Capitolo 479 – Il Dao

Precedente | Indice | Prossimo

“Interessante! Il metodo di questa persona è lo stesso del fratello apprendista junior Sun Yun! Tuttavia, il fratello apprendista junior Sun Yun è durato 67 giorni. Mi chiedo quanto potrà durare anche lui!” L’uomo dall’aspetto gentile si sfregò il mento e rivelò un sorriso impossibile da vedere.

Il suo sguardo era calmo, ma c’era un accenno di luce misteriosa che lampeggiava nei suoi occhi.

Le tre prove della Setta del Fato Celeste furono create personalmente dall’Onniveggente. Divise il vuoto per creare uno spazio speciale per lo svolgimento delle tre prove.

Solo dopo aver superato le tre prove si può ottenere la qualifica di discepolo della Setta del Fato Celeste. Questa era una regola fissata nella pietra, quindi nessuno poteva cambiarla.

In quel momento, all’interno della prova dell’Uomo, c’era un velo che copriva un’intera area. Al centro di quest’area si trovava un luogo simile a un paradiso.

Questo luogo era pieno di fiori, uccelli, e salici. C’erano anche alcuni latrati di cani, ma invece di rompere la tranquillità, erano più che altro latrati per svegliare qualcuno dal sonno.

Questo paradiso era un villaggio. Sebbene non ci fossero molti abitanti del villaggio, tutti si rispettavano e andavano d’accordo.

La terza casa a partire dall’estremità settentrionale del villaggio aveva un proprio cortile. Anche se umile, se qualcuno la guardasse, penserebbe che è molto confortevole. Davanti al cancello c’erano alcune spighe di erba dalla coda dorata, a dimostrazione del fatto che era primavera.

Nel cortile c’era una grande catasta di legna da ardere e vicino c’erano alcune sedie di legno con un tavolo di legno al centro. Sopra il tavolo c’erano una teiera e alcune tazze da tè.

In quel momento, un vecchio pieno di rughe era seduto sulla sedia e beveva il tè.

Anche se i capelli di questa persona erano tutti bianchi, non sembrava affatto vecchio. Dopo aver bevuto il tè, alzò la testa e guardò in casa.

All’interno della casa un ragazzo aveva in mano un coltellino e stava intagliando su un pezzo di legno rosso.

Il vecchio rivelò un sorriso gentile. Era estremamente tranquillo mentre guardava il ragazzo.

Poco dopo, il ragazzo arricciò il naso, poi guardò il vecchio e corse subito da lui. Gli chiese, con voce tenera: “Chi sei esattamente?”

Il vecchio mise giù la tazza da tè, strofinò la testa del ragazzo, e sorrise. “Sono chi dici che sono…”

Il ragazzo stava per parlare, ma proprio in quel momento una voce seria giunse dall’interno della casa. “Hu Zi, non disturbare tuo nonno. Torna a intagliare!”

Insieme alla voce, un uomo di mezza età aprì la tenda e uscì dalla casa.

Il ragazzo non si voltò; emise un sospiro prima di lanciare un’occhiata profonda al vecchio. Poi tornò alla casa e ricominciò a intagliare. Tuttavia, nei suoi occhi c’era un profondo dubbio.

L’uomo osservò il ragazzo per un po’, poi si sedette accanto al vecchio, gli versò lo stesso tè, e disse: “Papà, domani andrò in montagna.”

Il vecchio continuava a guardare dolcemente il ragazzo. Dopo aver ascoltato l’uomo di mezza età, annuì e non disse nulla.

“Perché vai in montagna?” Dall’ingresso giunse la voce di una donna. Entrò un’anziana donna con la testa piena di capelli bianchi che teneva in mano un cesto di verdure.

L’uomo di mezza età si alzò rapidamente, accettò il cesto, e disse: “Madre, ho sentito da Er Niu dal lato est del villaggio che potrebbe esserci una tigre sulle montagne. Quindi andremo con alcune persone a vedere se c’è. Se saremo fortunati, potremo trovare una pelle di tigre per fare un cappotto nuovo per padre.”

La vecchia aprì la bocca come se volesse dire qualcosa, ma guardò il vecchio che stava ancora fissando il nipote prima di emettere un sospiro e scuotere la testa in silenzio.

I giorni passavano giorno dopo giorno, ma l’uomo di mezza età non era ancora tornato dopo la sua partenza…

La vecchia aspettava con ansia giorno e notte, ma alla fine tornò un cadavere incompleto. Svenne per il dolore e non si risvegliò più.

Ora in questa casa erano rimasti solo il nonno e il nipote.

Il ragazzo stava ancora imparando a intagliare e il vecchio stava ancora osservando di lato…

Quel giorno, il vecchio chiese piano: “Hai finito di imparare a intagliare?”

Il ragazzo alzò la testa, guardò con calma il vecchio, e disse: “Non ancora. Intagliare è troppo difficile; non importa cosa faccio, sembra che non riesca a imparare…”

Il vecchio rifletté un po’, poi emise un sospiro e disse: “Quante volte ci hai provato?”

Il ragazzo alzò la testa, guardò con calma il vecchio, e disse: “Questa è l’83esima volta. La prossima volta non è lontana.”

Il vecchio sospirò. “Non sei ancora disposto a farla finita?”

Il ragazzo guardò il cielo. Poco dopo scosse la testa e disse: “Perché deve finire? Questa vita è piuttosto bella, a parte il fatto che non so chi sei!”

“Hai ripetuto questo ciclo innumerevoli volte, e ogni volta le cose che accadono sono stabilite; non ci saranno cambiamenti. Sapevi che tutti quelli che se ne sono andati non sarebbero tornati, perché hai sperimentato tutto questo innumerevoli volte. Non riesci ancora a capirlo? Cosa stai facendo esattamente?” Il vecchio sollevò la tazza da tè e la accostò alla bocca, ma non bevette.

Il ragazzo ritirò lo sguardo, guardò la scultura di legno che aveva in mano, e dopo molto tempo disse: “È ora di finirla… no, non lo è…”

All’interno della Setta del Fato Celeste, sotto l’albero della Bodhi, l’espressione dell’uomo dall’aspetto gentile divenne molto seria. Fissò il vuoto davanti a sé e i suoi occhi si oscurarono.

“83 giorni… questa persona non è certo ordinaria! Anche il fratello apprendista junior Sun Yun ha resistito solo 67 giorni! Anche se le tre prove sono una prova, se si può ottenere l’illuminazione da esse, allora è un’opportunità celestiale! Le tre prove sono cose che ogni persona può sperimentare solo una volta nella vita, e il maestro ha speso molti sforzi per costruirle! Questo Wang Lin può resistere 83 giorni nella prima prova… questa persona… non può restare!”

Il suo volto divenne ancora più cupo e la sua espressione era indecisa. Poi le sue mani formarono un sigillo e una luce color arcobaleno apparve dalle sue mani.

“Futuro fratello apprendista junior, lascia che ti aiuti!” Con ciò, puntò in avanti e la luce color arcobaleno scomparve in lontananza.

All’interno della prova dell’Uomo, il ragazzo stava ancora intagliando quando improvvisamente alzò la testa. Nel cielo apparve un raggio di luce color arcobaleno che sprigionava raggi di luce accecante.

Questo raggio di luce era molto aggressivo; ovunque brillasse, il paradiso si scioglieva come un ferro da stiro caldo nella neve.

Il profumo dei fiori non ricoprì più l’area.

Le case del villaggio scomparvero tutte, trasformandosi in fumo bianco che si dissipava lentamente.

Le case scomparvero una dopo l’altra sotto il bagliore della luce, finché rimase solo la terza casa dell’estremità settentrionale del villaggio.

Lo sguardo del ragazzo rivelò una luce misteriosa, poi smise di intagliare e agitò improvvisamente il coltello che aveva in mano. Un raggio di luce argentata si sprigionò nella luce color arcobaleno del cielo.

Dal cielo giunse un suono dirompente, poi l’onda d’urto spazzò via tutta la foschia che circondava l’area.

La luce color arcobaleno cominciò a tremolare come una candela soffiata dal vento. Ma presto la luce color arcobaleno cominciò a brillare misteriosamente e a fondersi di nuovo. La luce color arcobaleno si trasformò in un paio di occhi che sembravano poter vedere attraverso qualsiasi cosa e il loro sguardo si posò sul ragazzo.

Gli occhi del ragazzo divennero freddi, poi agitò la mano destra e tutti i pezzi di legno del cortile volarono in aria. La mano del ragazzo si mosse rapidamente, inviando un’enorme quantità di onde di luce argentata verso i trucioli di legno caduti a terra. In un attimo, apparvero le sculture delle case e degli abitanti del villaggio.

Il ragazzo agitò di nuovo la mano e tutte le sculture furono illuminate da una fiamma spettrale. All’inizio la fiamma era piccola, ma rapidamente crebbe e cominciò a diffondersi.

Il villaggio, gli abitanti, i fiori, gli uccelli e così via riapparvero. Questo luogo tornò ancora una volta a essere un paradiso.

“Non so chi tu sia, ma sparisci subito!” Anche se la voce del ragazzo era debole, era piena di intenti omicidi.

Il paio di occhi nel cielo fissò il ragazzo e poco dopo scomparve.

Sotto l’albero della Bodhi nella Setta del Fato Celeste, gli occhi dell’uomo dall’aspetto gentile si illuminarono e mormorò tra sé e sé: “Ecco come stanno le cose. Il dao di questa persona è legato al ciclo della reincarnazione; non c’è da stupirsi che sia riuscito a resistere 83 giorni. Ogni giorno sperimenta un ciclo della reincarnazione e quindi aumenta la sua comprensione del ciclo della reincarnazione…”

All’interno della prova dell’Uomo, il vecchio si lasciò sfuggire un sospiro, si alzò in piedi, guardò il ragazzo, e disse piano: “L’84esima volta sta per iniziare. Vuoi ancora continuare?”

Il ragazzo abbassò la testa per guardare la scultura di legno che non era ancora riuscito a completare dopo 83 cicli. La scultura era quella di una donna…

“Continuiamo… questa è la ricerca del dao… e il vero significato della prova dell’Uomo!”

Nel cuore della Setta del Fato Celeste.

L’Onniveggente aveva gli occhi chiusi e stava coltivando al centro di un altare nero nel cuore della Setta del Fato Celeste. All’improvviso, aprì gli occhi, rivelò un sorriso soddisfatto, e disse: “Questo bambino è molto bravo!”

Dieci giorni dopo, all’interno del paradiso nella prova dell’Uomo, una persona uscì. Era la prima volta che il ragazzo usciva dal cortile. Al primo passo era ancora un ragazzo, al secondo un adolescente e al terzo un giovane uomo!

I capelli del giovane si mossero senza vento e indossò una veste bianca come la neve mentre usciva dal paradiso passo dopo passo. In mano teneva una scultura di legno. Alla fine, la scultura fu completata…

La scultura era quella di una donna, una donna gentile, bella, e simile a una fata. La sua bocca formava un sorriso luminoso come il sole e i suoi occhi emanavano un’espressione felice…

Questo giovane era Wang Lin!

“Senza almeno 100 cicli, come si potrebbe cercare il dao? Senza almeno 1.000 anni di coltivazione, come si potrebbe cercare il dao dai cieli… Questa prova dell’Uomo è interessante!” Gli occhi di Wang Lin erano sereni in questo momento. Questa prova gli fece subire un misterioso cambiamento. Tuttavia, nascose molto bene tale cambiamento, per cui era molto difficile notarlo.

I suoi occhi erano ancora più chiari di prima, come il cielo stellato.

Wang Lin scomparve dal vuoto e uscì dalla prova dell’Uomo.

“La prova della Terra mette alla prova la coltivazione. Sei pronto? Hai il coraggio di entrare?”

“Perché non avrei il coraggio!?” Wang Lin sorrise debolmente e alzò la testa.

Precedente | Indice | Prossimo

Lascia un commento

error: Content is protected !!