83 – Problemi nel Gran Deserto

Capitolo offerto da

— • — • — • —

Una veduta marrone.

Il ‘Gran Deserto Guryuu-en’ era l’espressione di quelle parole. La sabbia marrone, formata da migliaia di minuscoli granelli, il vento che soffiava costantemente alzando la sabbia e dipingendola di quel colore. Ci si poteva girare a 360° ma vi era sempre e solo un colore.

Oltretutto c’erano numerose dune, grandi e piccole, che venivano continuamente accarezzate dal vento. Attimo dopo attimo, la superficie continuava a mutare come se stesse dicendo “sono vivo”. Il sole cocente faceva salire la temperatura della sabbia, che raggiungeva facilmente i 40°.
Insieme alla sabbia danzante, era il posto peggiore per viaggiare.

Naturalmente, questo era vero per chi viaggia ‘normalmente’.

Al momento un veicolo nero simile ad una scatola o meglio, un veicolo a quattro ruote magico, avanzava in questo ambiente difficile lasciandosi alle spalle delle nuvole di sabbia. Anche se non vi era alcuna strada o indicazione, la cosa veniva compensata dalla bussola installata al suo interno.

“…Il paesaggio è magnifico… sono contenta che questo non sia un normale carro.”

“La sottoscritta concorda. La sottoscritta non sa come si sia mutato in questo ambiente… però è sicuramente un ambiente la cui sottoscritta passeggerebbe.”

Sedute sul retro mentre guardavano la sabbia battere sul vetro e osservando quel mondo marroncino, Shia e Tio fecero tali mormorii sinceri. Indipendentemente da quanto sia masochista, questo ambiente è deprimente per Tio.

“È completamente diverso da quando ci ero passata! Qui fa molto fresco e i miei occhi non fanno male! Papà è incredibile!”

“Vero~. Hajime-papà è incredibile~. Myuu-chan, ti va un po’ di acqua fresca?”

“La vorrei~. Grazie~ Kaori-oneechan.”

Seduta sulle gambe di Kaori, che era seduta in prima fila vicino al finestrino, Myuu era molto eccitata visto che era un’esperienza diversa da quando era stata rapita. Myuu stava guardando Hajime, che aveva creato quel mezzo, con occhi brillanti.

Era naturale. Sarebbe stato molto imprudente per qualcuno della razza di Myuu attraversare il deserto. Per una bambina di 4 anni come lei, non sarebbe stato strano se fosse morte a causa del suo stato indebolito. Essere riuscita a sopportarlo, non fa altro che aumentare la sorpresa generata rispetto alla sua prima volta che attraversava il deserto. Dopotutto, questo mezzo era fornito di aria condizionata.

“Sai, Shirasa-… Kaori. Ti prego di smetterla con quell’Hajime-papà. Mi rende irrequieto alcune volte.”

“? Ma Myuu non lo dice come se fosse una cosa normale?”

“Beh, non m’importa se è Myuu a dirlo. Ma sentirlo dire da una compagna di classe è un po’…”

A causa della sua personalità altruista, in qualche modo Kaori si è fatta carico delle cure di Myuu e quando questa chiama Hajime papà, Kaori fa altrettanto. E per una compagna di classe, chiamarlo papà, Hajime sente una punta di avversione rispetto a quando lo dice Myuu e spesso sul suo volto compare un’espressione delicata.

Incidentalmente, che Hajime la chiami ‘Kaori’ fu il risultato delle sue petizioni. La sua motivazione era, ‘Hajime chiama tutte per nome, quindi è ingiusto che solo io venga chiamata per cognome!’, o qualcosa del genere.

“È così? Allora non lo farò… ma quando un giorno anche io avrò un bambino… in quel momento…”

Kaori lo disse con le guance rosse come dei peperoni. Di conseguenza tutti, ad eccezione di Myuu, percepirono la creazione di una strana atmosfera. Allora Yue, che aveva preteso di non sentir nulla, rispose a Kaori al posto di Hajime.

“…Sfortunatamente, ci sono io per prima. Hajime me lo ha promesso.”

“?!… Hajime-kun, che cosa vuol dire?”

“…Non penso che sia così strano. Dopotutto è una cosa che accadrà nel prossimo futuro.”

“…Fufu, Hajimie mi ha già promesso di presentarmi ai suoi genitori.”

“?!”

“…Anche gli appuntamenti che faremo in città.”

“?!”

Gli attacchi vigorosi di Yue erano spietati! Quelle parole, una per una, divennero paletti che si piantarono nel petto di Kaori. Tuttavia, Kaori non è una ragazza che getta la spugna così facilmente. Ha creduto nella sopravvivenza di Hajime nonostante la situazione disperata e il fegato per rispondere a Yue non le manca, che era chiaro condividesse un legame speciale con Hajime. Non appena Yue finì di parlare, contrattaccò!

“Io, io so un sacco di cose su Hajime-kun che tu non conosci! Ad esempio i suoi progetti per il futuro, i suoi hobby o i suoi generi preferiti! Yue sa quale anime o manga piace ad Hajime-kun?”

“Hmph… questo è… però, non centra niente con le cose attuali. Quelle cose non esistono qui. Hajime potrà insegnarmelo quando arriveremo in Giappone…”

“Che ingenua. Basta che guardi all’Hajime che hai davanti. Non assomiglia al personaggio di un anime?”

“Geh?!”

Sarebbe dovuto essere un combattimento tra Yue e Kaori, eppure Hajime sta subendo dei danni.

“Capelli bianchi con una benda sull’occhio, per non parlare del suo occhio magico… di certo sono le cose che possiedono i personaggi preferiti di Hajime… persino le sue armi, come quella che assomiglia ad una croce… ah, però quello che ad Hajime-kun piace è oo, quindi GN bit? Qualunque cosa sia, l’Hajime di adesso è un otaku con tanto di patente.”

“GAH?! K-Kaori…”

“Mu, muu… che le armi di Hajime abbiano tale origine.”

“Yue, puoi affermare di aver vinto quando non sai cosa piace alla persona che ami?”

“…Kaori… il fegato non ti manca… allora, lascia che ti faccia una lezione. Riguardo a quello che Hajime piace… fare a letto.”

“?!… C-, c-, c-, a letto, uu~, come pensavo…”

“Fufufu… è un bene che tu comprenda la differenza tra di noi.”

Durante il loro viaggio, Yue e Kaori si sono scontrate così tante volte che gli altri membri del gruppo si sono abituati ad ignorarle. All’inizio, Shia le guardava ansiosa, ma alla fine, non divenne nulla di serio e quindi non s’immischiò più nella cosa.

Per certi versi, era Hajime quello che incassava di più. Dal momento che era l’origine del loro litigio, il contenuto delle loro discussioni gli facevano venire i brividi. Perfino adesso riceveva danni dal momento che insistevano in certi punti personali.

Ora Yue raccontò le loro attività notturne senza neanche un ripensamento facendo tappare le orecchie a Kaori che non voleva ascoltare. Hajime non voleva che Myuu venisse esposta al contenuto, quindi cercò di fermare Yue.

Tuttavia, ancor più veloce di Hajime, Myuu mise fine al litigio.

“…u~, Yue-oneechan e Kaori-oneechan continuano a litigare! A me non piace quando non vanno d’accordo!”

Detto ciò, Myuu si trasferì dalle gambe di Kaori a quelle di Shia che era sul retro. Di conseguenza, Kaori e Yue si agitarono visto che una bambina di 4 anni ha detto che non gli piace.

“Geez, voi due non siete un buon esempio per Myuu-chan. Più che altro, non era salutare per la sua educazione. Anche io capisco quanto teniate ad Hajime-san, ma siate più prudenti.”

“!… Che fallimento. Venir sgridata da Shia…”

“M-mi dispiace Myuu-chan, Shia.”

Venir rimproverate da Shia fu il colpo finale.

Per Yue, Shia è la sua migliore amica nonché la cosa più simile ad una sorellina. Anche se Shia prova affetto per Hajime, vede Yue alla sua stessa maniera e non come una rivale. Tio è soltanto una pervertita. Ecco perché Kaori, che le ha gettato il guanto di sfida, la vede come una rivale. La prima che abbia mai avuto.

Yue era convinta che ci fosse un legame assoluto tra lei e Hajime. È fortemente convinta che lei è la ‘persona speciale’ di Hajime. È per questo che credeva avrebbe sconfitto la rivale Kaori in fretta e furia, quando lei aveva fatto la sua dichiarazione e confessato i suoi sentimenti.

Tuttavia, anche se la sua confidenza non era mutata, ogni tanto Kaori è in grado di far sbocciare i fiori tra lei ed Hajime quando parlano del loro passato in Giappone, sconosciuto a Yue e alle altre. Di fronte a Kaori che conosce un passato di cui non sa niente, Yue sente che la sua rivale non è da sottovalutare.

Come risultato, proprio come i bambini che si pavoneggiano della loro collezione, i loro litigi da seri si trasformano in qualcosa di simile a quello di poco fa. Myuu e Shia si sono arrabbiate con loro.

Di solito, è compito di Hajime fermare Yue, ma in quei litigi è quello che subisce il danno maggiore. Ora non può far altro che guardare in lontananza come se niente di tutto ciò fosse affar suo, al fine di curare il suo cuore ferito.

“Nn? Che cos’è? Padrone, sembra che ci siano problemi a ore 3.”

Yue e Kaori stavano cercando in tutti i modi di far finta di andar d’accordo per risollevare il morale di Myuu, mentre Shia la calmava con un sorriso ironico. Hajime mormorò, “Non sono un chuuni” con occhi vuoti. Mentre succedeva questo Tio, che li stava guardando con interesse, improvvisamente chiamò Hajime. Sembra che abbia scoperto qualcosa all’esterno.

Hajime guardò verso il posto indicato: una grossa duna alla sua destra. Li numerose bestie magiche simili a lombrichi, per essere precisi Sandworm, si erano raggruppati. Le loro numerose teste potevano vedersi da sopra la duna.

Quei Sandworm mediamente misurano intorno ai 20 metri e il più grosso arriva ai 100 metri. Vivono in questo deserto e solitamente si nascondono sotto la sabbia in attesa della preda, attaccandola con le loro bocche piene di denti affilati. Sono specializzati in attacchi a sorpresa dal momento che sono difficili da individuare e sono temuti dalle persone del luogo come dei della morte.

Fortunatamente, i Sandworm non sono molto percettivi quindi, a meno che uno non abbia una sfortuna tremenda, non ti noterebbero e non prenderebbero di mira qualcuno ad una lunga distanza. Di conseguenza, si può dire che in questo caso uno non abbia avuto molta fortuna, però…

“? Perché si dimenano in quella maniera?”

Esattamente. Tio non avrebbe posto il caso ad Hajime nel caso fosse apparso qualcuno di quei Sandworm. Con l’abilità di percezione di Hajime, avrebbe tranquillamente notato il loro attacco a sorpresa e sarebbero riusciti ad uscire dal raggio d’azione dei Sandworm grazie alla velocità del mezzo. La cosa anormale è che stanno attaccando qualcuno, o meglio, continuano a contorcesi in quella zona.

“È come se non sapessero se mangiare o meno, giusto?”

“beh, da quel che vedo, non è così?”

“La sottoscritta non sa molto di questa zona. Ma quelli sono dei mangiatutto, di conseguenza non dovrebbero esitare quando si tratta di cibo…”

Anche se è una masochista ed una pervertita, ha vissuto molto più a lungo di Yue e al contrario della prigioniera Yue, la sua conoscenza è alquanto vasta. Per questo motivo possiede informazioni preziose sulle bestie magiche. Per vederla così dubbiosa, vuol dire che qualcosa di insolito deve essere successo.

Tuttavia, non hanno alcun motivo per farsi coinvolgere. Hajime decise di allontanarsi il più possibile.

E in quel momento,

“Kh?! Tenetevi forte!”

Urlò Hajime e immediatamente accelerò. Li vicino, da dietro il veicolo e cominciando con una piccola parte del corpo, una figura gigantesca con lo stesso colore del deserto uscì allo scoperto. Con la bocca aperta, era un Sandworm. A quanto pare, anche il gruppo di Hajime non ha avuto molta fortuna.

Hajime sterzò a destra e a sinistra, avanzando nella sabbia ad alta velocità. Sotto le ruote che disegnavano una ‘S’, sbucarono un secondo ed un terzo Sandworm.

“Kyaaaa!”

“Hiu!”

“Wawawa!”

In ordine, gli urli appartenevano a Kaori, Myuu e Shia. Per via della forza centrifuga, Kaori si era girata poiché preoccupata per Myuu sul retro. Ma il suo equilibrio crollò e finì in braccio ad Hajime con le anche che toccavano sulle gambe di Yue.

Sbattendo le palpebre, le guance di Kaori arrossirono e data la posizione, si avvinghiò alla vita di Hajime. Non era la migliore delle posizioni. Le guance di Hajime ebbero degli spasmi. Incidentalmente, l’altra metà di Kaori stava schiacciando Yue.

“Hey, Shirasa-… Kaori! Che cavolo stai facendo in una situazione del genere?”

“È pericolosa! È una situazione molto pericolosa! Quindi ti sto appiccicata!”

“…Dannata Kaori. Per schiacciarmi in quel modo… un’attacco a sorpresa?”

Mentre subivano un’imboscata da parte di Sandworm, Kaori sfruttò l’opportunità per avvinghiarsi ad Hajime. Yue stava ancora sculacciando Kaori, ma lei restava saldamente avvinghiata ad Hajime.

Nel mentre, i tre Sandworm che erano comparsi, stavano fissando il mezzo che era riuscito ad evitare la loro imboscata. Questa volta, quelle bestie si lanciarono contro il mezzo.

Fosse stato un carro normale, tutto sarebbe finito quell’attacco. Tuttavia, quello è un’artefatto creato grazie ad una porzione dell’anima da otaku di Hajime. Non era stato concepito per fare da preda.

D’altronde…

“Ah, questa è la prima volta che LO uso!”

Detto quello, Hajime fece un drift con il veicolo avanzando usando la retromarcia e immettendoci la magia, attivò le funzioni che aveva installato.

CLANK! KA-THUNK! KA-THUNK!

Nello stesso memento, si sentì un suono metallico e il cofano del mezzo si aprì facendo uscire un braccio su cui sono installati quattro missili. Il braccio si mosse come se fosse alla ricerca della preda per poi partire.

Brillando di luce aranciata, i missili entrarono nelle bocche aperte dei Sandworm e dopo un momento, generarono una potente esplosione all’interno. Il sangue scarlatto dei Sandworm e la loro carne si depositò ovunque, anche sul paravento del veicolo.

“Uhee… Shia, non far assistere Myuu a questo spettacolo.”

“Lo sto già facendo~. Anh! Myuu-chan, fa male? Per favore resisti ancora un poco.”

Hajime chiese a Shia di fare così quando i razzi partirono perché la stimolazione sarebbe potuta essere troppo forte per Myuu. Così, sincronizzata con Hajime, Shia stava già tenendo stretta Myuu fra i suoi seni così da non farle vedere niente. Tuttavia, forse perché non riusciva più a respirare, Myuu cercò di liberarsi e toccò una parte del corpo di Shia. Inavvertitamente, Shia gemette. Hajime pretese di non aver sentito niente.

Al momento, anche se Kaori si stava appendendo ad Hajime, Hajime fu finalmente in grado di sistemare la sua postura. Di certo, non era una situazione in cui poteva lasciarsi andare nonostante fino alle punte delle orecchio fosse arrossito.

“P-perdonami Hajime-kun. Mi dispiace. Che, chio abbia impulsivamente… non c’era alcuna ragione nascosta, e che, solo per un momento, volevo abbracciarti…”

“…Stai affermando di essere lasciva…di certo, non posso negarlo quando sono sola con Hajime.”

“…Ragazze, fatela finita. Inoltre Yue, non parlare di attività notturne perché è imbarazzante.”

Con i tre Sandworm massacrati dai razzi installati sul veicolo, Hajime rimase concentrato poiché quelle sulla duna di fronte a loro potrebbero aver percepito i loro movimenti grazie al suono esplosivo e all’impatto.

Tuttavia, di fianco a lui, Yue e Kaori stavano parlando come al solito, attenuando la tensione che si era creata. Inavvertitamente, le rimproverò in quanto si sentiva in imbarazzo.

Tanto per cominciare, nella sua testa, la Yue “notturna” è sicuramente lasciva e quando è solo con lei, crede che sia alquanto erotica. Kaori, che sembrava avergli letto il pensiero, aveva le lacrime agli occhi. Yue, con un sorriso affascinante, stava guardando Hajime mentre si leccava le labbra. Kaori, vedendola, fece un grugnito carino. Inconsciamente, il suo spirito combattivo arse ancor di più.

Nel retro, Shia disse “Capisco come ti senti Kaori-san. In questo siamo compagne.” mentre dava delle leggere pacche con occhi pieni simpatizzanti.

Hajime le ignorò e mosse il veicolo così da poter aggirare un’altra duna. Poteva vedere il gruppo di Sandworm nella parte bassa del terreno con ancora metà del corpo celata. Non nascosero nulla dal momento che sollevavano la sabbia. Avranno supposto che ormai saranno stati notati dal gruppo di Hajime e quindi decisero di attaccare velocemente piuttosto che effettuare un altro attacco a sorpresa.

Hajime ritrasse il lanciarazzi e attivò un’altra arma. Il centro del cofano si aprì e un mitragliatore rettangolare comparve facendo un suono metallico, diventando molto simile a Schlagen.

Poi, scintille rosse uscirono dalla bocca dello Schlagen del mezzo. Con il braccio ad aggiustare l’angolo di tiro, si generò un ruggito e una linea brillante perforò quel mondo marrone.

Il proiettile, sparato ad alta velocità, avanzò alzando un polverone e all’impetto generò una tempesta di polvere. Nella colonna di sabbia che si era alzata quasi fosse stata eruttata, vi erano ovviamente mescolati carne e sangue.

Lo Schlagen installato sul veicolo continuò a sparare un colpo dopo l’altro. I Sandworm che stavano dando la caccia alle loro prede esplosero, diventando concime per il terreno sterile.

“Hajime-kun! Guarda là!”

“…Una persona bianca?”

Quando lo Schlagen della macchina, che stava fumando, venne ritratto e Kaori parlò con voce sorpresa mentre indicava. Nel posto da lei indicato, come aveva mormorato Yue, c’era una persona collassata avvolto con un vestito bianco. Probabilmente era quello a cui Sandworm davano la caccia. Tuttavia, a causa della distanza, non si riusciva a capire come non fosse finito nello stomaco di una di quelle bestie.

“Per favore Hajime-kun. Andiamo là… dopotutto sono una ‘guaritrice’.”

Domandò Kaori guardandolo. Anche Hajime era interessato sul motivo cui quella persona non era stata attaccata dalle bestie magiche del deserto data la situazione, quindi acconsentì alla richiesta. Era possibile che la persona possedesse un metodo o un oggetto per tenere alla larga le bestie magiche. A tal proposito, esiste un minerale chiamato Cristallo Faeadren che possiede abilità simili a quello del mare di alberi. Il cristallo rende solo più difficile alle bestie magiche avvicinarsi, ma è possibile che esistano anche oggetti più potenti.

E così, il veicolo si fermò vicino alla persona collassata. Indossava abiti simili a quelli egiziani, con un cappuccio abbastanza grande da coprirne il volto. Steso per terra, il volto era nascosto dal cappuccio.

Uscendo dalla macchina, Kaori corse verso la persona con passi brevi.

“!… Questo è…”

Quando il cappuccio venne rimosso, mostrò il volto di un giovane uomo che era forse sulla ventina. Tuttavia, quello che sorprese Kaori non era lo stato del giovane uomo. Con un’espressione dolorante, era impregnato di sudore, il suo respiro affannoso e il battito cardiaco era veloce. Il suo corpo generava un’enorme calore che poteva essere percepito attraverso i suoi abiti. Oltretutto, i vasi sanguigni potevano essere vostri come se venissero spinti ad uscire da sotto la pelle, mentre sanguinava da occhi e bocca. Era ovviamente una situazione anomala. Non era ne un colpo di caldo ne un raffreddore.

Hajime divenne cauto di fronte all’uomo malato, ma decise di stare zitto e osservare la specialista di guarigioni mentre lo esamina. Kaori attivò ‘Infiltrazione ed Esaminazione’. Usando il mana per penetrare nel corpo altrui esaminò il stato leggendone il risultato sul suo status plate.

Con una mano sul petto dell’uomo, l’altra teneva il suo status plate ove era mostrato il verdetto. Il risultato fu…

“…Mana fuori controllo? Vuol dire che il mana nel suo corpo è fuori controllo a causa di un veleno?”

“Kaori? Ci capisci qualcosa?”

“S-sì, però questo è…”

Detto questo, Kaori mostrò quello che era comparso sul suo staus plate

Condizione: Eccessivo rilascio di mana. Impossibilitato a rilasciarlo all’esterno.
Sintomi:Febbre, mente annebbiata, dolore lungo tutto il corpo, rottura dei vasi sanguigni ed emorragia interna.
Cause: Anormalità nei liquidi corporei.

“È solo una mia supposizione, ma deve aver bevuto qualcosa che è risultato con la perdita di controllo del suo mana… oltretutto, dal momento che non può rilasciarla all’esterno, il mana lo sta pressando dall’interno e il corpo ormai è al limite… se continua, organi e vasi sanguigni esploderanno. È possibile che verrà indebolito al punto da essere prossimo alla morte a causa delle emorragie… Chiedo una benedizione in questo luogo, ‘Ten Thousand Heavens’.”

Giunta a quella conclusione, Kaori lanciò il suo incantesimo curativo. ‘Ten Thousand Heavens’ è l’incantesimo che ha deciso di usare. È una benedizione di medio livello con la capacità di curare stati anormali. Era l’incantesimo usato su Suzu quando era stata pietrificata.

Tuttavia…

“…Nessun cambiamento… perché? Per non essere in grado di curarlo… che sia passato troppo tempo?”

Apparentemente, ‘Ten Thousand Heavens’ non può curare l’uomo, ma solo ritardare l’inevitabile. Poi, probabilmente a causa della pressione che il suo corpo deve sopportare, il giovane grugnì di dolore. Il sanguinamento non si era fermato. Al momento, dal momento che non aveva in mente alcun trattamento specifico, Kaori strinse i denti e decise di usare la sua misura d’emergenza.

Qui invoco la luce della grazia, questo è il mio reame, il mio santuario, che spazza via il male come è mio volere, ‘Holy Ground’.”

Magia curativa d’alto rango, ‘Holy Ground’. È un incantesimo che trasferisce il mana di qualcuno ad altre nell’area. In pratica, trasferendo il mana di un compagno, quella persona sfuggirebbe momentaneamente dall’esaurimento di mana. Era un incantesimo volto a supportare un altro se lui/lei non ha sufficiente riserve di mana.

Oltretutto, non si limita solo all’utilizzatore del mana, quindi può arbitrariamente trasferire il mana a qualcun altro nell’area. Il principio, è lo stesso del prosciugamento magico. Tuttavia, necessita molto più tempo per estrarre il mana da una persona e soprattutto in grosse quantità. Per questa ragione è magia di ‘alto rango’.

La candida luce bianca proveniente dal centro del corpo del giovane, simile a libellule, si liberò. Era una visione mistica. Con gli occhi chiusi l’aspetto di Kaori, che aveva posto le sue mani sul petto dell’uomo mentre si contraeva ed era circondata da quella luce, dava un’impressione divina.

Kaori, che ha usato con facilità incantesimi d’alto rango fece pronunciare a Tio, a esalare un “Hou…” di ammirazione. Mentre Myuu, che era tenuta in braccio da Shia, mormorò “Che bella…”

Senza notare le voci di ammirazione dei suoi compagni, Kaori immagazzinò il mana estratto dall’uomo nel bracciale fatto con Cristallo Divino che aveva ricevuto da Hajime. A quanto pare, il prosciugamento forzato è stato efficace.

Incidentalmente, la ragione per cui non si trattava di un’anello, è perché Hajime non vuole ripetere lo stesso fraintendimento accaduto tempo fa.

Gradualmente, il respiro del giovane uomo divenne stabile. Il colorito rosso del suo corpo scomparve come anche il sanguinamento. Dopo aver disattivato ‘Holy Ground’, Kaori usò un incantesimo di livello principiante ‘Blessing’, per curare le vene del giovine.

“Per il momento… non credo che avrà un effetto immediato dal momento che non so quale potrebbe essere il trattamento più adatto. Potrebbe esserci anche la possibilità di morte a causa di un’esagerata estrazione di mana e di conseguenza, il corpo è in uno stato in cui non dovrebbe subire ulteriori pressioni. Se la cosa persiste, penso che una morte per una lenta ed inesorabile pressione proveniente dall’interno del suo corpo… sono alte. Non ho mai sentito di una malattia del genere… Yue e Tio ne sanno qualcosa?”

Con l’uomo fuori pericolo, Kaori ne fu sollevata ma allo stesso tempo ansiosa dal momento che non era guarito del tutto. Quindi, chiese a Yue e Tio la cui conoscenza è vesta. Le due si guardarono intorno mentre si spremevano le meningi, ma non c’era niente del genere. Alla fine, divenne una situazione in cui non potevano nemmeno affermare che era una malattia di origini sconosciute.

“Kaori, giusto per essere certi, esamina anche noi. Esiste sempre la possibilità che si tratti di una malattia sconosciuta il cui contagio avviene tramite vie aeree. Beh, non che ci sia da preoccuparsi se si tratta di mana fuori controllo.”

“Uh, hai ragione.”

Annuendo alle parole di Hajime, Kaori esaminò tutti i presenti e non trovò alcuna anormalità. Di conseguenza, poiché non sembra che infetti qualcuno tramite vie aeree, il gruppo di Hajime tirò un sospirò di sollievo.

Quando lo fecero, il giovane uomo si fece un grugnito e le sue palpebre tremarono. Quindi, si svegliò. Aprendo lentamente gli occhi e guardando intorno a se, il giovine vide Kaori guardarlo preoccupato e disse “Una Dea? Capisco, quindi sono in quel mondo…”

A seguire, il giovane si lasciò andare dal momento e cercò di estendere la sua mano verso Kaori solo per venir calciato nello stomaco da Hajime, che non nascose la sua irritazione per il già seccante caldo e la sabbia.

“Ufffph!?”

“H-Hajime-kun!?”

Guardando l’uomo, che si era piegato a v, e Kaori che aveva alzato una voce sorpresa, Hajime cominciò ad interrogarlo.

Hajime sapeva che quell’abito simil egizio e il mantello indossato dall’uomo sono una specialità del ‘Ducato di Ancadi’ situato nella più grande oasi del ‘Gran deserto Guryuu-en’. Lo aveva studiato per passare il tempo quando era ancora definito un ‘incompetente’. Se il giovane afferma che una qualche strana malattia si stava espandendo ad Ancadi, avrebbero cambiato destinazione dal momento che era una zona a rischio. Quindi fece delle domande all’uomo.

Riprendendo i sensi dopo essere stato schiacciato da Hajime, il giovano non guardò neanche per un attimo il gruppo di Hajime e fissò l’oggetto nero, sbattendo le palpebre per la confusione. Dopo aver sentito all’incirca la sua situazione da Kaori, e comprendendo che il gruppo di Hajime è il suo benefattore, abbassò la testa, ringraziò e cominciò a raccontare la sua storia.

Sentendo il suo racconto, Non è che quei Dei ci stiano prendendo in giro?, Hajime stava guardando il cielo dubbioso perché i problemi li raggiungono indipendentemente da dove si trovano.

← 82-La scomparsa di Aiko

84-Il Ducato di Ankadi →

error: Content is protected !!