91 – Riunione tra madre e figlia

Capitolo offerto da

— • — • — • —

“Hic, sigh, hic.”

Il suono di una bambina singhiozzante risuonava vicino al molo che si era trasformato in un relitto. Gli spettatori e i soldati si affollavano lì intorno, ma non ci fu nemmeno un clamore, e il posto era stranamente silenzioso.

Le cause erano: la bambina della tribù dei Sea-dweller che era caduta dal cielo, il ragazzo umano che aveva saltato in alto e l’aveva presa al volo e il drago nero con una ragazza che cavalcava sul dorso nel cielo. Tuttavia, la ragione principale era il modo in cui il ragazzo stava rimproverando duramente la bambina della tribù dei Sea-dweller. Beh in realtà l’altra cosa scioccante era il modo in cui la ragazza chiamava il ragazzo che la stava rimproverando.

“Sob, papà, scusa…”

“Promettimi che non farai più niente di così pericoloso, okay?”

“Un, Myuu lo farà.”

“Ok va bene. Vieni qui.”

“Papaa~!”

Le figure di Hajime, che era su un ginocchio mentre rimproverava la bambina, e Myuu, che annuiva ubbidientemente mentre veniva ripresa e che poi era scoppiata a piangere saltando sul petto di Hajime quando era stata perdonata… erano normali come quello di un padre e sua figlia. È dimostrato anche dal fatto che Myuu lo ha ripetutamente chiamato “Papà”.

Quella situazione in cui la figlia rapita della tribù dei Sea-dweller stava “adorando” un ragazzo umano abbastanza da trattarlo come suo padre, e come quel ragazzo, Hajime, trattasse Myuu come sua figlia ha lasciato tutti sbalorditi, non riuscendo a capire cosa stesse succedendo. Le menti di tutti chiedevano la stessa cosa. Che era: “Come si è arrivati ​​a questo?”

Hajime sollevò Myuu con il braccio e le diede una pacca amorevole sulla schiena per calmarla, alla fine, le persone circostanti tornarono in sé e iniziarono a provocare una grande agitazione.

Mentre guardava quei tizi che gridavano ed bisbigliavano perplessi, Hajime diede una pacca sulla schiena di Myuu e qualcuno lo abbracciò da dietro… quando guardò sopra la sua spalla, c’era la figura di Kaori la cui testa era sulla sua spalla, leggermente tremante.

“Sono contenta… sono davvero contenta~, hic, hic.”

Questa volta Kaori aveva cominciato a piangere. Anche se si è comportata con fermezza, dentro, era preoccupata che Hajime potesse essere morto. Credeva nella sopravvivenza di Hajime, ma non era possibile che non si sentisse angosciata per lui. A ciò si è aggiunto il fatto che è scomparso per la seconda volta poco dopo che si sono finalmente incontrati di nuovo, sembrava che fosse impossibile per lei da sopportare

“Mi dispiace averti fatto preoccupare. Ma come puoi vedere, sono pieno di vita. Ecco perché, per favore, non piangere… se Kaori piange… sarò immensamente turbato.”

“Uh, hic, th-allora, fammi restare così ancora per un po ‘…”

Impensierito, Hajime accarezzò la testa di Kaori, le cui mani erano avvolte attorno al suo braccio. Tuttavia, forse perché non riusciva a smettere di piangere, lei seppellì il viso sempre di più nella sua spalla. Entrambe le sue mani stavano ora abbracciando strettamente lo stomaco di Hajime da dietro.

“Oi, tu, spiegami cosa sono gli yo-gah!?”

“Muh? Scusate.”

Chi aveva tentato di parlare era una persona simile a un comandante che gocciolava bagnata la causa era quella dell’essere stato spazzato via in mare come conseguenza del salto di Hajime. Non ha letto l’atmosfera e ha cercato di interrogare Hajime. Tuttavia, fu colpito da Tio (che aveva disattivato la sua Forma di Drago quando era atterrata) che stava correndo verso Hajime, così l’uomo cadde di nuovo in mare.

Non badando così tanto a lui, Tio si avvicinò a Hajime, gli tenne la testa e gliela premette contro il décolleté.

“Che diavolo…!? Oi, Tio.”

“La sottoscritta ci ha creduto, sai? Ci ha creduto… anche così, padrone… è passato troppo tempo prima di questa riunione.”

Hajime guardava in silenzio il viso di Tio dal suo décolleté, la sua espressione era quella di qualcuno che vedeva la persona più importante e la stringeva tra le braccia con le lacrime accumulate sui bordi degli occhi. Questa volta, Hajime sentì che non poteva essere aiutato e la lasciò fare come le pareva perché si era fidato di lei per fare qualcosa di irragionevole.

Nel frattempo, Myuu disse: “Anche Myuu abbraccerà papà~” e si aggrappò alla nuca di Hajime. Shia, che era accanto a Yue, che era accanto a Hajime, iniziò ad abbracciargli il braccio libero.

Gli sguardi circostanti non potevano nemmeno vedere il ragazzo, poiché tutto il suo corpo era coperto da una bellissima bambina, da belle ragazze e da una bellissima donna. Gli sguardi circostanti stavano gradualmente cambiando da uno di perplessità a uno di affetto e calore. Perfino l’agitato corpo di vigilanti e i soldati avevano abbassato le braccia, sbalorditi.

“Voi gente… non solo una, ma due volte… vi arresterò per aver ostacolato il lavoro dei soldati del Regno.”

Ancora una volta strisciò sul molo, la persona simile a un comandante stava fissando con rabbia il groviglio di persone. Con l’arma in mano, sembrava pronto ad attaccare in qualsiasi momento. Anche se Hajime non poteva essere considerato il rapitore da come Myuu era anormalmente attaccata a lui, c’erano troppe cose sconosciute su di lui, quindi ovviamente l’uomo voleva interrogarlo.

Hajime sin dall’inizio aveva voluto spiegare che era stato incaricato dal capo del ramo della gilda di Fhuren, Ilwa, di scortare Myuu. Tuttavia, era turbato perché non aveva nulla per dimostrarlo, ma ora le sue prove erano a portata di mano.

Con “Treasure Box” restituito da Tio, Hajime ha preso la sua targa di stato e il modulo di richiesta da Ilwa, quindi li ha presentati al comandante.

“… Fammi vedere… un grado” Oro “!? Inoltre, una richiesta diretta dal capo della filiale di Fhuren!?”

Oltre al modulo di richiesta, c’era anche la lettera di Ilwa in cui erano scritti i dettagli. Era indirizzata al sindaco di Elisen e al comandante dei soldati che risiedevano in questa città. Dopo aver letto attentamente la lettera, il comandante emise un grande sospiro e dopo aver esitato un po ‘, si arrese abbassando le spalle e poi salutò.

“… La richiesta è stata completata. Nagumo-dono.”

“È positivo che tutti i dubbi siano stati chiariti. Devi avere tutte le risposte alle tue domande, ma abbiamo fretta. Quindi voglio che tu non chieda nulla perché… voglio che questa bambina incontri sua madre il prima possibile. Va bene, vero?”

“Ovviamente. Tuttavia, come soldato di questo Regno… non posso trascurare il drago, il tuo salto e la cosa simile a una nave di prima.”

Cambiando radicalmente il suo atteggiamento rispetto al precedente modo oppressivo, il comandante ora parlava con rispetto ad Hajime. Ma anche così, ha fatto presente con uno sguardo deciso a Hajime che era impossibile trascurare quelle cose.

“Di questo, possiamo parlarne in un altro momento? Dopotutto, rimarrò a Elisen per un po ‘. Penso anche che non sia necessario fare rapporto al regno perché probabilmente lo sanno già…”

“Mm, capisco. Comunque, va bene finché possiamo avere la possibilità di parlare. Ora, per favore, restituisci quella bambina a sua madre… sa delle condizioni di sua madre?”

“No, non lo sa. Ma va bene. Dopotutto, abbiamo la medicina e anche il guaritore migliori di tutti”.

“Capisco. Allora lascia che ti interroghi una volta che le cose saranno sistemate.”

Il comandante infine si presentò come Saluz, poi andò a controllare la folla disperdendo gli astanti. Una persona interessante pensò Hajime.

Le persone che conoscevano Myuu sembravano volerla chiamare, ma lui ha usato il suo sguardo per fermarle perché altrimenti se si fossero fermati a salutare chiunque la conosceva sarebbe passato troppo tempo prima che lei ritornasse da sua madre.

“Papà, papà. Stiamo tornando a casa. Mamma sta aspettando! Myuu vuole incontrare la mamma.”

“Certo… quindi affrettiamoci ad incontrarla.”

Tirando la mano di Hajime, Myuu lo esortò con “Sbrigati, sbrigati!” Erano passati circa due mesi dall’ultima volta che era tornata a casa sua e aveva visto sua madre. Quindi non poteva essere evitato. Anche se di solito rideva mentre si prendeva cura di Hajime e degli altri durante il viaggio, la notte, quando veniva l’ora di dormire, voleva essere viziata perché le mancava davvero sua madre.

Mentre si dirigevano verso la casa di Myuu, con lei come guida, Kaori gli si avvicinò e gli chiese con una voce sommessa e imbarazzata.

“Hajime-kun. A proposito di quello che ha detto il soldato prima…”

“Beh, non sembra essere in pericolo di vita. È solo che la sua ferita è piuttosto grave ed è anche ferita psicologicamente… beh non c’è bisogno di preoccuparsi per quest’ultima con Myuu che è tornata. Quindi per favore controlla la sua ferita.”

“Un. Lasciala a me.”

Mentre stavano avendo quella conversazione, hanno sentito un trambusto che proveniva dalla strada davanti a loro. Era la voce di una giovane donna e diverse altre voci di uomini e di donne.

“Lemia, calmati! È impossibile con la condizione delle tue gambe!”

“Esatto, Lemia-chan. Myuu-chan tornerà sicuramente!”

“Non voglio! Non hai detto che Myuu è tornata!? Allora, devo andare a trovarla! Ho bisogno di darle il benvenuto!”

A quanto pare, la donna ha cercato di uscire di casa ed è stata fermata da diverse persone. Probabilmente un conoscente aveva detto alla madre di Myuu del suo ritorno.

Al suono della voce frenetica della donna chiamata Lemia, il viso di Myuu si illuminò. Poi, più forte che poteva, chiamò la donna sui venticinque anni, che era crollata sulla porta d’ingresso, mentre correva.

“Mama~~!!”

“-!? Myuu!? Myuu!”

Correndo con tutte le sue forze e con un’espressione sorridente Myuu saltò nel seno della donna – sua madre, Lemia, che cercò di tenere le gambe ferme davanti alla porta d’ingresso.

Vedere le figure di una madre che abbracciava da vicino e strettamente sua figlia, esprimendo che non volevano essere separate di nuovo, fece sì che le persone nei dintorni le guardassero con commozione.

Molte volte Lemia ha detto: “Mi dispiace”, alla bambina. O perché aveva perso di vista Myuu o perché era incapace di venire a cercarla, o forse entrambe le cose.

Le lacrime caddero mentre Lemia si sentiva sollevata vedendo sua figlia incolume e anche dal dolore per l’incapacità di proteggerla. Guardando Lemia con occhi ansiosi, Myuu accarezzò delicatamente la sua testa.

“Va bene. Mamma, Myuu è qui. Quindi non c’è niente di cui preoccuparsi.”

“Myuu…”

Non aveva mai pensato che sarebbe stata confortata dalla figlia di quattro anni, così gli occhi pieni di lacrime si spalancarono inconsciamente e guardarono Myuu.

Anche lei stava guardando direttamente la mamma e c’era davvero preoccupazione nei suoi occhi.  Sebbene anche Myuu ha avuto momenti dolorosi, era più affranta per sua madre che per se stessa in quel momento.

Sorpresa, Lemia stava inconsciamente osservando la bambina con serietà, cosa che fece sorridere Myuu, e questa volta fu lei ad abbracciare forte Lemia. La donna non era gravemente ferita nel corpo ma era nella mente la sua vera sofferenza, soffriva infatti per le notti insonni, preoccupandosi eccessivamente per Myuu, ma sembrava che sua figlia fosse tornata più cresciuta di prima.

Questo fatto fece fare inavvertitamente Lemia un sorriso ironico. Con le spalle rilassate e le lacrime cessate, Lemia guardava sua figlia con gli occhi pieni d’amore.

Myuu e Lemia si abbracciarono di nuovo, ma all’improvviso la bambina alzò una voce simile a un urlo.

“Mamma! Le tue gambe!  Che è successo!? Sei ferito!? È ferita!?”

Apparentemente, Myuu ha notato lo stato delle gambe di Lemia da sopra la sua spalla. Entrambi i piedi che spuntavano dalla lunga gonna erano fasciati, erano in uno stato miserabile.

Questa era la cosa di cui parlava Saluz, ed era ciò che il gruppo di Hajime aveva sentito dal giovane mentre si recavano a Elisen. Quello che ha reso agitata la tribù dei Sea-dweller non è stata solo il rapimento di Myuu, ma anche il modo in cui sua madre è stata gravemente ferita da cui poi le è diventato impossibile camminare.

Sebbene Myuu abbia detto di essere stata rapita quando è stata separata da Lemia, la tribù dei Sea-dweller non sarebbe in grado di dire che si trattava di un rapimento a meno che non ci fosse un testimone oculare. Sono stati in grado di dichiararlo è perché sembrava che la donna avesse effettivamente incontrato i rapitori.

Lemia aveva scoperto uomini sospetti che cancellavano le loro impronte sulla sabbia vicino alla costa quando stava cercando Myuu nel momento in cui si era separata da lei. Anche se aveva sentito una brutta sensazione, si è avvicinata agli uomini per chiedere se conoscevano sua figlia… i volti degli uomini avevano un’espressione traducibile in “Oh merda” e hanno cominciato a straparlare all’improvviso.

Convinta che avessero una parte nella scomparsa di Myuu, Lemia cercò in qualche modo di riportarla indietro, correndo lungo le impronte ancora visibili.

Tuttavia, uno degli uomini ha reagito sparando proiettili infuocati. Fortunatamente, ha evitato di essere colpita sulla parte superiore del corpo, ma invece le sue gambe hanno ricevuto più danni, poi è stata scaraventata in mare dall’impatto. Lemia ha perso conoscenza sia per il dolore che per la botta. Quando si è svegliata, era stata aiutata dalle persone del corpo dei vigilanti che erano andate a cercarla perché non era tornata.

La sua vita è stata salvata, ma con il passare del tempo Lemia non riusciva ancora a sentire le gambe, quindi non è più riuscita a camminare né a nuotare. Naturalmente, ha cercato di cercare sua figlia, ma non ci è riuscita a causa del dolore. Alla fine, non poteva fare altro che lasciare la faccenda al corpo dei vigilanti e al Regno.

Lemia era in uno stato in cui non poteva nemmeno stare in piedi correttamente.

Lei sorrise per cercare di non far preoccupare sua figlia eccessivamente, così ha provato a dire a Myuu: “Va tutto bene.” Tuttavia, più velocemente di lei, Myuu ha chiesto aiuto al suo “papà” ovvero l’uomo da cui dipendeva di più.

“Papaa! Per favore, aiuta mamma! Le gambe di mamma sono ferite!”

“Eh!? M-Myuu? Proprio adesso…”

“Papà! Presto!”

“Ara? Arara? Hai detto papà? Myuu, chi è questo papà?”

Confusa, molti “?” Fluttuavano sopra la testa di Lemia. Anche le persone circostanti chiedevano a gran voce. Molte osservazioni assurde volavano da qui e là come:

“Lemia… si è risposata? No… IN NESSUN MODO.”

“Finalmente, la primavera di Lemia-chan è arrivata di nuovo! Congratulazioni!”

“È una bugia, vero? Qualcuno, per favore, mi dica che è una bugia… La mia Lemia-san…”

“Papà… Myuu ha detto papà!? Non sono io!?”

“Sono sicuro che sia qualcuno con un nome d’arte come Ku *** ngpapa, sì, deve essere.”

“Oi, è ora di una conferenza di emergenza! Tutti i membri di “Osserviamo calorosamente Lemia-san e Myuu-chan” si riuniscono ora! La tempesta sta arrivando!”

A quanto pare, Lemia e Myuu, erano popolari qui. Lemia era ancora giovane, aveva circa venticinque anni. Anche se adesso era notevolmente emaciata, aveva un aspetto ben scolpito simile a quello di Myuu. Era facile immaginare quanto la sua bellezza sarebbe stata preponderante una volta che si fosse ripresa, quindi era comprensibile per lei essere popolare.

Con il trambusto che continuava a crescere, l’espressione di Hajime si contrasse esprimendo: “Non voglio andarci adesso”. Anche se pensava che queste persone avrebbero capito una volta che avesse spiegato i dettagli su come Myuu era arrivata a chiamarlo papà, era solo un “sostituto (anche se interiormente non la pensava così)” del suo papà, e non aveva intenzione di sposarsi Lemia, ma l’attuale malinteso cresceva a un ritmo incontrollabile.

Tuttavia, Hajime pensava che fosse una manna dal cielo. Dopo tutto, Hajime e il suo gruppo non sarebbero stati in grado di continuare il loro viaggio a meno che non avessero lasciato Myuu a sua madre. Sarà un arrivederci una volta che il suo gruppo avrà conquistato «Meljeene Bottom Sea Ruin». Hajime pensava che Myuu si fosse aggregata al party di Hajime perché si trovava in un posto lontano dalla sua città natale ed era stata separata dalla madre, quindi una volta tornata il suo desiderio di stare con loro si sarebbe sicuramente indebolito col passare del tempo, anche se lei all’inizio sarebbe stata triste. Le persone circostanti erano fortemente preoccupate per Lemia e sua figlia, quindi le avrebbero sicuramente aiutate.

“Papaa! Sbrigati! Per favore, aiuta mamma!”

Lo sguardo di Myuu stava fissando Hajime, così Lemia e le persone circostanti lo notarono una volta tracciato lo sguardo di Myuu. Hajime si arrese e andò dove si trovavano la madre e la figlia.

“Papà, la mamma è…”

“Va tutto bene Myuu… la curerò sicuramente. Quindi per favore non fare uno sguardo così lacrimoso.”

“Va bene…”

Hajime arruffò i capelli di Myuu che lo stava guardando con un’espressione tristissima, poi spostò lo sguardo su Lemia. La donna stava guardando Hajime, sbalordita. Quindi lui ha deciso di portarla in casa per curarla perché il suo aspetto aveva fatto crescere ancora di più il trambusto.

“Mi dispiace, ma scusami per un momento, va bene?”

“Eh? -!? Arara?”

Hajime aveva sollevato Lemia esattamente come una principessa mentre sembrava che non sentisse affatto il suo peso. Quindi, l’ha portata in casa guidato da Myuu. Con Hajime che trasportava Lemia in quel modo, si levarono grida e ruggiti dietro di loro, che lui ignorò. Lemia stessa poté solo sbattere le palpebre per essere stata sollevata e portata all’improvviso da Hajime.

Entrato in casa, trovò un divano in soggiorno, così Hajime vi fece calare lentamente la donna. In seguito, mentre osservava Lemia ammiccante che era seduta sul divano davanti a lui, Hajime chiamò Kaori.

“Kaori, come sta?”

“Lascia che la guardi… Lemia-san, ti toccherò il piede. Per favore dimmi se fa male.”

“S-sì? Umm, che succede in questa situazione?”

Quando pensava che sua figlia rapita fosse improvvisamente tornata, apparve un uomo che sua figlia adorava e chiamava papà. Inoltre, belle ragazze sconosciute e una bella donna si sono riunite nella sua casa. Una situazione del genere fece aggrottare le sopracciglia di Lemia, turbandola.

L’esame di Kaori terminò e disse che i nervi delle gambe danneggiate sarebbero stati in grado di essere recuperati con la sua magia curativa.

“Tuttavia, ci vorrà del tempo. I nervi danneggiati si trovano in punti delicati, quindi avrò bisogno di circa tre giorni affinché non si verifichino effetti collaterali. Inoltre, penso che sarà meglio guarire a poco a poco. Anche se sarà scomodo, per favore aspetta perché sicuramente ti guarirò.”

“Ara ara, maa maa. Pensavo che non sarei più stata in grado di camminare… come posso ripagarti…”

“Fufu, non preoccuparti. Dopo tutto, sei la madre di Myuu-chan.”

“Umm, ora che ci penso, qual è il rapporto di tutti con Myuu… inoltre, umm… perché Myuu ha chiamato quella persona” Papà “…”

Mentre Kaori inizia immediatamente a curare le gambe di Lemia, il gruppo di Hajime decise di spiegare i dettagli delle cose. Di come hanno incontrato Myuu a Fhuren, della rivolta e di come Hajime è stato chiamato papà. Avendo ascoltato tutto mentre veniva curata da Kaori, Lemia chinò profondamente la testa sul posto, poi ringraziò ripetutamente in lacrime.

“Veramente, come posso ripagarti per questo… È grazie a te che ho potuto riunirmi con mia figlia. Sicuramente ripagherò questa tua gentilezza anche con la mia vita. Finché è qualcosa che posso fare, qualunque cosa sia…”

Sebbene il gruppo di Hajime le dicesse di non badarci, lei non poteva acconsentire a non ripagare i benefattori di sua figlia. Nel frattempo, il trattamento di Kaori era terminato per quel giorno. Quando dissero che stavano cercando una locanda, Lemia pensò che fosse una manna dal cielo e chiese loro di usare la sua casa.

«Per favore, lasciami almeno fare questo. Per fortuna questa casa è grande, quindi c’è spazio per tutti. Per favore, non trattenerti e usa questa casa mentre stai a Elisen. Inoltre, Myuu sarà felice di questo. Giusto, Myuu? Sei felice che Hajime-san e gli altri restino a casa nostra, giusto?”

“…? Papà sta andando da qualche parte?”

Sentendo le parole di Lemia, Myuu che stava poggiando la testa sulle sue ginocchia si svegliò, sbattendo le palpebre, era sbalordita. Apparentemente, sembrava pensare che fosse una cosa naturale per Hajime rimanere a casa sua. La sua espressione diceva che non capiva perché Lemia le avesse fatto quella domanda.

“Ho pensato di mettere un po ‘di distanza una volta che fosse tornata da sua madre…”

“Ara ara, ufufu. Non fa bene a papà prendere le distanze da sua figlia, sai?”

“Non l’ho spiegato prima? Noi siamo…”

“So che prima o poi continuerai il tuo viaggio. Tuttavia, ecco perché per favore continua ad essere il suo “papà” fino a quel giorno. Se prendi una certa distanza sarebbe un addio improvviso… giusto?”

“… Bene se lo dici tu…”

“Ufufu, va bene anche essere sempre il suo“ papà ”, sai? Dopo tutto, ho detto “con la mia vita” prima…”

Così dicendo, “Ufufu”, Lemia rise con una mano sulla guancia leggermente arrossita. Un sorriso così rilassante e bello che normalmente avrebbe calmato chiunque… ma intorno ad Hajime si è generata una tormenta.

“Per favore, non scherzare in quel modo… l’atmosfera è diventata fredda…”

“Ara ara, quanto è popolare. Tuttavia, sono passati quasi cinque anni da quando ho perso mio marito… Anche Myuu vuole un papà, giusto?”

“Fue? Non è papà papà?”

“Ufufu, l’hai detto, quindi… papà?”

La bufera di neve era diventata molto più intensa. Sebbene non sapesse se Lemia avesse effettivamente notato l’atmosfera pericolosa, la sua aura calma non fece sì che le sue parole fossero prese né come uno scherzo né seriamente.”Hai un bel coraggio, tu!”, Fu quello che dissero Yue e gli sguardi delle altre ragazze, che fu facilmente respinto da Lemia con un sorriso abbinato a “Ara ara, ufufu.” Potrebbe essere una persona inaspettatamente interessante.

Alla fine, il gruppo ha deciso di rimanere a casa di Lemia. Quando è arrivato il momento di assegnare le stanze, Lemia ha detto: “Marito e moglie non dovrebbero stare insieme?” Yue e le ragazze hanno risposto solo con uno sguardo pericoloso. Poi, Myuu ha detto: “Myuu andrà a letto con papà e mamma”, il che ha trasformato il posto in un caos, ma almeno per ora si è calmato.

Il gruppo avrebbe conquistato il prossimo Great Dungeon, quindi avevano bisogno di rifornirsi e riparare gli oggetti rotti e persi mentre era anche necessario per loro allenarsi sulla magia degli Dei appena acquisita. Tuttavia, mentre pensava di non poter trascurare il suo poco tempo rimanente con Myuu, Hajime si appisolò sul letto.

*****

Tre giorni dopo.

La distanza stranamente breve tra Lemia e Hajime aveva fatto sì che il ragazzo si sentisse pugnalato dagli sguardi d’invidia iniettati di sangue degli uomini della tribù dei Sea-dweller. Anche le donne del vicinato spettegolavano sulla presunta coppia. Inoltre, l’approccio di Yue e delle ragazze è diventato ancora più intenso da quando erano diventate di cattivo umore. Anche Yue di notte stava diventando più adorabile. Anche così, Hajime ha completato la preparazione e sta per iniziare a cercare «Meljeene Bottom Sea Ruin».

Quando giunse il momento per loro di separarsi, Myuu aveva un’espressione davvero solitaria. Ha tirato i capelli di Hajime, ma in qualche modo è riuscito a scrollarsela di dosso sul molo e salire a bordo del sottomarino. Agitando le mani, Myuu gridò con fermezza: “Papà, buon viaggio!” Successivamente, con un’atmosfera che non poteva essere né scherzosa né seria, Lemia agitò la mano dicendo: “Buon viaggio, DARLING”.

Dall’esterno, potevano essere visti come moglie e figlia che stavano mandando il marito a lavorare. Sguardi taglienti provenivano da Yue e dalle ragazze dietro di lui e dalla circostante tribù di abitanti del mare. Hajime avrebbe esitato leggermente a tornare dopo aver conquistato il dungeon.

← 90-La ragazza caduta dal cielo

92-Rovine delle Profondità Marine Meljene

error: Content is protected !!