23 – La verità+Omake

Capitolo offerto da

— • — • — • —

La formazione magica brillò debolmente e riempì la stanza con una luce misteriosa.

C’era un giovane di fronte ad Hajime. Se guardava attentamente, poteva notare che indossava gli stessi abiti del cadavere seduto sulla sedia.

“Siete arrivati fin qui dopo aver superato la prova. Il mio nome è Oscar Orcus, il creatore di questo Dungeon. Se dicessi che ero uno dei traditori, comprenderesti?”

A quanto pare, quest’uomo è Oscar Orcus, il creatore del Dungeon. Hajime ne rimase sorpreso e continuò ad ascoltare.

“Ah, non serve che tu faccia domande. Quello che stai vedendo e ascoltando, non è sono altro che una registrazione e sfortunatamente, non sarò in grado di rispondere alle tue domande. Per la persona che è riuscita a raggiungere questo posto, ti rivelerò la verità di questo mondo e il motivo per cui abbiamo combattuto… è per questa ragione che ho assunto questa forma e lasciato questo messaggio. Ti prego di ascoltare. Noi siamo dei traditori… e allo stesso tempo non lo siamo.”

Orcus cominciò a raccontare la storia. Una storia molto diversa da quella scritta nei libri, raccontata dalla chiesa e spiegata da Yue. Una storia talmente incredibile da scioccarlo.

Il racconto di una battaglia tra il Dio Pazzo e i suoi discendenti.

Durante il primo anno successivo all’Era degli Dei, il mondo intero era in guerra. Umani, Demoni e Semi-Umani continuavano a combattersi. Le ragioni era le più disparate: espansione territoriale, valore etico, avidità e molto altro. Ma la ragione principale, è perché erano “Nemici di Dio”. Durante quel periodo, le razze e le nazioni si divisero e ognuna di esse venerava il proprio Dio. A causa degli oracoli della loro divinità, continuarono a farsi la guerra.

Dopo 100 anni di interminabili spargimenti di sangue, si fecero avanti delle persone che volevano porvi fine. Durante quei giorni, quel gruppo era conosciuto come “Liberators”.

Tutti avevano una cosa in comune: tutti loro erano diretti discendenti degli Dei venerati durante l’Era degli Dei. Il leader dei “Liberators”, scoprì le vere intenzioni degli Dei: avevano scatenato la guerra al fine di rendere i loro fedeli come pedine nel loro gioco bellico. Sapendo ciò, il leader decise di agire. Riunì persone che la pensavano come lui e porre fine a quella guerra insensata.

Scoprirono il posto in cui risiedevano gli Dei, il “Mondo di Dio”. Erano 7 le persone all’interno dei “Liberators”, con i poteri ancestrali necessari ad affrontare gli Dei.

Tuttavia, il piano fallì prima che potesse essere messo in atto. Gli Dei sono dei maestri nel manipolare le persone e fecero credere alle loro vittime che i “Liberators” fossero nemici di Dio e che desideravano la distruzione del mondo. Tutti quanti divennero loro nemici. Non volendo usare la loro forza contro coloro che volevano liberare, si trovarono di fronte a vari problemi. Una volta sconfitti i “Liberators” furono rinominati “Traditori”, perché avevano rinnegato la grazia di Dio e volevano distruggere il mondo.

Alla fine, il loro gruppo si ridusse a quei 7. Ora, erano i nemici del mondo intero e si ritennero troppo deboli per affrontare e detronizzare gli Dei. Ognuno di loro andò in una diversa direzione del continente e crearono gli attuali 7 Dungeon per nascondersi. I Dungeon non sono altro che prove, create con lo scopo di trovare coloro che fossero degni di ereditare i loro poteri e con quelli, finire a ciò che i “Liberators” avevano interrotto.

Dopo aver finito la sua lunga storia, Orcus fece un sorriso gentile.

“Non so chi sei o quale ragione ti abbia spinto ad arrivare fin quaggiù. Non ti obbligherò ad uccidere Dio. Tuttavia, desideravo che tu sapessi. Per cosa abbiamo combattuto.

…A te, consegno tutti i miei poteri. Puoi utilizzarli come meglio credi.

Ma ti prego di non usarli per soddisfare il male che si cela nel tuo cuore.

La nostra conversazione è giunta al termine. Grazie per avermi ascoltato. Da adesso, sei libero di fare ciò che vuoi.”

Dopo aver detto ciò, l’immagine registrata di Orcus scomparì e allo stesso tempo, qualcosa si fece largo nella mente di Hajime. La sua mente palpitava e gli faceva male, ma sopportare tale dolore gli fece guadagnare una certa magia.

Presto, il dolore cessò e nello stesso momento la formazione magica finì di brillare. Hajime espirò lentamente.

“Hajime… stai bene?”

“Ah, sto bene… credo. Ho solo appena sentito qualcosa d’incredibile.”

“…Okay… cosa vuoi fare?”

Dopo aver ascoltato la storia di Orcus, Yue gli chiese cosa volesse fare.

“Vediamo… cosa voglio fare? Venir evocato senza chiedere il permesso e chiederci di combattere una guerra è alquanto seccante. Non so nemmeno cos’ha questo mondo. Per il momento, il mio obbiettivo è quello di tornare in superficie e successivamente a casa… ciò ti infastidisce, Yue?”

Il precedente Hajime avrebbe quasi sicuramente fatto qualcosa a riguardo. Tuttavia, i suoi principi sono cambiati e decise di ignorare i problemi di Orcus. O meglio, i problemi di questo mondo dovrebbero essere risolti dai suoi abitanti. Tuttavia, Yue è una residente di questo mondo e dato che non vuole lasciarla da sola, desiderava sapere cosa volesse. Non poteva ignorare la sua volontà come aveva fatto con Orcus. Hajime le chiese le sue intenzioni e dopo una breve esitazione, scosse negativamente la testa.

“Il mio posto è al tuo fianco… il resto non m’interessa.”

Prendendo la sua mano si strinse ad Hajime. Yue cercava di trasmettergli tutti i suoi sentimenti quando gli prese la mano. In passato aveva dato tutto per il suo paese, ma fu tradita da coloro di cui si fidava senza che nessuno le venisse in aiuto. Per Yue, questo mondo sembrava una prigione.

Hajime era la persona che l’ha liberata ed è per questo, che stare al suo fianco era il suo nuovo mondo.

“…Come preferisci.”

Hajime era leggermente imbarazzato. Comunque sia, si schiarì la voce per nasconderlo e rivelò la scioccante verità a Yue.

“Ah, inoltre ho imparato alcune nuove magie… magia dell’Era degli Dei a quanto sembra.”

“…Davvero?”

L’espressione di Yue diceva che non poteva crederci, ma era normale. Dopotutto, la magia dell’Era degli Dei è andata perduta secoli fa e non c’è un solo utilizzatore di questi tempi. Era stata una magia di transizione a evocare lui e i suoi compagni di classe in questo mondo. E quella, era una magia dell’Era degli Dei.

“La formazione magica che c’è sul pavimento, può entrarti nel cervello ed insegnarti come usarla. O almeno credo che sia così che funzioni.”

“…Stai bene?”

“Si, nessun problema. Questa magia… sembra essere fatta apposta per me.”

“…Che tipo di magia?”

“Credo che si chiami Magia di Creazione. Con essa puoi imprimere delle magie nei minerali e di conseguenza donare delle proprietà speciali a quest’ultimi.”

La mascella di Yue cadde per la spiegazione di Hajime.

“…Puoi creare degli artefatti.”

“Si, posso farlo.”

In effetti, la Magia di Creazione veniva utilizzata durante l’Era degli Dei per creare gli artefatti. Una magia più che adatta per un Maestro della Trasmutazione; la stessa classe di Orcus.

“Perché non la impari anche te, Yue? Se entri in quel quadrato magico questo esplorerà i tuoi ricordi. Orcus aveva parlato a proposito di una prova. Se ritiene che l’hai superata potresti impararla.”

“…Io non uso la trasmutazione…”

“Bè, sarà vero… ma qui si parla di magia dei tempi antichi, no? Non farà male impararla.”

“…Okay… se dici così.”

Yue camminò fino al centro della formazione magica proprio come Hajime le aveva spiegato. Il cerchio magico riprese a brillare e a sondare le memorie della partner. Ora era giunto il momento della verità…

“Siete arrivati fin qui dopo aver superato la prova. Il mio nome è Oscar…”

Orcus comparve di nuovo e riprese la spiegazione da capo. Yue ed Hajime lo ignorarono e cominciarono a parlare tra di loro.

“L’hai appresa?”

“Si. Però… gli artefatti sono difficili.”

“Già. A quanto pare questa Magia Arcana potrebbe avere delle affinità e delle idoneità.”

Mentre i due parlavano, li vicino c’era Orcus che parlava e sorrideva al vento. Alquanto surreale. Ad Hajime sembrò che lo scheletro di Orcus fosse comparsa un’espressione triste. Sicuramente se lo era immaginato.

“Ah, da ora questo posto ci appartiene, che ne dici di sbarazzarci del corpo.”

Hajime non mostrò alcuna compassione.

“Un… concimare il terreno…”

E Yue non era da meno.

Anche se non c’era vento, il cadavere di Orcus era stato impiccato.

Alla fine, il corpo di Orcus fu portato all’estremità del campo, dove venne eretta una tomba. Come ci si poteva spettare, era ridicolo utilizzarlo per concimare il terreno.

Una volta terminata la sepoltura, Yue ed Hajime si diressero verso le stanze sigillate. Avevano trovato sul corpo di Orcus un anello. No, non sono dei tombaroli. Sull’anello vi era inciso trasversalmente nel cerchio, un disegno che corrispondeva a quello che si trova sulle maniglie delle porte che conducono all’officina e allo studio.

Prima, si diressero verso lo studio.

Il loro obbiettivo principale era quello di trovare una via che li avrebbe riportati in superficie. Una volta sciolto il sigillo, entrarono nella stanza e si diressero verso la libreria alla ricerca di qualcosa degno di nota. Scoprirono i progetti dell’intera abitazione. Non era un vero e proprio progetto, ma più un promemoria di dove sarebbero stati posizionati i vari costrutti.

“Bingo! L’ho trovato Yue!”

“Un.”

Una voce felice uscì dalla labbra di Hajime e lo stesso lo era per Yue. Secondo i piani, la formazione magica del terzo piano era anche connessa a una formazione che si trovava sulla superficie. Senza l’anello di Orcus, quella formazione non si sarebbe mai attivata. Ruba-… accettare quell’anello è stata un’ottima idea

Continuando a studiare il progetto, scoprirono che la luce generata dalla sfera attaccata al soffitto ha le stesse proprietà dei raggi solari, rendendo possibile l’agricoltura. Inoltre, il posto era rimasto pulito per via di un golem che periodicamente faceva i lavori domestici.

Oltretutto, lo studio fungeva da magazzino per gli artefatti che Orcus aveva creato quando era ancora in vita. Quegli oggetti vennero ruba-… ereditati da loro. C’erano una grossa varietà di strumenti.

“Hajime… questo.”

“Si?”

Mentre Hajime studiava i progetti della casa, Yue stava analizzando degli altri documenti e gli portò un libro. Era il Diario di Orcus. Al suo interno vi era scritto come passavano le giornate i suoi ex-compagni, soprattutto quelle passate dai 8 che componevano il cuore dei “Liberators”.

Tra i vari passaggi, c’erano anche delle spiegazioni sui Dungeon degli altri 7.

“…Allora è così? Se conquistiamo anche gli altri Dungeon, saremo in grado di apprendere le altre Magie Antiche?”

“…Probabile.”

Secondo il diario, proprio come Orcus, anche gli altri 7 “Liberators” erano disposti ad insegnare la loro Magia Arcana a coloro che riuscivano a conquistare l’ultimo piano del rispettivo Dungeon. Sfortunatamente, non vi era scritto quale tipo di magia gli sarebbe stato insegnato…

“…Probabilmente troveremo un modo per tornare a casa.”

Come Yue ha detto, c’era questa possibilità. La magia di transizione che li aveva evocati, era senza ombra di dubbio Magia Arcana.

“Sembra che abbiamo un’idea di quello che dobbiamo fare. Una volta tornati sulla superficie, partiremo alla conquista dei rimanenti 7 Dungeon.”

“Già.”

Sapendo che via intraprendere, il volto di Hajime si addolcì. D’istinto accarezzò la testa di Yue facendone brillare gli occhi dalla gioia.

Cercarono altre informazioni, ma non furono in grado di trovare l’esatta collocazione degli altri Dungeon. Al momento i Dungeon di cui si sa la posizione sono il [Gran Vulcano Guryuu-en] all’interno del Deserto Guryuu-en e il [Mare di Alberi Hartzena]. Quelli di cui non si sa l’esatta collocazione sono quelli del [Raisen Gran Canyon] e i [Shune Snowfield]. Non ebbero altra scelta se non cercare informazioni.

Soddisfatti di ciò che trovarono nello studio, si diressero verso l’officina.

All’interno c’erano delle altre stanze più piccole che vennero aperte tramite l’anello di Orcus. All’interno di ogni stanza c’erano minerali e oggetti da lavoro mai visti prima. Testi teorici riempivano ogni stanza e poteva essere scambiato per il paradiso di un Maestro della Trasmutazione.

Hajime incrociò le braccia mentre guardava l’officina. Vedendolo in quello stato, Yue ne rimase disorientata e chiese.

“…Cosa c’è?”

Dopo essersi immerso nei suoi pensieri per un po’, Hajime fece una proposta a Yue.

“Umm, ecco Yue… possiamo rimanere qui per un po’? Non fraintendere. Voglio tornare in superficie il prima possibile però… ci sono molte cose da apprendere e questa casa è una base perfetta. Se pensassi al fatto che dobbiamo conquistare anche gli altri Dungeon, preferire prepararmi per ogni evenienza. Che ne dici?”

Yue è rimasta sigillata sottoterra per 300 anni e sicuramente non voleva stare li sotto un secondo di più. Tuttavia, dopo essere rimasta senza parole per la proposta di Hajime, approvò immediatamente. Stranamente, i pensieri di Hajime si rivelarono errati…

“…Finché sono insieme a te, qualsiasi posto va bene.”

Ecco com’è. Hajime cercò di nascondere l’imbarazzo per la sorprendente dichiarazione di Yue.

Di conseguenza, entrambi, decisero di rimanere li per allenarsi e prepararsi al meglio delle loro abilità.

*****

Omake 1

La sera di quello stesso giorno.

Il sole aveva cambiato il suo aspetto in quello di una luna ed emetteva una luce pallida. Non appena s’immerse nell’acqua calda cominciò a rilassarsi, lusso che non poteva permettersi da quando era caduto nell’Abisso. Quel bagno non stava lavando solo il suo corpo ma anche il suo spirito.

“Phew, Che meraviglia.”

Una voce che non sarebbe mai uscita dalla bocca dell’attuale Hajime. Quando il suo corpo si rilassò completamente, all’improvviso sentì il rumore di passi. Hajime, colto alla sprovvista, tremò. Nonostante avesse detto che avrebbe voluto entrarci da solo!

Naturalmente, c’era una sola persona che poteva fare quel suono ed entrare nella vasca da bagno. Era…

“…Ah… come si sta bene…”

Yue si sedette di fianco a lui, completamente nuda.

“…Yue-san, non avevo detto che sarei entrato da solo?”

“…Mi rifiuto.”

“Aspetta un secondo! Lo so che cosa vuoi!”

“…”

“…Almeno copriti. Ci sono un sacco di asciugamani.”

“Piuttosto guardami.”

“…”

“…Eh”

“…Ah, sono stato colpito.”

“…No, non lo sei.”

“Come cavolo fai a sapere queste cose? Ok, io esco!”

“Non te lo permetto!”

“As-aspetta! Ah, Ahhhhh!!!”

Lascerò il resto alla vostra fervida immaginazione.

*****

Omake 2

Lato di Kaori.

“Che cos’è?! All’improvviso è comparso un istinto omic-…”

“Kaori?! C’è un’Hannya dietro di te!”

*****

Nota del Traduttore:

Come di sicuro avrete notato leggendo questo capitolo, Hajime definisce se stesso e Orcus dei Maestri della Trasmutazione. Alcuni di voi lettori si staranno chiedendo: “Ma non era un’Artista della Trasmutazione?!”.

Come detto nell’avviso da me pubblicato su Insurrection Funsub (nella discussione ove vengono pubblicati i capitoli di questa Novel) il 29/09/2016, ho dovuto apportare alcune modifiche alla classe di Hajime e ora, in questo capitolo, esce fuori Hajime che si definisce un Maestro della Trasmutazione. Come per l’avviso, anche qui cercherò di spiegarvi il motivo di questa auto-proclamazione, ma tenete sempre a mente che si basa su teorie sviluppate dall’aver continuato a leggere questa Light Novel e di conseguenza non sono da prendere alla lettera.

Penso, che per trovare già una mezza risposta a questa domanda, bisogna andare al capitolo “10 – Creazione di un’arma”. In quel capitolo, Hajime spiega che ha appreso delle abilità che sono la raffinazione della sua [Trsmutazione]. Abilità che possono essere acquisite dopo anni di lavoro. Evidentemente, anche se non viene segnato sullo Status Plate, un Artista della Trasmutazione che ha acquisito queste abilità avanzate della [Trasmutazione] (o una particolare di queste), viene promosso al rango di Maestro della Trasmutazione. In poche parole: i Synergist che non hanno ottenuto queste raffinazioni possono essere considerati gli “Apprendisti” o “Operai”, mentre quelli che le hanno ottenuto sono i “Maestri” o “Capo-settori”.

22-La dimora dei Traditori

24-Partenza →

Lascia un commento

error: Content is protected !!