollievo.

Tigre inclinò la testa quando sentì che Sophie era rimasta lì, comunque.

— Vero, Sophie non abbandonerebbe mai Ellen …

Tuttavia, non era sicuro se Ellen avesse accettato il suo aiuto. Sophie era arrivata come messaggera e probabilmente Ellen l’avrebbe voluta tenuta fuori dal campo di battaglia.

“Ah, è vero. Ho una lettera indirizzata a Tigre-sama da Sophia-sama. ”

Teita si alzò non appena se ne ricordò e corse via a passo svelto.

Batran la guardò allontanarsi felicemente. Si alzò e si inchinò a Tigre prima di partire per controllare gli altri soldati.

Avendo saputo della situazione generale, Tigre si sentiva impaziente.

Ellen, Lim, Massas e Augre, e ora anche Sophie.

Sicuramente, sono stato gravemente ferito, ma dovrei rimanere qui?

Teita tornò con una lettera in mano. Tigre aprì il sigillo con un coltello.

Il contenuto della lettera era stato scritto con tratti continui. Il contenuto lo sorprese.

— Il suo Veda è stato distrutto …?

Era scritto nella sua lettera. Quando aveva affrontato il comandante nemico, Roland, la spada nera, Durandal, aveva distrutto le sue barriere. La lettera finì col dire che lei ed Ellen lo avrebbero sfidato insieme.

Tigre era pieno di paura. Era un nemico naturale per le Vanadis.

La sua impazienza crebbe. Mentre metteva il potere nel suo corpo, la sua bocca emise un suono mentre la ferita gli fece improvvisamente male. Teita lo guardò preoccupata e sostenne Tigre.

“Tigre-sama …?”

“No, sto bene.”

Dopo averle risposto, mise la lettera nei suoi vestiti. Sostenendolo, Teita portò Tigre per cambiargli le bende.

“Ti fa ancora male la ferita?”

“No. Mi sono riposato abbastanza; non sento quasi più dolore. ”

In realtà, faceva ancora un po’ male, ma non voleva spaventare la sua domestica che era come una sorella minore per lui.

Tl: io spesso la chiamo serva o domestica.

Teita cominciò a togliere le bende dal corpo di Tigre e con attenzione portò la mano verso il suo corpo.

“Inizierò ora.”

Sentendo queste parole, strinse i denti e trattenne il respiro. Le bende furono messe da parte; le croste delle ferite erano ora visibili. Tigre sopportò il dolore mentre Teita osservava il fluido rosso intenso che proveniva dalla sua ferita.

“… Non sembra infetto.”

Dopo aver fatto un respiro di sollievo, i due si guardarono l’un l’altro e sorrisero.

Asciugò il sangue dalla ferita e lo bendò con un panno pulito imbevuto di medicine. Cominciò a rimettere a posto le bende sul suo corpo.

“Questo è tutto.”

Teita parlò con un sorriso. Tigre la ringraziò

“È il tuo turno ora.”

Dopo averlo detto, Tigre tirò fuori la custodia dei medicinali.

La serva dai capelli castano lo guardò dubbiosa mentre portava le mani in avanti.

Le dita di Teita erano gonfie e rosse; il dorso della sua mano era ruvido. Sembrava che il sangue stesse ricoprendo le sue dita.

Teita abbassò lo sguardo imbarazzata, la sua faccia era tinta di rosso.

“Pensare che le tue dita sarebbero diventate così. Devi esserti presa cura di me per tanto tempo. Non voglio che tu ti faccia male. ”

“Questo è … È naturale.”

La sua voce quasi non era udibile, anche se riuscì a rispondere. Tigre tirò fuori un unguento dalla custodia e lo sfregò sulle ferite sulle dita di Teita.

“Sono stato in grado di risvegliarmi presto grazie a te. Grazie, Teita. ”

Tigre ringraziò di nuovo e chinò la testa. In questa stagione invernale, Teita aveva spremuto l’acqua dalla stoffa e gli aveva pulito il corpo. Non era nemmeno nella comodità della loro casa in Alsace, ma sul campo dopo aver perso una battaglia.

Quando finì con la mano destra, continuò ad applicare l’unguento sulla sua sinistra. Una volta che la medicina si asciugò sulla sua mano destra, mise sopra delle bende.

“Tigre-sama, anche se questa casa è piccola, è comunque buona.”

Teita sorrise per far scomparire la tensione; Tigre ricambiò il suo sorriso mentre finiva di applicare l’unguento e mettere le bende. Era in grado di farlo in modo efficiente dal momento che l’aveva fatto spesso nei periodi di caccia.

In poco tempo, il trattamento finì.

“Dovrebbe stare bene così. Devi riposare ora.”

“Grazie, Tigre-sama.”

Avendo sopportato il dolore mentre Tigre le metteva le bende sulla mano, lei le pronunciò i ringraziamenti a bassa voce. Tigre le accarezzò dolcemente la testa e in silenzio disse buona notte.

“Tigre-sama, non hai intenzione di riposare?”

“Vorrei prendermi cura del mio arco”.

Tigre guardò l’arco nero di lato. Riusciva a vedere il sangue secco.

Dopo essere stato tagliato da Roland, aveva continuato a sparare ai Cavalieri che li inseguivano. Le sue ferite si erano aperte e il suo sangue era scivolato su di esso. Il suo sangue era colato lungo il suo braccio e aveva raggiunto l’arco.

— Sono riuscito a sopravvivere questa volta.

Ricordò la battaglia. Un brivido freddo gli corse lungo la spina dorsale quando pensò alla lama di Roland che puntava verso Ellen.

Un pensiero inquietante fluttuò nella sua testa. Tigre scosse la testa in preda al panico. Non poteva essere possibile. Ellen era una Vanadis. Il suo sorriso abbagliante non sarebbe scomparso.

— Tuttavia, pensare che Durandal ha il potere di distruggere il suo Veda …

Tl: Veda è l’abilità speciale che ha ogni Vanadis.

Tigre fissò il suo arco nero, immerso nei suoi pensieri.

— Se riuscissi a usare il potere di questo arco, potrei combattere contro Roland?

Se potesse tirare fuori il potere del suo arco, sarebbe in grado di aiutare Ellen?

Come aveva fatto prima molte volte.

La mano di Tigre afferrò l’arco. Una strana sensazione attraversò il suo corpo.

— Questo di nuovo? No, è diverso. Quella volta non stava tremando. Forse … è un impulso?

Sentì una vibrazione provenire dall’arco. La vibrazione passò attraverso la sua mano, come se i loro pensieri fossero in armonia. Il suo corpo era freddo; piuttosto, era come se un pezzo di ghiaccio salisse lungo sua spina dorsale.

L’arco gli disse qualcosa con le vibrazioni. Tigre guardò l’arco nero che teneva nella sua mano con un’espressione seria.

— Giusto. C’è una volontà in questo arco. Può anche parlare.

Non era solo un battito. Era difficile da capire; come se il suo intento fosse confluito nella coscienza di Tigre attraverso le vibrazioni.

A Dinant, riuscì a sparare al Vyfal Wyvern seguendo i consigli dell’arco. Nei Monti Tatra, gli aveva prestato la sua forza per distruggere la porta del castello.

Anche questa volta probabilmente non era sicuramente un caso.

— È come se stesse provando a condurmi da qualche parte.

Non sapeva se l’arco comprendesse i suoi pensieri, ma poteva sentirlo tremare nelle sue mani. Sentiva che doveva andare.

“… Tigre-sama?”

Teita parlò piano, chiedendosi perché stava stringendo l’arco con così tanta eccitazione. Tigre non rispose. Si alzò e indossò uno spesso mantello.

“Esco per un attimo.”

“C, chr stai dicendo !? Hai bisogno di riposare!”

Teita era confusa. Tigre era stato ferito ed stava dormendo fino a poco fa. Per stabilizzare il suo corpo, aveva bisogno di riposare di più. Tigre non riusciva a trovare alcuna scusa.

Anche così, Tigre era serio e scosse la testa ostinatamente.

“Scusa, Teita. Ma devo andare. ”

Comprendeva i pensieri di Teita e non voleva mettere da parte la sua buona volontà, ma sentiva il bisogno di seguire la volontà della sua arma.

“Non so quando tornerò. Assicurati di riscaldare il tuo corpo e riposa bene. ”

Teita sentì Tigre pronunciare parole inaspettate.

“Verrò anche io con te —”

“Cosa stai dicendo ora?”

“Questo è quello che dovrei dire. Dove stai andando, Tigre-sama? ”

Tigre non rispose. L’arco gli aveva dato solo una vaga direzione; non aveva specificato una posizione o una distanza concreta.

Non riusciva a pensare a nessuna parola per persuadere Teita, ma non riuscì nemmeno a cedere. Tigre semplicemente scrollò le spalle e si arrese.

“Capito. Puoi seguirmi, ma obbedirai ai miei ordini. Se è pericoloso, scapperai. Hai capito?”

Tigre e Teita se ne andarono dalla tenda dopo aver salutato la guardia, dicendo che avrebbero camminato un po’ perché non riusciva ad addormentarsi.

— In un certo senso, posso evitare gli altri con Teita qui.

Dopo aver lasciato la zona delle tende, Tigre guardò Teita che camminava accanto a lui. Lei lo guardò sbalordita.

“Ah, non importa. Andiamo.”

Sotto il cielo senza nuvole, Tigre afferrò l’arco nella sua mano sinistra e camminò con le frecce alla sua destra. Sebbene fossero ancora in una zona sicura, potevano essere attaccati da animali selvatici.

In contrasto con Tigre, che rimaneva in silenzio per sentire l’intento dell’arco, Teita cominciò a parlare di ciò che stava accadendo. Fu sorpreso di sentire che era in buoni rapporti con Ellen.

“Davvero, non si trattiene affatto. È inutile dirle di fare qualcosa. ”

“Beh, è ​​proprio così che Ellen si comporta con gli altri.”

La sua generosità, la sua mente aperta erano i suoi punti di forza. Era brutto che lei avesse problemi nelle negoziazioni, ma Tigre sentiva che una parte di lei era amabile.

Inoltre, aveva sentito Ellen era venuta a fargli visita mentre stava riposando. Tigre sorrise, il che deluse Teita, ma lui la persuase che era semplicemente contento di avere dei visitatori.

Anche Teita parlò dei soldati di Brune e dei soldati di Zhcted che lo avevano visitato. Questo era inaspettato e rese felice Tigre.

— Per quanto dovrei camminare …?

Avevano camminato per mezzo koku ed erano su un vasto prato. Tigre aveva continuato con disagio, ma Teita si sarebbe preoccupata se avesse cominciato a lamentarsi.

Il vento soffiò e l’ambiente si oscurò all’improvviso.

— Nuvole…?

Tigre guardò il cielo, poi guardò dietro di lui.

“… Tigre-sama?”

Teita lo guardò dubbiosa. I suoi occhi nocciola mostravano quanto fosse sorpresa.

Un edificio di pietra nera e grande si elevava davanti ai due. Era un vecchio santuario, rovine dei secoli passati. Aveva bloccato la luce del sole.

Tigre e Teita lo fissarono senza espressione.

Avevano camminato qui nella prateria durante il giorno. Avrebbero dovuto averlo visto, eppure era apparso all’improvviso.

Teita afferrò saldamente le maniche di Tigre, le sue piccole mani tremavano per la paura. Tigre le prese dolcemente la mano per allentare la tensione.

— L’arco mi sta mostrando la strada.

Il muro del tempio era sporco di fuliggine, lunghe crepe erano visibili qua e là. Da tempo era stato abbandonato.

“C-che tipo di divinità veniva adorato in questo santuario …”

Anche se la voce di Teita tremava, Tigre notò un certo interesse. Dato che era stata educata come una sacerdotessa, sapeva che era un tempio a prima vista; Lo stava guardando con curiosità.

Anche Tigre guardò il tempio. I due trovarono un ingresso allo stesso tempo.

— Potrebbero esserci persone dentro?

“… Hai intenzione di entrare, Tigre-sama?”

La voce di Teita stava chiaramente tremando. Dopo tutto era un tempio così misterioso. Tigre esitò prima di avanzare.

“Vado, Teita.”

Sebbene potesse essere pericoloso, era meglio lasciarla qui per il momento, dato che era già preoccupata per Tigre. Si avvicinò a Tigre, come se stesse dicendo che poteva proteggersi.

Entrarono nell’edificio attraverso un passaggio buio. Si mossero passo dopo passo nella sala poco illuminata. Vari murales erano visibili sulle pareti.

Incoraggiati dalla luce, i due percorsero il passaggio in silenzio. C’era solo un singolo passaggio.

Quando alzò lo sguardo verso il muro, Teita fece un respiro profondo, avendo capito qualcosa dai dipinti.

Sul muro c’erano statue di una Dea. Tigre conosceva solo la dea delle tempeste, Eris. Quello era il limite della sua conoscenza.

“Questo è…”

Teita parlò con voce tremante.

“Tir na Fa”.

PARTE 3

Sia a Brune che a Zhcted, incluso Perkunas, il Re degli Dei, venivano venerati un totale di dieci Dei. Se si andasse alla frontiera, sarebbe possibile trovare dei nativi che adorassero più divinità.

Per coloro che avevano un ruolo attivo nella religione, era chiaro che l’altare che si trovava più in profondità era usato per adorare questi dieci Dei.

Tra di loro c’era la dea Tir na Fa. Poiché il re Perkunas era il dio del sole e della luce, Tir na Fa era la dea della notte, dell’oscurità e della morte.

Era la moglie di Perkunas, sua sorella maggiore, sua sorella minore e la sua arcinemica nel ciclo della vita.

In quanto unica divinità ostile nei confronti di Perkunas, perché era stata inclusa nel pantheon dei Dieci Dei? Questa discussione era stata discussa tra sciamani e sacerdoti centinaia, migliaia di volte.

Tuttavia, per diversi motivi, era una delle poche dee.

— Quindi questo è un tempio di Tir na Fa …

Non riuscì a nascondere la sua sorpresa mentre guardava l’arco nero nella sua mano sinistra.

Aveva sentito una voce durante quella battaglia; forse era la voce della Dea che gli stava trasmettendo il potere del Veda di Ellen .

L’arco nero, un simbolo della notte e dell’oscurità.

— Ma non mio Padre non mi ha mai raccontato storie su Tir Na Fa.

Quando assumme il ruolo di suo padre, guardò negli archivi di suo nonno e bisnonno, eppure non aveva trovato nulla della Dea.

Tigre guardò la Dea scolpita nel muro. C’erano molti disegni e ali.

Toccò la spalla di Teita per tranquillizzarla. Tigre mise via la sua freccia e tenne l’arco con entrambe le mani, come se lo stesse offrendo alla Dea.

In quel momento, l’area si oscurò. Tigre tornò a guardare verso Teita e fece un respiro profondo.

Teita, che camminava cautamente e aveva un’espressione timida, guardò Tigre con un sorriso senza vita; i suoi occhi erano vuoti.

“Teita …?”

[— È inutile, anche se la chiami.]

Mentre la bocca di Teita si muoveva, la voce non veniva da lei. La voce era direttamente nella mente di Tigre.

Tigre scosse la testa e guardò intensamente Teita. Non c’era nessun altro in giro.

— Ricordo questa sensazione. È lo stesso di quando ho abbattuto la Viverna Vyfal …

All’epoca era diverso dal rumore del campo di battaglia; le parole risuonavano direttamente nella sua testa, ma al momento c’era qualcosa di molto più importante di quello.

“… Non so chi sei, ma lascia andareil corpo di Teita.”

[È difficile parlarti in un altro modo. Io … rimarrò qui.]

Sebbene non riuscisse a capirlo, sentì un tono piuttosto amichevole nella [Voce]. Dopo aver lanciato un’occhiataccia a Teita, Tigre lasciò andare la tensione nel suo corpo e sospirò profondamente. Non sapeva cosa fare.

“Teita … è al sicuro?”

[Sì. La sto usando per parlare adesso, ma lei non lo ricorderà.]

Non c’era né ostilità né cattiveria nella sua voce. Lui le avrebbe creduto per il momento.

“Sei Tir na Fa?”

Guardò la Dea scolpita nel muro. Tigre chiese attentamente pensava che potesse essere qualcun altro. Non sentiva una maestosità che si aspettava da un Dio.

La [Voce] sembrava aver riso, come se si stesse divertendo. Era una voce gentile.

[Chi lo sa. Ti ho portato qui, dopotutto.]

Tigre si accigliò. Era guidato dal suo arco perché desiderava qualcosa … Ma c’era molto che non sapeva.

Se supponesse che questa voce fosse Tir na Fa, allora perché gli aveva prestato il suo potere? Perché questo arco risuonava con il Viralt? Chi tra i suoi antenati aveva ottenuto quest’arma?

Molti dubbi volarono nella sua testa. Tigre era così confuso, ma sapeva che i suoi pensieri si stavano allontanando dall’obiettivo. La voce rise, come se fosse divertita.

[Sei interessante, proprio come quel bambino.]

“Quel bambino?”

[Il bambino a cui ho dato questo arco.]

Sebbene fosse un cacciatore, l’antenato di Tigre aveva fatto importanti servizi militari e aveva ricevuto il titolo di Conte. Aveva detto che era simile a quella persona; questo diede a Tigre una strana sensazione.

[Desideri il potere?]

Glielo chiese bruscamente. Era una voce diversa da qualsiasi altra. Un suono dolce affollava l’orecchio di Tigre, dandogli una sensazione strana.

[Volevi potere, quindi sei venuto qui. Ho ragione?]

Il suo cuore sobbalzò. Si strinse il petto con le dita, il suo respiro era doloroso, le sue ossa facevamo male.

— Esatto … Lo volevo e l’arco ha reagito.

Per combattere Roland. Per aiutare Ellen.

“… Se chiedessi il potere, me lo daresti?”

Tigre chiese con attenzione, ma la risposta superì le sue aspettative.

[Quindi lo vuoi.]

Parlò nella sua mente con la voce di Teita, il cui corpo era ora avvolto da una luce blu.

[Spara a questa ragazza.]

“… A che serve questo?”

[Non muoverti. Prendi il tuo arco e spara a questa ragazza.]

Non era una domanda.

[Mostramelo. Il tuo desiderio, la tua deterzione, la tua capacità. Domina l’arco, accettalo. Una volta che lo hai fatto, ti concederò il potere che desideri.]

Parlava lentamente, come se stesse cantando. Se avesse iniziato a urlare, la sua ferita avrebbe fatto male. Per questo Tigre disse poche parole.

“… Se dovessi sparare, che ne sarà di Teita? Puoi farla tornare da me? ”

[Chi lo sa.]

La voce stava chiaramente godendo della situazione. Strinse i denti. Il sudore gli scorreva in faccia. I suoi occhi dolevano. Se fosse finita così, avrebbe preferito andarsene.

Gli stava dicendo di muovere le mani che usava per proteggere.

Teita non cambiò, la sua espressione rimase vuota.

— … Calmati. Pensa. Cosa posso fare?

[Cosa farai? Volevi potere, giusto? Allora potresti proteggere ciò che è importante per te.]

La sua mente era stata letta. Dopo essere entrato nel tempio, non aveva detto la ragione per cui desiderava il potere.

Tigre soppresse la sua irritazione mentre pensava. Teita era stata presa in ostaggio; non poteva scappare.

— Un po’ di tempo fa, ha detto di dominare l’arco, mostrare il mio desiderio, risoluzione e capacità.

Sarebbe capace di sacrificare qualcosa di importante per lui per il potere? Tigre se lo chiese.

All’improvviso, Tigre ricordò la sua conversazione con la voce di qualche tempo prima.

“… Da un po’, sei stato piuttosto loquace.”

[C’è qualcosa di sbagliato in questo?]

“Quella volta, perché non hai detto nulla?”

Nella sua lotta con Ludmira, aveva distrutto la porta del castello.

La [Voce] non gli aveva risposto. Tigre pensava di aver capito la situazione.

La [Voce] non veniva dal suo arco.

— Ottimo. Te lo mostrerò.

Tigre prese il suo arco.

[Lo farai?]

Tirò la corda al limite in risposta. Le ferite del suo corpo urlarono dal dolore, ma lo sopportò e lo ignorò. Pregò l’arco come fece nella montagna coperta di neve.

In quel momento, una sensazione fredda attraversò la sua mano che stringeva l’arco; il suo corpo fu attaccato da una sensazione di debolezza, come se la sua vita, le sue braccia, le sue gambe, come se tutto stesse seccando.

Tigre fece un passo deciso sul pavimento; non allentò la presa sulla corda dell’arco. Continuò a inviare la sua volontà al suo arco nero.

La freccia nella sua mano destra si tinse di una luce nera.

— Di Più. Voglio di più.

Il suo corpo era coperto di sudore, la sua vista era sfocata e la sua mira era tremolante. Comunque, Tigre continuò a dire al suo arco, Dammi più potere.

Secondo il suo desiderio, la luce nera inghiottì la sua freccia, era pronto a sparare. Il suo braccio tremò, non ancora. Non era ancora abbastanza.

[Hmm.]

La [Voce] apparentemente era a conoscenza dell’intento di Tigre.

[Puoi farlo? Se sbagli anche di poco, questa ragazza sarà fatta a pezzi. Neanche un frammento delle sue ossa rimarrà.]

Sei rumorosa. Stai zitta.

[E che dire del tuo corpo?]

Lo so. La mia ferita fa male. So che il mio corpo è coperto di sudore e sangue ora.

— Teita. Ti colpirò.

Ma non ti lascerò morire. Non lascerò che qualcosa di strano ti porti via.

Difendere, salvare. Pur consapevole della contraddizione, sparò.

Lasciando un urlo, lasciò la mano destra.

Un torrente di potere fu rilasciato verso la ragazza. Tigre spalancò gli occhi per guardare la freccia che lui stesso aveva sparato.

Era una forza equivalente alla vita che aveva posto su di essa . Era una freccia rivestita.

La freccia entrò nel petto di Teita. E si bloccò lì. Il suono dell’aria risuonò mentre una tempesta imperversava nella sala. La luce nera, il [Potere] distrusse i vestiti di Teita.

Tl: Dress Breaker di Issei? Modalità no-touch.

Il cuore di Tigre si fermò dopo aver visto questo.

Tuttavia, la luce nera non la ferì e scomparve. Tigre era completamente esausto e si sedette, la sua forza fisica ormai era esaurita. Anche in battaglia, non si era mai sentito così stanco. Voleva lasciarsi cadere sul pavimento e dormire.

[Sei immaturo – ma il tuo desiderio per tutto, i tuoi sentimenti, a malapena passabile.]

Tigre aveva messo abbastanza energia nella sua freccia, ma non era stato in grado di sopportarlo. Aveva usato la sua vita come compenso. Tuttavia, la freccia non aveva raggiunto Teita.

Fino al momento in cui la raggiungeva, rimase cosciente.

— Non penso di poterlo fare di nuovo …

Era riuscito a misurare il flusso di [Potere] che andava dal suo corpo all’arco e alla freccia. Non era riuscito a pensare a nessun altro modo. Era stata una scommessa spericolata per la vita di Teita.

Teita non era cambiata. Era circondata da una luce blu. Come se avesse perso ogni forza, il suo corpo cadde come un burattino con le corde tagliate. Sebbene Tigre non potesse alzarsi in piedi, il suo corpo si mosse automaticamente.

Immediatamente prima che Teita colpisse il pavimento, la prese tra le sue braccia. La pallida luce che la circondava scomparve.

Tigre era finalmente consapevole che Teita era ora in topless. Sebbene intendesse appoggiare il suo mantello su di lei, era al limite delle sue forze.

— Grazie al cielo, davvero …

Il peso e il calore di Teita erano normali. Quando lasciò andare la tensione, sentì di nuovo la voce.

[Ora, riguardo a questo potere —]

Rispetto a prima, la voce aveva una fredda tranquillità.

[Stai attento. Se commetti un errore, possono accadere cose peggiori.]

Nel momento in cui la voce finì di parlare, l’immagine fluttuò nella mente di Tigre.

Era uno scenario che non aveva mai visto prima, una grande città molto più grande della capitale Nice. Un uomo sparò una freccia da molto lontano. Usava un arco nero.

Il momento successivo la città fu avvolto da una luce bianca, distrusse ogni vosa senza lasciare traccia.

— Che cosa…?

Per un po’ non capì cosa fosse successo perché la scena si svolse troppo velocemente. Il volto dell’uomo, i suoi vestiti, non era riuscito a vedere nulla.

[È successo molto tempo fa. Anche tu potresti essere in grado di farlo o essere costretto. L’arciere perse la vita nel momento in cui sparò la freccia.]

“… Che diavolo è questo arco?”

Nessuna risposta fu udita, solo una risata gioiosa.

[Investiga se vuoi saperlo. Sebbene molte cose siano andate perse nel tempo, ci sono ancora molti indizi in questo mondo.]

Sembrava che non fosse disposta a dirglielo. Sebbene Tigre iniziò a fare le sue ipotesi, prima che potesse parlare, l’ambiente circostante iniziò a crollare. No, forse sarebbe più appropriato dire che stava scomparendo. I muri di pietra si trasformarono in sabbia e polvere e sparirono nell’aria.

[Dovresti scegliere un orario e un luogo più appropriato. Sì, ad esempio, nel buio profondo della notte in cima a una montagna di cadaveri. Non vedo l’ora che tu domini questo arco.]

Tigre teneva strettamente Teita per difenderla. Capì che la voce era scomparsa.

All’improvviso, un debole raggio di sole si riversò su di loro.

Tigre teneva l’arco in una mano e abbracciava strettamente Teita nell’altra. Si sedette al centro della desolata prateria.

Si guardò intorno. Il tempio non si vedeva da nessuna parte. Il tempio delle tenebre, la sua ombra e la sua forma, scomparve prima che potesse contare fino a dieci.

“… Che cos’era questo?”

Era una situazione ben oltre la sua immaginazione. Tigre collassò, sentendo come se fosse stato solo un sogno.

— Era davvero la Dea?

Aveva immaginato che un Dio avrebbe avuto un’atmosfera solenne e non aveva sentito alcuna atmosfera divina. La voce di Dio è gentile; non sarebbe stato costretto a prostrarsi in quell’occasione?

Era come un fantasma o una fata, appena uscito da una storia per bambini.

“Ma…”

Tigre guardò il cielo mentre pensava. La sua attenzione non era concentrata da nessuna parte.

Diceva di [Dominare il suo arco].

Se avesse preso quelle parole letteralmente, doveva ancora dominare la sua arma.

Non percepì nulla dal suo arco nero. Parlando francamente, era diventato silenzioso.

“Non vedo l’ora, è …”

Interpretò le parole della Dea. Poteva guardarlo oggettivamente, ma non riusciva a capirlo con le sue emozioni.

“Immagino di doverlo fare.”

Era sicuro che avrebbe scoperto di più sul suo arco. Sebbene fosse strano, aveva afferrato un indizio importante.

— Davvero … Chi era l’antenato che usò questo?

Si chiese che tipo di sangue scorreva dentro di lui. Gli fu detto che era simile al suo antenato. Era ansioso.

All’improvviso, Teita si mosse. Si svegliò e fece un’espressione di panico. Tigre gentilmente chiamò il suo nome.

“Tigre-sama? Ehm … Eh? ”

Aveva un senso di strano sopra la sua vita. Sebbene Tigre avesse posato il suo mantello su di lei, decise di scusarsi e spiegare cos’era successo. Si inchinò con la testa a terra.

“Mi dispiace.”

“… Tigre-sama?”

“Anche se è difficile da spiegare … ho sparato una freccia contro di te.”

Teita guardò in basso e notò che il suo petto era coperto dal mantello di Tigre. La pelle sotto il suo petto era esposta.

null

“Puoi colpirmi se sei arrabbiata. Anche se ho fatto del mio meglio, è comunque finito così.”

“Per favore, guarda in alto.”

Lei parlò con calma. Tigre si mise a sedere. Teita non era arrabbiata; in qualche modo capì la situazione e lo guardò con un sorriso mentre chiedeva gli occhi.

“Lo ricordo, anche se poco… Abbiamo visto la dea Tir na Fa scolpita nelle pareti del tempio. Quando l’ho guardata, qualcosa di strano ha attraversato il mio corpo … I miei ricordi si fermano qui, ma — ”

Aprì gli occhi e sorrise vivacemente.

“Tigre-sama, non scusarti. Hai fatto del tuo meglio, quindi non devi scusarti. No, per favore, permettimi di ringraziarti. ”

Grazie.

Piuttosto che pronunciare quelle parole, trasmise i suoi pensieri abbracciando Tigre e accarezzandogli delicatamente la testa.

Alla fine lasciò la presa e i due si separarono.

Tigre afferrò il suo arco nero e si alzò.

“Ho un posto dove devo andare. Per favore aiutami, Teita. ”

PARTE 4

Mentre erano ancora distanti dall’Armata della Meteora d’Argento, i cavalieri di Navarre si divisero in tre gruppi. Il primo gruppo consisteva di duemila truppe. I restanti avevano circa millecinquecento ciascuno.

Il primo gruppo marciò verso L’armata della Meteora d’Argento a sud. Il secondo e il terzo fecero un’enorme deviazione.

Olivier era in testa al primo gruppo mentre teneva una lunga lancia. Anche senza la presenza di Roland, era una persona distinta che poteva guidare diverse migliaia di cavalieri con stile e dignità.

“Luna Crescente!”

Gridò. I Cavalieri sollevarono le loro armi in alto e corsero avanti in una formazione a ferro di cavallo, la terra tremò per la loro carica.

I Cavalieri di Brune avevano inventato la formazione [Luna Crescente] diversi decenni fa.

Primo, l’armata si divideva in tre. La prima unità avrebbe affrontato il nemico mentre i rimanenti due si sarebbero mossi sul campo di battaglia.

Il secondo gruppo avrebbe caricato dal lato senza pausa per impedire a eventuali nemici di fuggire; tuttavia, il nemico aveva ancora un lato esposto.

Essendo attaccato da due fronti, il nemico gli avrebbe mostrato le spalle. Avrebbero iniziato il loro ultimo attacco lì.

Il terzo gruppo aveva fatto una grande deviazione e li avrebbe raggiunti da dietro.

Il nemico disorientato avrebbe cambiato la formazione per affrontare il terzo gruppo.

Attaccati da entrambi i lati, la prima unità avrebbe applicato più pressione al nemico. Essendo attaccati da tre fronti, la formazione nemica sarebbe collassata. Questo era la [Luna Crescente].

Quando l’attacco congiunto veniva eseguito, ogni unità sosteneva l’altra e agiva da diversivo. La sua forza distruttiva era sorprendente.

Ogni cavaliere di Brune aveva vinto molte battaglie usando questa formazione.

Nel caso dei Cavalieri di Navarre, la forte presenza di Roland aumentava solo le loro vittorie.

Dall’altro lato, l’Armata della Meteora d’Argento aveva quattro mila trecento soldati. Tre mila erano al centro con cinquecento per parte. Trecento rimasero nella parte posteriore come riserva. Era una formazione tipica. I soldati di Brune furono collocati al centro, circondati dai soldati di Zhcted.

Ellen e Sophie si stavano preparando per il loro scontro con Roland.

Lim aveva il comando delle truppe, con Massas come vice-comandante. Il visconte Augre rimase fuori dal campo di battaglia, si occupava dei feriti e dei non combattenti.

Lim guidava tutte le truppe. Tutti pensavano che fosse un insulto per Brune che Massas fosse solo un aiutante. Cioè, preoccupava alcune persone.

“Lord Massas. Il nemico avanza. ”

Massas annuì e si accarezzò la barba, nonostante il suo sguardo.

“Quindi non inseguiranno Tigre e gli altri.”

Ellen aveva diffuso informazioni sul fatto che Tigre fosse stato ferito per dirigere l’attenzione di Roland su di lui.

“Le loro armi, il loro schieramento. Come previsto, è la [Luna Crescente] … ”

Il suono di un corno e una campana risuonò.

I Cavalieri di Navarre corsero avanti con le loro lance verso l’AMA; tuttavia, i Cavalieri erano meno del previsto.

L’avanguardia dell’Armata della Meteora d’Argento teneva in mano scudi e lance di grandi dimensioni in preparazione del potente attacco. Erano fatti di legno spesso rafforzato da una piastra di ferro. Sebbene pesante, era robusto e avrebbe resistito alla carica dei Cavalieri.

Tuttavia, lo scontro non si verificò. I Cavalieri di Navarre si avvicinarono all’esercito di Tigre senza cambiare direzione. Le unità sul fianco tenevano le loro lance fuori orizzontalmente.

Non erano pesanti giavellotti come quelli che portavano i Cavalieri di Navarre. Piuttosto che lanciarli, i soldati li sostenevano saldamente, formando un cerchio di lance. Tuttavia, i Cavalieri di Navarre non si fermarono e caricarono dritti.

Non permettete al nemico di prendervi ai lati o alle spalle e non insegute quelli che corrono di lato.

Lim aveva dato loro ordini severi.

I suoi ordini si stavano rivelando utili molto rapidamente. Se avessero inseguito il nemico, la difesa della forza principale sarebbe stata facilmente superata e sarebbero stati uccisi quando sarebbero caduti nel caos.

La principale unità nemica aveva preso la sua posizione. Lanciarono i giavellotti verso l’esercito di Tigre viravano a destra.

“— Ritirata.”

Vedendo il nemico alle spalle, Lim diede l’ordine a tutto l’esercito.

Il nemico gli aveva mostrato le spalle e ci sarebbe voluto del tempo per cambiare direzione. Sebbene fosse un’occasione d’oro, decisero di ritirarsi.

Sebbene ci fosse insoddisfazione e dubbio, la loro fiducia era superiore. I soldati di Zhcted semplicemente seguirono gli ordini e si ritirarono in modo ordinato. Lim e Massas avevano combattuto molte battaglie usando la formazione [Luna Crescente] .

“Il prossimo è il secondo gruppo…”

Cambiarono la formazione vedendo la ritirata del nemico modificando il seguente attacco secondo la [Luna Crescente].

Il terzo gruppo avrebbe attaccato da destra, e la prima unità avrebbe caricato dal fronte secondo la formazione. Il secondo gruppo li avrebbe circondati da sinistra; Così tutte e tre le unità li avrebbero circondati.

L’AMA indietreggiò, come se non avesse la volontà di combattere fino a quando non aveva alle spalle il fiume.

Olivier, che comandava i Cavalieri di Navarra, notò i movimenti innaturali del suo nemico.

“Non possono più indietreggiare. Potrebbero avere una contromisura contro la [Luna Crescente] …? ”

Tuttavia, dopo un rapido ragionamento, Olivier decise di continuare l’attacco.

— Deve essere perchè Earl Vorn è ferito. Il nemico non è riuscito a riprendersi dalla sconfitta di ieri e la loro volontà di combattere per questo deve essere così.

Inoltre, il terreno era sufficientemente stabile le due forze avanzarono. Anche se avessero qualche piano, potevamo solo contrattaccare alla carica dei Cavalieri.

Soprattutto, [Luna Crescente] non era mai stato rotto.

Olivier ordinò l’attacco.

Massas e Lim ricevettero con calma un rapporto sui Cavalieri di Navarre.

“Circa millecinquecento … Il fiume è alle nostre spalle, e il Cavaliere Nero è il loro capo.”

La tensione e la paura si vedevano molto bene nel viso del messaggero e di tutti coloro che avevano ascoltato il rapporto. Tutti erano rimasti impressionati dall’aura intimidatoria che Roland aveva mostrato nella battaglia di ieri.

“— Lui è arrivato.”

Tuttavia, la persona che dissipò le loro paure con una sola frase, la Vanadis dai capelli bianco argento con una spada lunga, sembrava calma. I soldati circostanti ritornarono in uno stato di normale tensione.

“Lord Eleanora. Lord Sophia. ”

Massas salutò Ellen e Sophie seguendo l’etichetta.

“Anche se mi sento in colpa per questo, lo affiderò a voi.”

“Lascia fare a noi.”

Il difficile compito di sconfiggere Roland – Ellen lo disse con un tono leggero. Anche Sophie annuì e sorrise dolcemente.

Presto fu consegnato un altro rapporto del nemico.

“… Quindi è ora. Ci stanno provocando mantenendo [Luna Crescente]. ”

Massas borbottò amaramente.

La superficie del fiume rifletteva il sole invernale. I Cavalieri di Navarra si avvicinarono all’Armata della Meteorite d’Argento. Il cielo era coperto da una pioggia di frecce e giavellotti dell’esercito di Zhcted. L’atmosfera era duro, soldati e cavalieri cadevano sotto i colpi delle frecce e lance. Nonostante le perdite, nessuna delle due parti crollò.

Poi, da destra, i Cavalieri di Navarre attaccarono l’Armata della Meteora d’Argento.

Il terzo gruppo attaccò da destra. Mentrr teneva saldamene Durandal, Roland prese il comando e uccise i soldati di Zhcted mentre si creava un passaggio nella loro formazione. I soldati di Zhcted non riuscirono ad opporsi e furono abbattuti come bambole di fango.

I Cavalieri di Navarra sfondarono l’ala destra dell’Armata della Meteora d’Argento.

Tuttavia, i loro movimenti rallentarono mentre si avvicinavano alla forza centrale. Lo stesso successe alle truppe al fronte.

I cavalli nitrirono e si fermarono

I Cavalieri finalmente lo notarono. Il fango sotto i loro piedi era notevole.

Centinaia di frecce da destra e sinistra si diressero verso i Cavalieri. Umani e cavalli collassarono nel fango, uno dopo l’altro. Sebbene li bloccavano con i loro scudi, non potevano avanzare o ritirarsi a meno che non fossero scesi dal cavallo.

“Che significa questo? Non ho sentito nulla di questo dagli esploratori. ”

Olivier si morse il labbro. Non era che i suoi esploratori non avessero riportsto informazioni insufficienti. Avevano confermato la stabilità del terreno con i loro movimenti precedenti.

Allora perché era fangoso solo questa zona?

“… Tutto secondo i piani fin’ora”.

All’interno dell’AMA, Ellen mormorò a se stessa.

Quello che avevano fatto non era stato troppo difficile. Il visconte Augre aveva arginato il fiume con sacchi di sabbia durante il loro scontro con il marchese Greast. Con i sacchi di sabbia in mano, era abbastanza facile pensare al piano.

In circostanze normali, l’acqua non superato l’argine in inverno.

Ma con la pioggia di ieri, i livelli dell’acqua erano più alti, trasformando la terra circostante in fango in pochissimo tempo. Era irragionevole che i Cavalieri di Navarre scoprissero questa informazione dato che la terra diventò fangosa poco prima della battaglia.

In contrasto con ieri, i soldati di Zhcted attaccarono i Cavalieri di Navarre in una sola direzione. Il sangue si mescolò con il fango. Cadaveri di umani e di cavallo caddero a terra.

I Cavalieri si difesero disperatamente o presero misure per fuggire dal fango mentre l’Esercito di Zhcted caricava con le loro lance in avanti. I soldati si vendicarono della sconfitta e attaccarono con tutte le loro forze.

I Cavalieri di Navarre venivano respinti, uccisi e sembravano ad un passo dalla sconfitta, ma c’era un angolo dell’Armata di Zhcted che era sotto pressione.

Roland aveva gettato da parte il suo cavallo e stava correndo attraverso il fango, uccidendo i soldati lungo la strada.

Quella scena era una riproduzione dell’atrocità di ieri.

Ogni volta che il cavaliere nero faceva oscillare la sua spada, urla e sangue volavano dappertutto, e le vite di uno o due soldati venivano prese. Per ogni passo che facevano, venivano costretti a fare due passi indietro. Perforò le loro armatura e prese le loro vite senza pietà.

Su un sentiero fatto di sangue e terra, Roland si lanciò in avanti con una velocità inaspettata mentre brandiva la sua spada. Raccolse le vite di cavalli e umani, come se brandisse una grande falce.

Innumerevoli cadaveri coprivano il terreno, sangue e fango si mescolavano e scorrevano come un fiumiciattolo. La persona che fermò la corsa di Roland era la stessa di ieri.

Con la spada in mano e i suoi capelli bianco-argento svolazzanti nel vento, colpì la lama sacra nella mano di Roland.

“Ci incontriamo di nuovo.”

Un sorriso senza paura era sulla bocca di Ellen mentre lei gli stava di fronte. Sophie presto apparve dietro di lei.

“Quindi sei tu … Dov’è Earl Vorn?”

“È un po’ impegnato. La Silvfrau sarà il tuo avversario.”

Con un movimento della mano di Sophie, Ellen si precipitò in avanti. La luce del sole rifletteva la sua spada mentre colpiva la lama sacra. Roland emise una forte aura omicida, ma Ellen semplicemente lo ignorò senza mostrare alcun segno di pressione.

Scintille blu volarono intorno, il vento turbinava e il fango volò via.

Roland fece un respiro profondo per il loro attacco combinato, una luce apparve nei suoi due occhi.

— È più forte di ieri …!

La sua determinazione e risoluzione erano trasmesse attraverso le loro spade, e la sua abilità era chiaramente aumentata insieme al suo spirito. Roland non si aspettava più una lotta facile.

Proprio a causa del vento che gli accarezzava la pelle, sapeva che avrebbe incontrato la sua morte se l’avesse sottovalutata anche leggermente.

Si scontrarono mentre combattevano. Anche nella confusione della battaglia, un piccolo cerchio li circondò.

I subordinati si separarono dalla battaglia mortale per paura.

C’erano alcuni Cavalieri coraggiosi di Navarre che entrarono nello spazio, ma furono immediatamente respinti da Sophie. Anche i soldati di Zhcted che si avvicinarono furono respinti.

Mentre Ellen e Roland si scontrarono, il vortice della battaglia crebbe, a poco a poco.

Roland si allontanò dal campo di battaglia, sapendo bene che non avrebbe dovuto voltare le spalle alla Vanadis, così affidò il fronte di guerra ad Olivier.

Lasciando il mondo dove regnavano il ferro, il sangue e la terra, il Cavaliere Nero e la Vanadis corsero verso una prateria in un’area a due belsta (circa due chilometri) dal campo di battaglia. Sophie seguì poco dopo Ellen a cavallo.

“Cavaliere Nero. Sarei felice se mi permettessi di essere tuo avversario. ”

Ellen la guardò velocemente per chiedere se andava bene. La Vanadis del Fiore di Luce fece un lieve cenno del capo.

Ellen aveva scelyo di combattere in questa località da sola per due motivi.

Il primo era mostrare la sua determinazione a Roland.

La seconda per la resistenza fisica limitata di Sophie. Sebbene Sophie avesse forza, la sua resistenza era molto minore rispetto a Ellen o Ludmira. Era chiaro dal momento che non stava combattendo Roland dall’inizio.

“— Venite.”

La risposta di Roland fu breve. Le tre ombre accorciarono la loro distanza.

Lo spadone e lo scettro disegnarono un ampio arco. Anche con loro due, anche quando Ellen e Sophie combatterono insieme, Roland riusciva da solo riusciva a respingerli. Respinsero attacchi, schivarono ​​e contrattaccarono.

Ellen e Sophie non potevano assolutamente parare i colpi di Roland. Se avesse ricevuto gli attacchi, le sue braccia si sarebbero rotte.

Tuttavia, nemmeno Roland poteva permettersi il lusso di distrarsi un attimo mentre combattevano. Non poteva nemmeno battere le ciglia troppo a lungo, né riusciva a respirare.

In uno spaventoso scontro tra le armi, la grande spada di Roland colpì il cavallo di Ellen. Perse di nuovo il suo cavallo.

Tuttavia, la seguente azione era diversa da ieri.

— Cavaliere Nero. Ti mostrerò perché sono una Vanadis.

“— Verni, Ombra del Vento .”

Mentre lasciava andare il cavallo, Ellen colpì la sella come se stesse ballando nell’aria. I suoi capelli bianco-argento svolazzarono al vento mentre lei colpiva Roland dall’alto. Roland girò tutto il suo corpo per respingere la sua lama.

Tuttavia, Ellen non fu respinta a terra. La sua postura si raddrizzò nell’aria. Alla velocità di un uccello che scivolava per attaccare la preda, colpì Roland con movimenti impossibili per un umano.

“Ancora un altro piccolo trucco!”

Tl: perché mi ricorda Mr Satan di Dragon Ball.

L’atmosfera vibrava visibilmente. Il suono dell’acciaio, i toni alti e bassi, mescolati nell’aria. Ellen usava il vento per saltare e attaccare Roland dal suo punto cieco.

Raffiche di vento agitavano il terreno ad ogni colpo. Mentre Ellen attaccava mentre ballava in aria, Roland fu costretto a una battaglia difensiva. Sebbene Ellen avesse abbattuto il cavallo di Roland, il Cavaliere Nero scese senza lasciare una sola apertura.

L’energico attacco di Ellen continuò. La sua velocità era buona, ed era impossibile leggere i suoi movimenti che erano come il vento. Se fosse stato un uomo normale, sarebbe morto tempo fa.

Tuttavia, Roland aveva seguito i movimenti di Ellen. La seguì in aria con gli occhi leggendo il flusso d’aria sulla sua pelle. Usò i suoi riflessi per impugnare la sua lama.

Si lasciò scappare un ruggito. Come se attraversasse una tempesta, la sua lama so scontro contro Arifal. Ellen fu spazzata via.

Sebbene Ellen si fosse preparata per ricevere l’attacco di Roland, Sophie si era spostaya lì, con il suono dello scettro che echeggiava nell’aria.

Ellen aveva usato Verni [Ombra del vento] in battaglia. Sophie osservò i due combattere mentre aspettava tranquillamente un’occasione.

” Muteirasv [Flusso di luce, appari davanti a me] .”

Particelle di luce si diressero verso Roland dal suo scettro. Non emetteva calore, né provocava dolore, ma era sufficiente per creare un’apertura.

Ellen brandì la sua spada in alto nell’aria. Arifal rispose alla sua chiamata. Si tinse di una luce blu pallida; un vento color sangue avvolse la lama, scuotendo l’aria stessa.

— Quest’uomo è un umano, ma ha un potere e una tecnica al di là degli umani. Anche così, non è una Vanadis.

Non era un essere umano normale; la sua forza e la sua abilità erano anormali. L’arma di Roland aveva l’abilità di respingere il suo Veda, quindi andava bene.

Era ancora in conflitto dentro, ma dopo aver visto la faccia di Tigre mentre dormiva, e con Sophie che la sosteneva, la risoluzione di Ellen si rafforzò.

— Sasha, potresti arrabbiarti. Anche difronte a un simile nemico, che potrebbe sopraffarti come fa quest’uomo, tu combatteresti e moriresti con coraggio.

Tuttavia, Ellen era determinata. Lei avrebbe issto questo potere per il suo desiderio. I suoi sentimenti erano in questo attacco.

— Distruggerò questa spada!

” Ley Admos [Taglia il Vento] !”

Feve oscillare la sua spada lunga verso il basso. Una tempesta violenta si formò dalla punta della sua lama, rilasciando un ruggito simile a quello di una bestia. Le invisibili zanne di vento trafiggevano il terreno, spargendo terra e sabbia. Aveva usato il suo Veda contro Roland – per la precisione, era stata costretta a farlo. Non poteva fallire.

Roland sollevò leggermente le sopracciglia, anche se non c’era alcun segno di agitazione. Attaccò il vento con Durandal, fissandolo con gli occhi di una bestia.

Lasciando uscire un grido, lo abbatté.

L’atmosfera fu scossa dal suono di un’esplosione. Il vento soffiò senza pietà sulla terra mentre Durandal spingeva via il vento soprannaturale. Roland fu costretto a ritirarsi, con la sua corazza nerfece tintinnio quando la forza della violenta onda d’urto lo colpì.

Quando il vento si calmò, Roland si alzò orgoglioso. I suoi capelli neri erano disordinati e le sue mani ei suoi piedi erano intorpiditi. Anche così, rimase a fissare Ellen che era finalmente atterrata per terra.

“Che potere terrificante. No … più di questo, è stato magnifico. ”

Strinse di nuovo la sacra spada in mano e si mise in posizione.

“Ma – non puoi sconfiggermi.”

Sebbene le due Vanadis guardassero Roland, non potevano più nascondere i loro Veda .

I tre improvvisamente sentirono il rumore del vento che veniva tagliato mentre qualcosa volava verso di loro.

Era una freccia. Roland lo colpì con indifferenza e guardò con ammirazione verso colui che lo aveva lanciato.

“— Pensare che può sparare da una simile distanza.”

Un’ombra si avvicinò a loro.

Aveva i capelli rossi e indossava vestiti di canapa, un arco nero e una faretra giacevano alla sua vita.

Era Tigrevurmud Vorn.

“… Tigre.”

Ellen lo fissò sorpresa mentre il giovane si avvicinava. Era felice perché era vivo non perché era venuto in suo aiuto. Si era svegliato e in qualche modo era arrivato da loro; tuttavia, le parole di rimprovero arrivarono presto.

“Perché sei venuto qui, idiota!”

“Non sono un’idiota, Ellen.”

Anche Sophie lo sgridò, guardò Tigre con un senso di sollievo anche se era arrabbiata.

“— Vanadis.”

Roland parlò con voce forte.

“Concedeteci un po’ di tempo. Ho delle cose di parlare con il conte. ”

Dopo essere tornati, Teita portò un cavallo a Tigre e si preparò per andare in battaglia.

Certo, supplicò Tigre disperatamente, ma sapeva che era inutile.

Alla fine, Teita cedette.

La sua ferita aveva poco tempo per guarire, e sarebbe stato vulnerabile anche se avesse indossato abiti più pesanti, oltre le bende e la sua armatura di cuoio.

“Tigre-sama. Per favore torna tutto intero.”

“Si. Vado.”

Dopo aver letto la lettera di Sophie, aveba capito come lei ed Ellen avrebbero combattuto contro Roland. Dopodiché, Tigre corse sul campo di battaglia.

Sebbene sia il nemico che l’alleato fossero sorpresi nel vedere un cavaliere solitario con un arco, Lim capì immediatamente che si trattava di Tigre.

Mentre si scusava con Lim e Massas, Tigre chiese dove Ellen e Sophie fossero andate e decise di raggiungerli.

Se questo non fosse stato un campo di battaglia, i due probabilmente lo avrebbero rimproverato a lungo. Massas aveva pensato di legare Tigre fino alla fine della battaglia, ma dopo aver sentito le parole del giovane uomo dai capelli rossi, che era il figlio del suo amico intimo e le parole di Lim, lo lasciò andare a malincuore.

PARTE 5

Quando attaccò il cavaliere nero con il suo arco, la battaglia tra i Cavalieri di Navarre e l’AMA si stava avvicinando alla conclusione.

Sia la prima che la terza unità dei Cavalieri era stati quasi uccisi. La seconda unità si precipitò in loro soccorso, ma, a causa del fango, la loro mobilità non poteva essere sfruttata.

Il loro comandante, Olivier, aveva ordinato loro di ritirarsi, ma non poteva muoversi. I cadaveri dei cavalli giacevano a terra. I suoi uomini si proteggerono dalla pioggia di frecce con gli scudi. Lottarono mentre strisciavano nel fango. In qualche modo, riuscirono ad andarsene da lì.

Tuttavia, anche se erano fuggiti dal nemico, i cinquemila Cavalieri erano stati ridotti a tremila. Era stata una sconfitta schiacciante.

Nella sede dell’AMA, Lim si complimentò con Massas.

“Molto bene. A proposito … Come sapevi della loro formazione? ”

“Sono 55 quest’anno.”

Massas rispose alla domanda di Lim in quella maniera.

“Se hai vissuto per così tanto tempo, molte cose che vedi e ascolti restano nella tua testa. È per questo. Inoltre, sei molto più sorprendente, Limlisha. ”

Lim inclinò leggermente la testa dopo aver sentito le improvvise lodi.

“Hai fatto un piano per la vittoria. Hai organizzato un grande esercito e hai avuto l’idea di come spostarli correttamente. Alla giovane età di 19 anni, sei stata in grado di usarli efficacemente. Quando avevo 19 anni, ero ancora un ragazzo assorto nel pensare al futuro con suo padre “.

“Divinazione, giusto?”

“Così ha detto Tigre. Quel ragazzo…”

“Anche se inaspettato, non ti vergogni del tuo hobby.”

Massas fece una faccia scontrosa e si tirò violentemente la barba. Lim annuì. La conversazione nella stanza si concentrò sull’AMA

“… Questo Tigre. Farà meglio a tornare sano e salvo. Ho una cosa o due da dire sul suo egoismo. Non mi fermerò finché non giura di non farlo di nuovo. ”

“Ottimo. Per favore, permettimi di aiutarti con tutti i mezzi. È stato irragionevole ogni giorno da quando l’ho incontrato. ”

I due avevano solo un desiderio, che Tigre tornasse sano e salvo.

PARTE 6

Tigre scese da cavallo e si fermò sull’erba lontano dal campo di battaglia e affrontò Roland. Sebbene Ellen, al fianco di Sophie, fosse dietro Tigre, lei lo stava tranquillamente insultando nella sua mente.

“Onestamente, che uomo stupido … Il generale dovrebbe rimanere nella retroguardia.”

“Ya ya. Ellen, sembri abbastanza felice. ”

Lesse i pensieri di Ellen e parlò come al solito con la sua voce gentile.

“Dopo tutto, cosa potresti dire dietro la sua dignitosa schiena? Sono abbastanza curioso di sapere cosa direbbe Lim in questo momento. ”

Ellen distolse gli occhi da Sophie e guardò Tigre da dietro. Da quello che aveva visto prima, la carnagione di Tigre era chiaro, e il suo viso era pieno di sudore. Non avrebbe dovuto indossare la sua armatura. Era facile capire le condizioni del suo corpo.

Anche così, Tigre affrontò risolutamente il cavaliere nero.

“Earl Vorn!”

Gridò Roland.

“Hai portato l’esercito Zhcted nel nostro paese per difendere il tuo territorio. È vero?”

“È vero.”

Tigre rispose e continuò a guardare Roland.

“Non importa quanto cerchi, non vedrai alcun segno che l’Esercito di Zhcted abbia preso o saccheggiato dalla terra degli altri. Li ho ingaggiati puramente per difendere la pace di Alsace. ”

“Lo so, ma un giorno diventeranno invasori! Un giorno porteranno la guerra. Attaccheranno le città e i villaggi. Cosa farai allora? ”

Tigre rispose di nuovo senza esitazione.

“Per difendere i cittadini di Brune, combatterei tutti gli invasori”.

Roland guardò i suoi occhi. Anche se mentisse, lo aveva detto davanti alle due Vanadis di Zhcted. Le sue parole non provenivano né dal suo desiderio di proteggere il suo popolo né dalla sua fede nei suoi compagni di Zhcted. La fonte dietro la sua determinazione era sconosciuta.

“Se dubiti delle parole di Tigre, perché non vieni con noi?”

Ellen sorrise e rise con un atteggiamento altezzoso.

“Il nostro obiettivo è il Duca Thenardier. Lo puniremo per i suoi peccati. In cambio, puoi avere le sue terre a nord-est. Che ne dici?”

Roland non lo mostrò sul suo viso, ma stava sorridendo. Se potesse, avrebbe riso.

“Non posso accettare il tuo invito. Queste cose non ci convinceranno; questa è una conoscenza comune per un cavaliere. Maneggiamo la nostra spada per la pace delle persone del nostro paese. Il duca Thenardier non ha l’autorità per spostare i cavalieri di Navarre per la sua meschina vendetta. Comunque … non possiamo trascurare neanche un traditore. ”

Mentre lo diceva, afferrò tranquillamente Durandal.

“Prima di combattere, c’è una cosa che vorrei mostrarti.”

Tigre afferrò il suo arco nero e incoccò una freccia. Un’intensa pressione attaccò il suo corpo. I suoi muscoli urlavano, la sua ferita gli faceva molto male, il suo sangue filtrava attraverso i suoi vestiti. Allo stesso tempo, la freccia nera emetteva una luce. Era un potere innaturale che influenzava persino l’atmosfera.

Sophie spalancò gli occhi sorpresa. Anche se Ellen era sorpresa, non si comportò come Sophie.

Lanciò la freccia a terra a pochi passi a destra di Roland. La terra tremò, una nuvola di polvere fu spazzata via dal vento, una fenditura irregolare percorreva il terreno.

Senza ombra dubbio, la freccia emanava la stessa aura distruttiva di quando aveva precedentemente usato Ley Admos [Taglia il Vento] .

“Anche tu puoi usare la magia.”

Roland espresse i suoi pensieri. Mentre stava sopportando il suo dolore, Tigre fissò il cavaliere nero.

“Non ti ritirerai?”

“È una minaccia?”

“Sì.”

“… Capisco.”

Roland tenne la spada con entrambe le mani. Tenne in alto Durandal. In quel momento, Ellen lo notò, anche ieri e oggi, Roland non l’aveva mai tenuto con entrambe le mani. Anche quando aveva bloccato il suo Veda , aveva usato solo una mano.

“Non mi tratterrò allora. ”

Tigre fece un respiro profondo. Quando vide la faccia di Ellen e Sophie, poté vedere la loro stanchezza. Persino le due Vanadis non erano state all’altezza del più forte Cavaliere di Brune.

Se non fossero riusciti a sconfiggerlo, sia Tigre che le due Vanadis sarebbero morti.

Tigre incoccò un’altra freccia, ma si chinò per il dolore del suo corpo. Una sostanza tiepida salì per la sua gola. Un liquido rosso uscì passando tra i suoi denti serrati prima di cadere a terra.

La sua vista tremò, la sua coscienza vacillò. Tutto il suo corpo chiedeva riposo per evitare di svenire.

Era ferito e stanco. Era irragionevole per lui combattere.

— Comunque.

Non poteva permettersi svenire qui. Roland rimase immobile. Doveva sconfiggerlo per andare avanti e proteggere il suo popolo.

Tigre incoccò di nuovo la sua freccia. All’improvviso, sentì qualcosa contro il suo collo. Si voltò e vide Ellen e Sophie lì in piedi.

Ellen guardò Tigre con rabbia. Sebbene la sua espressione fosse più complessa, la rabbia si vedeva chiaramente. Anche Sophie lo guardò severamente con rimprovero.

“Te l’ho già detto molte volte. Sei mio. Non andare a morire senza il mio permesso. ”

Ellen e Sophie sostennero Tigre, tenendo per la schiena.

“Per favore. Mi sento male per Ellen. Non la senti? ”

In tale stato, le due Vanadis prepararono le loro armi, mostrando la loro volontà di combattere, come per dimostrare il loro desiderio di difendere Tigre.

Tigre esitò per un momento prima di guardare Roland.

Il Cavaliere Nero annuì leggermente. Eppure, rimase immutato.

Tigre si preparò mentalmente prima di puntare la sua freccia verso Roland, tirò la corda al limite.

L’Arifal di Ellen e Zath di Sophie iniziarono a risplendere di una pallida luce.

Innumerevoli particelle di luce uscirono dallo Zath, una folata di vento si raccolse sulla punta della freccia di Tigre, che brillava di un colore dorato.

L’atmosfera cambiò in risposta alla massiccia potenza; una tempesta si formò intorno ai quattro.

Tigre si mise in posizione. Un vento azzurro e particelle di luce si muovevano a spirale attorno alla sua freccia; le spirali cominciarono ad espandersi.

L’onda d’urto del potere che fluiva dall’arco e dalla freccia scosse il terreno. L’atmosfera intorno a loro cambiò, costringendo Ellen e Sophie a piegarsi all’indietro.

“… Non riesco a pensare a nulla da dire.”

Lo stupore riempiva gli occhi berillio di Sophie mentre parlava. Ellen sorrise orgogliosamente mentre teneva i capelli color argento con la mano.

“È forte, vero? Ma non lo darò a te. ”

Roland, all’altro lato della freccia, sentì una forza straordinaria. Rispetto i Veda di Ellen e Sophie – Roland lo considerava come una qualche forma di stregoneria – la freccia davanti a lui era molto più potente; emise un gemito involontario.

— No. Questo è completamente diverso dall’attacco fatto dalle Vanadis.

L’intuizione di Roland sentiva che c’era una differenza tra questo attacco e il Veda, ma non sapeva nulla di più. Era un cavaliere, non capiva cose del genere.

Roland smise di pensare. La corda dell’arco era già piegata e la sua spada era pronta. Mise a terra il piede nel terreno e fece un respiro profondo.

“— Vieni!”

La freccia era pronta; una tempesta soffiò contro il suo corpo. Roland sentì una voce forte attraverso i ruggiti del vento.

null

“Ti sconfiggerò! Difenderò il mio popolo! ”

La freccia fu rilasciata. L’impatto provocò una sensazioni di torpore nella mano destra di Tigre, i venti feroci gli sferzarono tutto il corpo, tuttavia mantenne la sua posizione.

Una scia di abbagliante luce blu e dorata seguì la freccia mentre avanzava. Anche con il violento movimento della sabbia e della terra sottostante, Roland non staccò gli occhi dalla freccia.

Accuratamente seguì il suo percorso e spostato la sua spada.

Si scontrarono.

Ci fu un suono, come se una montagna fosse stata spazzata via; la terra tremò intensamente. Incredibilmente aveva colpito la punta della freccia con Durandal; tuttavia, la freccia non fu tagliata, piuttosto rimase nell’aria, come se cercasse di perforare la sua spada.

Era uno spettacolo strano. Una freccia rivaleggiava con il Cavaliere più forte di Brune, anche mentre teneva la sua spada con due mani. Alla fine, la luce della freccia cominciò a svanire.

Roland serrò i denti e sforzò i muscoli del suo corpo per distruggere la freccia. Sebbene i suoi occhi e le sue orecchie fossero interamente fissi sullo scontro, lo aveva sentito con tutto il suo corpo attraverso la spada sacra. Non c’era nessun cambiamento nella freccia o nella lama.

— Io … io sono il Cavaliere di nome Roland, compierò il mio dovere con la spada conferitami da Sua Maestà!

Mentre quei pensieri scorrevano nella sua mente, Roland ricordò le parole che Tigre aveva gridato un momento prima.

Proteggerò il mio popolo.

Chi altro correrebbe attraverso il campo di battaglia, perdendo sangue e rischiando la vita, per difendere il proprio popolo?

Tigrevurmud Vorn era un traditore. Ma chi lo ha fatto ribellare?

— Questa spada … Ho ricevuto questa spada da Sua Maestà per difendere il nostro popolo …!

“Ooh!”

Roland emise un ruggito, facendo fuori tutto ciò che si era accumulato dentro di lui.

Frantumò la freccia e trafisse il terreno con la spada sacra.

Ci fu un lampo di luce. Il terreno tremò. La spada di Roland rimase eretta. Comparvero crepe che si formavano sulla terra circostante ad una velocità tremenda, raggiungesero persino i piedi di Tigre. Le scosse mossero i capelli di Tigre.

Le onda d’urto tra i due e le Vanadis diminuì gradualmente. Le Vanadis guardarono i due.

La freccia era andata in frantumi; Roland era ancora vivo.

“… Ho perso.”

Roland pronunciò quelle parole davanti a Tigre. Per quanto riguardava Tigre, non riusciva a capire.

Durante lo scontro, numerose crepe apparvero nell’armatura nera di Roland. I suoi guanti e gambali erano semi-distrutti e i suoi capelli erano in disordine. L’intero corpo di Roland era coperto di sudore. Stringeva saldamente la spada sacra con entrambe le mani mentre era piantata nel terreno.

Quando i suoi occhi incontrarono quelli di Tigre, Roland parlò con voce rauca.

“Non riesco a muovere le braccia. Però, non sembrano rotti. ”

Era qualcosa di nuovo per lui. Roland sembrava perplesso.

Non era una bugia che le sue braccia non fossero in grado di muoversi. Le sue dita erano rigide e non si sarebbero separate dalla spada. Se Roland avesse ancora la volontà di combattere, avrebbe trascinato la sua spada e ucciso Tigre.

“Soprattutto, non posso sconfiggerti in questo momento.”

Era Roland che sentiva di aver perso di più.

Il corpo di Roland aveva soddisfatto la richiesta del suo proprietario. Aveva evocato una forza ben oltre il suo limite ed era esausto. Tuttavia, lo spirito che sosteneva il suo corpo non era qualcosa che poteva lasciare andare così facilmente.

“— Mi arrendo.”

Nel momento in cui il Cavaliere Nero pronunciò quelle parole, Tigre barcollò e cadde.

La fredda aria invernale accarezzò il volto di Tigre mentre apriva gli occhi.

“Sei sveglio?”

Insieme a una voce gentile, la faccia di Ellen apparve sullo sfondo del cielo azzurro. Tigre notò che la sua testa era su qualcosa di caldo e morbido.

Mentre era svenuto, Ellen gli aveva lasciato usare le sue gambe come cuscino per dormire. Tigre cercò di rialzarsi di riflesso, ma Ellen gli mise le mani sul petto.

“Riposa. La tua battaglia è finita. ”

Sebbene non potesse dire come stesse andando la battaglia, Ellen non credeva che il suo esercito sarebbe stato sconfitto. Roland aveva riconosciuto la sua sconfitta.

Stava andando dai Cavalieri per porre fine alla battaglia.

Guardando a destra e a sinistra, vide la figura di Sophie in piedi con il suo sorriso normale mentre lo guardava. Notando lo sguardo di Tigre, parlò con gioia.

“Non hai bisogno di pensare troppo, Lord Tigrevurmud. Se desideri che io prenda il suo posto, lo farò immediatamente. ”

Tl: vorrei strozzarlo, qualcuno capisce quello che provo??

“Smettila di dire sciocchezze, Sophie.”

La minacciò con un’espressione minacciosa. Ellen guardò il viso di Tigre mentre emanava il suo umore aspro.

“In verità. Cosa dovrei fare con te? Non ho mai incontrato una persona così idiota. Se volessi, potrei tagliarti il ​​collo proprio ora. Vuoi veramente morire così tanto? ”

“Nessuna parola di lode, eh?”

“Scemo.”

La mano di Ellen si mosse per colpire Tigre, ma si fermò presto e la premette contro di lui.

Poteva sentire il suo calore attraverso il palmo della sua mano e le sue parole. Tigre smise di muoversi, un misto di fragranza d’erba, il suo sudore e un altro dolce profumo gli solleticarono il naso.

“… Un profumo così piacevole.”

Anche se non sottolineò di cosa stava parlando, sembra che Ellen avesse capito cosa intendeva. La sua faccia era tinta di rosso mentre mormora tra sè. Anche Tigre, benché non avesse riflettuto particolarmente sul suo commento, divenne rosso dopo aver visto la reazione di Ellen.

Mentre il suo sguardo vagava inquieto, Tigre pensò freneticamente a quello che accadde prima che svenisse.

“Ehm, da quando …?”

“Questo? Circa un minuto fa.”

Ellen colpì leggermente la sua coscia mentre guardava altrove. Deve averlo fatto proprio nel momento in cui Tigre si era svegliato.

Le cosce e le mani erano comode, ma, soprattutto, Tigre era felice di accettare la sua buona volontà. Smise di cercare di sedersi e guardò il cielo.

“Grazie.”

“Cosa, non ti preoccupare. Sophie e io ti abbiamo già perdonato. Per quanto riguarda Lim e Massas, sono sicuro che possiamo chiarire tutto. ”

Alla fine, riconquistando la sua compostezza, giocò leggermente con i capelli di Tigre mentre sorrideva. Immaginando cosa avrebbero detto i due e pensando a Tigre che chinava la testa versi terra, cominciarono a ridere. Anche Sophie rise mentre pensava alla scena.

null

Delicatamente, una leggera brezza soffiò sulle tre persone.

Quando Roland riferì che siera arreso, i Cavalieri non riuscivano a crederci.

Tuttavia, l’Armata della Meteora d’Argento aveva smesso di attaccare. Quando videro i Cavalieri ritirarsi, non li inseguirono. Certo, molti erano sollevati per il fatto che fosse finita.

“Siamo venuti con cinquemila … Quasi la metà è morta.”

Con un’espressione stremata, Olivier mormorò in modo che nessuno potesse sentirlo. Ciò che lo sorprese di più, tuttavia, fu l’aspetto di Roland al suo ritorno.

I suoi capelli neri erano un disastro, il suo volto mostrava chiaramente la sua stanchezza, e la sua armatura nera, il suo stesso simbolo, era a brandelli.

“Scusate.”

Roland disse proprio questo. Olivier barcollò per lo shock e fu rapidamente sostenuto dai cavalieri vicini. Aveva bisogno del loro aiuto per rimanere in piedi.

“….che cos’è successo?”

Sebbene fosse incredibile che Roland fosse stato sconfitto, poteva vedere i segni dei danni provocati dallo scettro e dalla spada, ma nessuno dalla freccia. Stranamente, i suoi guanti e le sue protezioni erano quasi sull’orlo di rompersi.

“Ho combattuto. Sono stato sconfitto. Questo è tutto.”

Quelle parole da sole non erano abbastanza. Olivier non poteva assolutamente accettarlo.

“Cosa succederà a noi?”

“Questo deve essere ancora deciso.”

Le reazioni dei Cavalieri potevano essere divise in due. Alcuni non avevano ancora accettato la sconfitta o la dichiarazione di resa di Roland, e c’erano quelli che desideravano continuare la battaglia.

“Abbiamo perso duemila uomini, e sia il nostro comandante che il vice comandante sono ancora vivi! Se chiediamo rinforzi ai cavalieri della zona, possiamo annientare questi ribelli! ”

Sebbene un giovane Cavaliere avesse parlato senza fiato, Roland, il loro capo, disse semplicemente loro di accettare la loro sconfitta e si scusò.

D’altra parte, non significava necessariamente che l’Armata della Meteora d’Argento avesse vinto. La loro battaglia doveva ancora finire.

Lim e Ellen, dopo aver riflettuto per un po’, spostarono i soldati leggermente feriti o stanchi al fronte mentre gli altri furono spostati dietro a causa della preoccupazione di un possibile attacco durante il loro riposo. Avevano cominciato con quattromilatrecento soldati, ma molti erano morti durante la guerra.

In una situazione come questa, dopo aver saputo della vittoria, era impossibile per loro muoversi. Potevano solo sedersi sul posto e riposare, anche se si trovavano accanto a cadaveri o sangue. Era difficile distinguere chi era morto e chi era vivo.

Tl: perfetto…l’armata dei morti viventi…

Tigre e Massas fecero un resoconto quando si riunirono.

Sebbene Massas volesse lamentarsi per più di un koku, vedendo le tre persone esauste, inghiottì le sue parole.

Tigre era supportato da Ellen e Sophie, ma anche le due Vanadis erano completamente esauste.

Con un senso di sollievo per la sua vittoria in battaglia e, più di ogni altra cosa, la gioia per essere tornati e li raggiunse, li diede una pacca sulla spalla.

Anche se le ferite gli facevano male, Tigre era molto felice.

Anche Lim sembrava provare lo stesso. Dopo aver sostenuto da vicino Ellen, guardò freddamente Tigre.

“… Ho un bel po’ di cose da dirti. Hai capito?”

Se Tigre fosse quello di sempre, avrebbe notato nella sua voce gioia e timidezza, ma al momento non poteva sentirli, quindi annuì con la testa.

“Sei l’unico che ha la colpa. Finché questo non sarà completamente finito, ti sarà proibito toccare l’arco. ”

Era una punizione. Sebbene fosse rattristato dal profondo del suo cuore, non aveva intenzione di opporsi alla sua decisione.

Quando il giorno terminò, entrambi gli eserciti mangiarono e cominciarono a seppellire i morti. Scelsero una piccola collina vicino al fiume nel Territoire, il territorio di Augre, per seppellire sia i morti dei Cavalieri di Navarre che l’Esercito di Zhcted.

Tigre acquistò grandi quantità di cibo dalle città e dai villaggi nelle vicinanze e diede cinque monete d’oro e d’argento a tutti i soldati come ricompensa. Certo, alla fine avrebbe dovuto ripagare tutto.

“È abbastanza terrificante pensare che un individuo abbia così tanti debiti.”

Lim approvò la richiesta di Tigre, ma non dimenticò di dirlo.

Comprendeva pienamente la necessità. Sebbene avessero vinto, avevano sacrificato molto. Per sedare il malcontento dei soldati, questo trattamento era necessario.

Tuttavia, non potevano procurarsi il cibo da soli. I villaggi e le città davano priorità a risparmiare cibo che guadagnare soldi durante l’ inverno.

Eppure, i soldati erano già felici del miele aggiunto alla loro zuppa di pesce e del vino durante il pasto.

Infine, entrambi gli eserciti si prepararono per discutere.

Tigre, Ellen e Massas rappresentavano l’AMA, Roland e Olivier rappresentavano i Cavalieri di Navarre

“Che cosa farai d’ora in poi?”

Roland chiese all’inizio.

“Ci dirigeremo verso Nemetacum.”

Rispose Tigre senza mezzi termini, anche se con un’espressione triste. Nemetacum era il territorio del Duca Thenardier, ed era distante diversi giorni di viaggio.

Tuttavia, l’AMA era stata notevolmente ridotto nella battaglia contro Navarre. Se volessero combattere ulteriormente contro il duca Thenardier in futuro, non c’era alcuna garanzia che avrebbero avuto abbastanza soldati. Tigre ed Ellen stavano davvero considerando di assumere mercenari.

Indipendentemente da ciò, non c’erano altri aristocratici che potevano diventare affidabili alleati, e se venisse diffusa la notizia della sconfitta dei Cavalieri di Navarre, altri Cavalieri sarebbero potuti venire.

Come al solito, Tigre non aveva tempo.

“Capisco, forse potrei comprarti un po’ di tempo.”

Sia Tigre che Massas alzarono le sopracciglia sentendo le parole di Roland, mentre le pupille rosse di Ellen mostravano interesse. Olivier, nella parte posteriore della sua mente, non riusciva ancora ad accettarlo.

“Ritornerò alla Capitale Reale e otterrò un’udienza con Sua Maestà per te.”

“Questo è irragionevole.”

Massas fu il primo a reagire.

“Sua Maestà … è debole e non può fare cose del genere”.

Non poteva certo dire che stava giocando con i blocchi.

“Soprattutto, hai perso la battaglia. Pensi che Thenardier e Ganelon rimarranno in silenzio? Daranno semplicemente la colpa a te. ”

“Inoltre, quanto tempo guadagneresti? È improbabile che accada, e non si sa quando altri cavalieri e aristocratici si muoveranno contro di noi. ”

Ellen incrociò le braccia e chiese a Roland. Anche Tigre sembrava non essere d’accordo.

“Lord Massas, anche tu sei andato al Palazzo Reale per me, e sei stato quasi ucciso solo per aver cercato di ottenere un incontro con Sua Maestà. La capitale è molto più pericolosa di quanto pensi. ”

“So già che potrebbe essere pericoloso.”

Le parole di persuasione di Tigre sembravano inefficaci su Roland.

“In quanto Cavaliere di Brune, devo eliminare il male.”

Roland tirò fuori Durandal dal fodero e lo diede a Tigre.

Tigre non ne capiva il significato e guardava semplicemente Roland.

“Ti affido questo. È la prova che Roland ha riconosciuto la tua giustizia. Se lo mostri a un Cavaliere o un nobile, fintanto che non siano grandi idioti, non ti combatteranno. ”

Sebbene Roland non ne parlasse, il pensiero del leggendario cavaliere era nella sua mente. Pensava a lui come a una persona che combatteva per il popolo, quindi non era un mistero che avrebbe avrebbe regalato questa spada. Questo era il motivo delle sue azioni.

“Solo per essere sicuro, i Cavalieri di Navarre non combatteranno con noi?”

Anche se Ellen chiese, Olivier negò. Non era di mentalità aperta come Roland e parlò in tono burocratico.

“Dobbiamo tornare alla nostra fortezza. Non possiamo lasciare il confine incustodito per sempre. ”

Tigre ricevette la spada sacra e sentì una strana sensazione provenire dalla pesante spada. Era qualcosa di speciale come il suo arco o un Viralt .

Tigre ci pensò su e alzò la testa e rispose a Roland.

“Capisco. Fino al tuo ritorno, rimarrò qui. ”

Tigre non decise questo solo seguendo le emozioni del momento. Voleva del tempo per aumentare il numero di soldati sotto il suo comando.

PARTE 7

Roland prese un cavallo e cavalcò giorno e notte finché raggiunse la capitale reale Nice/Nizza. Era stato possibile grazie alla straordinaria forza fisica di Roland; altri si sarebbero già stanchi a metà strada.

Si riposò per poco tempo e sistemò il suo aspetto da solo. Il giorno seguente, Roland andò al palazzo.

Sebbene Massas avesse una lieve influenza come aristocratico minore, Roland era completamente a parte. Era diventato popolare sin dal giorno in cui era diventato Cavaliere ed era stato assegnato alla guida dei Cavalieri di Navarre. Da allora, era stato chiamato dal Re per fargli visita a Palazzo Reale almeno una volta all’anno. Le guardie lo lasciarono passare immediatamente.

Roland camminò dritto verso il palazzo.

“Oh? Non è Lord Roland? Che ti porta qui? ”

Da dentro il palazzo, Roland fu chiamato dal duca Ganelon.

La schiena di Ganelon era abbassata. La sua altezza era simile a quella di un ragazzo di dieci anni, le sue mani erano piccoli, il suo piccolo corpo era avvolto in abiti decorati e, al posto dei capelli, portava un cappello di seta.

Le sue palpebre erano grandi, ma i suoi occhi erano stranamente piccoli. Era difficile dire se fossero aperti o no. Si diceva che fossero stati visti completamente aperti solo una o due volte.

Difronte alla statura di Roland, sembrava più un nano che un uomo. Era come un bambino orribile e brutto senza alcuna traccia di bellezza.

“A causa delle circostanze, devo incontrare il re ad ogni costo.”

Roland parlò in tono schietto. Non gli piaceva quest’uomo.

“Capisco. Deve essere importante, se lo dicr un grande Cavaliere come te. ”

Ganelon mostrò una faccia troppo sorpresa. Poi parlò ridendo.

“Tuttavia, Sua Maestà sta riposando nella sua stanza proprio adesso. Invierò qualcuno per controllare come sta adesso. Dovresti riposarti in questa stanza fino a quel momento. ”

“Ottimo. Lo farò.”

Tl: è la parte più triste di questo capitolo.

Roland se ne andò obbediente. A causa del suo proposito, non desiderava allarmare gli altri. Non aveva intenzione di ottenere il permesso da Ganelon dall’inizio.

Roland fermò uno dei ciambellani e chiese di riposare in una camera degli ospiti. Sentendo il suo nome, il ciambellano preparò immediatamente una stanza disponibile.

Fu guidato in una piccola stanza nelle profondità del palazzo con un letto, una scrivania e una sedia. Dentro c’erano piccoli mobili. Sebbene fosse ansioso di non avere finestre, Roland decise di accettare la stanza, poiché se ne sarebbe andato poco dopo.

— Anche se è irrispettoso, cercherò una possibilità per svignarmela.

Entrò nella stanza e si sedette sulla sedia, vagamente pensando al futuro.

— Ci sono segni di vita.

C’erano una decina di persone vicino alla porta. Quando Roland si alzò, la sedia cadde. Si precipitò alla porta e trovò Ganelon con molti soldati.

Diede un calcio alla piccola porta. Nonostante ciò, la porta rimase ferma e non si spezzò. Era rinforzato dall’esterno, probabilmente con una piastra di ferro. In quel momento, Roland si rese conto di essere caduto in una trappola.

“Come ti senti, Roland?”

Una voce venne dall’alto. Roland guardò il soffitto e vide un piccolo foro nell’angolo.

“Cosa stai facendo, Ganelon?”

Roland chiese senza timore in modo dignitoso. Capì ciò che lo aspettava.

“Non sei riuscito a sconfiggere i ribelli e sei tornato ​​senza vergogna nella Capitale Reale È mio dovere punire un individuo del genere”.

Mentre diceva ciò, un barattolo di insetti gialli e ronzanti apparve attraverso il piccolo foro, le ali che si agitavano selvaggiamente. Uno dopo l’altro, volarono nella stanza. Sebbene non fossero più grandi di un pollice adulto, ce n’erano dozzine, centinaia, che volavano dal soffitto. Coprirono il muro, riempiendo la stanza di un ronzio.

“… api.”

“La prigione delle api. È un’idea del marchese Greast. ”

La voce di Ganelon sembrava gioiosa da dietro il buco.

“Addio, cavaliere più forte.”

La sua voce si fermò lì.

Roland, in piedi al centro della stanza, era circondato da api in tutte le direzioni.

Il giorno seguente, Ganelon versò fas velenoso nelle stanze all’alba. Le api furono spazzate via.

Seguendo i suoi ordini, un uomo aprì la porta. L’uomo urlò involontariamente, pietrificato dal terrore, e cadde. Guardò l’interno della stanza con lacrime agli occhi.

Roland era dritto al centro della stanza con lo sguardo fisso sulla porta. Tutto il suo corpo era stato punto dalle api ed era rosso e gonfio, aveva un aspetto davvero insolito.

Tl: fatti mordere per tanto tempo da api e vedrai.

L’uomo pensava che fosse impossibile. Aveva visto molti uomini condannati alla prigione delle api. Tutti giacevano accovacciati sul pavimento, senza eccezioni. Eeano morti mentre proteggevano la loro faccia. Quell’azione era naturale. Quando venivano attaccati dalle api, i loro corpi si piegavano quando venivano punti da diverse centinaia di aghi.

Dopo che passarono cinquanta secondi, l’uomo riacquistò la calma. Sebbene fosse ancora spaventato, si alzò e mise piede dentro la porta. Schiacciò molte api mentre si avvicinava per confermare la morte di Roland.

Roland era morto in piedi.

Tl: in assoluto il mio personaggio preferito della novel.

Quando le notizie sulla morte di Roland lo raggiunsero, il Duca Thenardier all’inizio si arrabbiò. Reagì come quando aveva perso suo figlio. Percorse velocemente il corridoio per vedere il duca Ganelon.

“A cosa stai pensando?”

Senza preoccuparsi di salutarlo o qualsiasi Buona maniera Thenardier fissò Ganelon.

Anche se non tanto quanto Roland, anche Thenardier aveva un corpo muscoloso. I due si fissarono l’un l’altro come un adulto e un bambino che si guardava l’un l’altro.

“Di cosa stai parlando?”

Ganelon si aggiustò il cappello e parlò come se non sapesse nulla.

“Roland è morto. Perché l’hai ucciso? ”

Per Thenardier, era un grosso problema nei suoi piani. Aveva mandato lui lontano Roland e i Cavalieri di Navarre. Una volta sconfitto l’Esercito di Zhcted, intendeva farli sorvegliare il confine occidentale.

Non c’erano segni di tregua e le trattative avevano ancora bisogno di molto tempo. Molti dei nobili che sostenevano Thenardier avevano territori nell’ovest.

“Sachstein e Asvarre diventeranno più audaci ora.”

Nel peggiore dei casi, Sachstein e Asvarre potrebbero collaborare dopo aver confermato la morte di Roland e inviare truppe.

Tuttavia, la reazione di Ganelon non era quella che si aspettava.

“Era inevitabile. Roland non ha adempiuto ai suoi doveri “.

“Allora perché l’hai ucciso!”

Thenardier gridò indignato. Non riusciva a capire il comportamento di Ganelon.

Anche Thenardier aveva minacciato e ucciso molte persone, ma lo aveva fatto con giudizio. Almeno, non avrebbe dato una punizione così severa alle persone con valore.

Se fosse stato lui, avrebbe comunque trovato un uso per Roland. Anche se non avesse sconfitto Tigre, il suo valore non era diminuito significativamente.

Tuttavia, Ganelon rise come se stesse cercando di fermare la rabbia di Thenardier.

“Volevi ucciderlo in qualche altro modo?”

Tl: Onore al Cavaliere Nero, ha combattuto come un eroe ed è morto come tale, la sua spada è in buone mani.


Precedente Indice Successivo

Lascia un commento

error: Content is protected !!