Capitolo 892 – Ritornando a Casa

Precedente | Indice | Prossimo

Era ovvio che l’Imperatore Celestiale Qing Lin avesse inventato l’incantesimo della guardia celestiale sulla base di questi sigilli. Le guardie celestiali imitavano gli dèi antichi, mentre questi sigilli servivano a controllare i loro servi.

C’era una differenza tra i due. Le guardie celestiali si concentravano sul corpo fisico e gli incantesimi erano al secondo posto. Una volta andato a buon fine, non ti avrebbero mai tradito a meno che l’incantatore non li avesse liberati.

L’incantesimo di sigillatura non era perfetto quando si trattava di fedeltà. Finché si trattava di un incantesimo, non sarebbe stato perfetto. Con il passare del tempo, sarebbero sorti vari problemi che avrebbero potuto causare la rottura dell’incantesimo.

Wang Lin era molto chiaro al riguardo. Quando il sigillo si posò tra le sopracciglia del ragazzo dalla testa grossa, il suo corpo tremò. Tutta l’energia origine celestiale nel suo corpo iniziò ad attivarsi e un sigillo identico si formò sulla sua anima origine. Il ragazzo dalla testa grossa fece un respiro profondo, si alzò con un sorriso ironico e disse con rispetto:“Saluti, Padrone.”

Wang Lin guardò il ragazzo dalla testa grossa e disse: “Esci dal pianeta e manda via i coltivatori di Ognicieli. Quanto a te, resta qui.”

Il ragazzo dalla testa grossa recepì subito il comando, emise un sospiro, saltò in aria e caricò nel cielo.

Quando Wang Lin guardò la terra familiare che lo circondava, i suoi occhi si riempirono di nostalgia. Qui aveva molti ricordi.

Wang Lin sentiva la malinconia di tornare dopo essersene andato per centinaia di anni. Si trattava di un’emozione molto complessa che non poteva essere spiegata chiaramente.

“Non so quanti amici posso ancora incontrare…” Wang Lin rivelò un’espressione desolato. La sua ombra tremolò, poi Ta Shan uscì e rimase in piedi in silenzio.

Wang Lin fissava così la sua casa, e la malinconia nel suo cuore diventava ancora più forte.

Poco dopo, il ragazzo dalla testa grossa scese dal cielo. Si posizionò con calma dietro Wang Lin.

Diversi raggi di luce giunsero dalla distanza. Due di loro si mossero più velocemente degli altri e si avvicinarono rapidamente. Quei due erano Zhou Wutai e Yun Quezi.

Wang Lin fece un passo avanti e il suo intero corpo scomparve. Lasciò dietro di sé solo un messaggio di senso divino che riecheggiò nei cuori di Zhou Wutai e Yun Quezi.

“Voglio un po’ di tranquillità…”

Nel momento in cui Zhou Wutai percepì questo senso divino, il suo corpo tremò e la sua mente fu sconvolta. Sebbene questo senso divino fosse morbido, lo terrorizzò e il suo cuore fu pieno di rispetto. Allo stesso tempo, c’era anche un sentimento complesso nel suo cuore.

“Non pensavo che sarebbe diventato così potente dopo centinaia di anni…” Zhou Wutai, dopotutto, era il Suzaku, quindi represse rapidamente lo shock nel suo cuore. Strinse le mani a Yun Quezi e poi se ne andò con la sua gente.

Le emozioni di Yun Quezi erano ancora più complesse. Il senso divino di Wang Lin aveva fatto tremare anche lui. Il ragazzino di allora aveva raggiunto un livello di coltivazione inimmaginabile. Emise un sospiro e gli sembrò di vedere ancora la figura del giovane che gli aveva pagato da bere al ristorante.

Pensò alla battaglia tra lui e Yun Quezi, alla battaglia tra il Clan degli Immortali Abbandonati e il paese di Suzaku. Ora tutto sembrava così insignificante…

Per coincidenza, sia Zhou Wutai che Yun Quezi sigillarono le informazioni sul ritorno di Wang Lin. A parte i coltivatori che si risvegliarono presto, nessun altro sapeva che Wang Lin era tornato…

Il motivo per cui i due fecero questo fu perché il senso divino di Wang Lin conteneva un pizzico di malinconia. Aveva bisogno di stare un po’ da solo e non voleva che gli altri lo disturbassero.

Alcuni giorni dopo, Wang Lin guardò la scena familiare che lo circondava mentre camminava lungo una strada tortuosa. Non si muoveva molto velocemente e il suo corpo emanava un forte senso di solitudine. Il tramonto rendeva la sua ombra molto lunga e Wang Lin sembrava estremamente solo nel tramonto.

Da lontano, Wang Lin non sembrava un giovane, ma piuttosto un vecchio. Un vagabondo che aveva lasciato la sua casa per molti anni.

Ta Shan e il ragazzo dalla testa grossa lo seguirono in silenzio. L’espressione di Ta Shan non cambiò; il suo unico dovere era quello di proteggere Wang Lin. Se qualcuno avesse mostrato ostilità verso Wang Lin, sarebbe stato il primo ad attaccare.

Anche il ragazzo dalla testa grossa era in silenzio. Il suo cuore era in disordine e non riusciva a schiarirsi le idee.

Wang Lin avanzò lentamente. Tutto ciò che lo circondava non era familiare, ma c’erano tracce di familiarità. Questa strada era solo una piccola strada di campagna. Tuttavia, con il passare del tempo, era cambiata notevolmente.

Mentre camminava, la malinconia nel cuore di Wang Lin divenne ancora più forte. Vedeva vagamente la fine della strada davanti a sé.

Lì c’era una città enorme e piena di rumore. C’era una targa in cima alla porta della città, e c’erano tre parole sulla targa!

Città Ancestrale Wang!

Guardando la città da lontano, Wang Lin si fermò. L’aspetto della sua città natale e la voce dei suoi genitori occupavano la sua mente.

“Cambiato…” L’espressione di Wang Lin rivelò tristezza. Questa città era completamente diversa dai suoi ricordi.

Il rumore dei cavalli e delle ruote sul terreno risuonava alle spalle di Wang Lin mentre rifletteva. Non molto tempo dopo, una squadra di carrozze arrivò lentamente.

Queste carrozze erano molto ordinarie. Davanti a loro c’erano alcune persone a cavallo che aprivano un sentiero. Dietro i cavalli c’erano le carrozze, e un vecchio dai capelli bianchi era seduto davanti a una delle carrozze. I suoi occhi erano come un fulmine. Era chiaramente un esperto di arti marziali.

Il vecchio a volte alzava la frusta in mano e con uno scatto aumentava la velocità della carrozza.

Quando il vecchio passò davanti a Wang Lin, sembrò voltarsi casualmente a guardare il gruppo di Wang Lin prima di ritirare lo sguardo e andarsene.

L’espressione di Wang Lin era complicata mentre avanzava lentamente dietro le carrozze. Alla porta c’erano delle guardie che controllavano i lasciapassare. Senza di essi, non avrebbero fatto entrare nessuno.

Questo naturalmente non preoccupò affatto Wang Lin. Nessuna delle guardie si accorse del suo passaggio. Una volta entrati in città, la strada era piena di pedoni. Le strade erano fiancheggiate da negozi e sembravano molto vivaci.

Wang Lin camminò lentamente con la solitudine nel cuore. Tutto ciò che aveva davanti non gli era familiare.

“Tutti sono cambiati…” Wang Lin si trovava davanti a un negozio. Guardando il negozio, la sua vista si annebbiò.

Ricordava che qui c’era una vecchia robinia con una pietra blu alla radice. Durante la sua giovinezza, si sedeva spesso qui a studiare i suoi rotoli.

Ricordava ancora come, quando il Quarto Zio gli aveva dato la possibilità di diventare un coltivatore, quel giorno si era seduto qui e aveva fissato il cielo in uno stato di stordimento.

Il lui di allora voleva davvero sapere com’era il mondo esterno…

Guardando il negozio, Wang Lin rifletté in silenzio. Centinaia di anni passarono in un lampo. Forse potrebbe non essere molto tempo per i coltivatori, ma per i mortali era sufficiente per far passare molte generazioni.

Forse perché era rimasto lì troppo a lungo, il cameriere se ne andò accigliato e voleva urlare. Tuttavia, quando vide Ta Shan, si spaventò. Un tipo così grande era raro da queste parti. Quando diede un’altra occhiata, vide il ragazzo dalla testa grossa.

Il ragazzo dalla testa grossa aveva un aspetto strano e terrificante. Il cameriere lanciò solo un’occhiata e impallidì rapidamente. Indietreggiò di due passi guardando Wang Lin prima di calmarsi e dire: “Fratellino, il nostro negozio vende giade. Se vuoi comprare, entra. Altrimenti, vattene. Che senso ha che tu stia qui?”

Wang Lin emise un sospiro e disse: “Cameriere, c’era una vecchia robinia qui?”

All’inizio il cameriere non voleva dire nulla, ma dopo aver visto Ta Shan e il ragazzo dalla testa grossa dietro Wang Lin, rispose: “Quale vecchia robinia? Sono cresciuto nella Città Ancestrale Wang e non ho mai visto una vecchia robinia!”

La malinconia negli occhi di Wang Lin divenne ancora più forte e il suo cuore si sentì amareggiato. Continuò a percorrere la strada e si addentrò nella città. Ta Shan e il ragazzo dalla testa grossa lo seguirono.

Quando il cameriere vide Wang Lin andarsene, emise uno sbuffo prima di tornare al negozio. In quel momento, un uomo anziano uscì dalla casa con un bastone in mano e un servitore che lo sosteneva. Chiese con voce roca: “Cosa è successo fuori?”

Il cameriere si avvicinò rapidamente e sorrise. “Negoziante, non era niente. Alcune persone strane mi hanno chiesto se qui c’era una vecchia robinia. Sono cresciuto qui e non ho mai visto una vecchia robinia. Credo che si siano sbagliati su questo posto.”

Il vecchio rimase sbigottito e i suoi occhi spenti rivelarono uno sguardo di ricordo. Dopo molto tempo, disse dolcemente: “Ricordo che da bambino gli anziani dicevano che qui c’era una vecchia robinia. È passato molto tempo.”

Il cameriere rimase sbigottito, ma non lo prese a cuore.

Mentre Wang Lin camminava, non c’erano luoghi familiari. Tutto era strano per lui. Era come se qualcosa bloccasse il suo cuore e lo facesse sentire molto a disagio.

Mentre camminava, Wang Lin rabbrividì improvvisamente. I suoi 1.000 anni di coltivazione divennero estremamente fragili e cominciarono a collassare dal suo corpo.

Era come se avesse lasciato la sua casa per molto tempo. Poi, dopo aver visto tutti questi estranei, improvvisamente vide qualcosa di familiare.

Wang Lin guardò davanti a sé. A 1.000 piedi di distanza, c’era un’area circondata da mura di pietra. C’erano squadre di soldati che pattugliavano la zona. Era evidente che questo luogo era ben sorvegliato e che nessuno poteva entrarvi.

Inoltre, intorno a quest’area c’erano una dozzina di aure appartenenti a coltivatori.

Si potrebbe immaginare che questo deve essere il luogo più importante della città!

Ciò che si trovava all’interno del muro di pietra era qualcosa di completamente diverso dall’esterno delle mura. C’erano diverse case che davano a Wang Lin una sensazione di familiarità. C’era anche una tomba costruita in seguito.

I soldati che pattugliavano le mura a volte guardavano all’interno delle mura e il loro volto mostrava rispetto dal profondo del cuore.

Precedente | Indice | Prossimo

Lascia un commento

error: Content is protected !!