182 – Forno a tino

Capitolo offerto da

— • — • — • —

Finché qualcosa copre completamente la superficie di un’oggetto, formando una membrana, questo può essere difinito un rivestimento. I rivestimenti possono essere allo stato gassoso, liquido o solido in base all’uso, andando da semplice decorazione ad un protezione più durabile e moderna.

Roland compì alcuni test successivamente alla scoperta.

I risultati furono molto soddisfacenti. Probabilmente, è stata influenzata dal concetto che maggiore è la conservazione di un dipinto, meglio è. Di conseguenza, le simil foto che disegnava prima dell’evoluzione, a meno che non lo erano i supporti, questi difficilmente potevano venir distrutti. Inaspettatamente, questa evoluzione aveva portato nuovi vantaggi.

Per prima cosa, i ‘pigmenti’ speciali, altamente adesivi e leggeri, possedevano due proprietà fisiche. Quando usate una pittura, potevano diventare più o meno flessibili in base all’oggetto. Ad esempio, quando si dipingono il cielo o le nuvole, si sarebbero ammorbiditi come i batuffoli di cotone e con una buona resistenza all’allungamento e al taglio. Quando invece si dipingono cose come lingotti di ferro o vetro, diventa duro, fragile e facilmente distruttibile se colpito col martello. In altre parole, a causa della sua speciale qualità, può essere fautore di maggior flessibilità che non fa rigidità, equivalendo la comprensione del pigmento di Soraya.

Secondo, indipendentemente dal ruolo svolto, le proprietà chimiche sono molto stabili. Non solo non reagisce con l’acido solforico o nitrico diluito, ma respinge anche acqua e olio. Quando ha riempito d’acqua una scatola dipinta, il sottile fondo della scatola non perdeva. Dopo averla svuotata, poteva chiaramente vedere delle gocce d’acqua scivolare lungo le pareti, come la rugiada sulle foglie di loto. Il fondo della scatola era asciutta quando la toccò.

Come Anna vi mise il ferro fuso per testarne la resistenza termica il foglio, che era il supporto, all’improvviso prese fuoco ma il rivestimento non mutò più di tanto a parte gonfiarsi a causa del calore generato dal ferro fuso. Quando il fuoco nero di Anna venne usato per scaldare il rivestimento, cominciò a fondersi e deformarsi mentre emetteva del fumo bianco e alla fine trasformarsi in una gelatina nera.

Quel che eccitò di più Roland, fu il fatto che il rivestimento era anche insolubile. Il filo di rame coperto dal rivestimento assomigliava molto ad un cavo del mondo moderno. Ne ha anche avuto prova usando la macchina a corrente continua.

A questo punto, Roland era a grandi linee riuscito a comprendere la nuova abilità di Soraya.

A differenza di Anna ove il fuoco nero ha ampiamente superato le iniziali fiamme verdi, sembra che Soraya abbia esteso la sua abilità di pittura dopo l’evoluzione. Adesso poteva dipingere ‘tele ad olio’ virtuali’ come anche sottili ‘dipinti iper-realisti’, in base alla sua idea. Oltretutto, entrambe le abilità potevano essere usate nello stesso momento.

In aggiunta, quando vengono creati dipinti virtuali con un spessore inferiore al centimetro, Soraya poteva dipingere per ore senza mai dover prendere una pausa. Eppure, quando lo spessore era superiore a 3 cm, i dipinti avrebbero consumato una maggior quantità di potere magico.

L’abilità rimaneva comunque di tipo evocativo. Finché la penna magica era nel raggio della Pietra della Ritorsione Divina, questo sarebbe scomparso. Nel frattempo, Soraya non sarebbe stata in grado di continuare a dipingere. Ma la Pietra della Ritorsione Divina non aveva alcun effetto sul dipinto terminato. In base all’osservazione di Nightingale mentre era nella nebbia, non vi era rimasto alcuna traccia di mana. In altre parole, i materiali creati erano reali.

Per quanto riguarda la sua applicazioni… le scelte erano fin troppe. Soraya non si sarebbe mai potuta aspettare i cambiamenti che la sua abilità avrebbe portato alla città. Voleva dire che Roland avrebbe ben presto ottenuto un gran numero di tubi per l’acqua con rivestimenti antiruggine e enormi quantità di cavi, o piastrelle a prova di fuoco. Tre progetti di rifornimento (acqua, elettricità ed entrate) che prima di allora erano inimmaginabili.

Allo stesso tempo, lo mise in guardia il fatto che l’esperienza professionale era molto più profonda di quella letta sui libri.

Se avrebbe permesso alle Streghe di osservare il micro-mondo, questo avrebbe permesso loro di accettare più velocemente la teoria delle particelle e quindi condurle ad una nuova serie di evoluzioni? Ad esempio… un microscopio usato per osservare la struttura delle cellule e dei microbi.

Roland sentiva che fosse necessario fare un tentativo.

*****

Fornace della miniera settentrionale.

“Ancora! La temperatura deve essere più alta!” urlò Lesya

Anche se non riusciva a vedere niente all’interno della fornace, le pietre ormai dovrebbero essere diventate rosse dal momento che ci avevano gettato dentro tre carri di carbone.

Quando Lesya era arrivato a Border Town su invito di Karl Van Bate, credeva si trattasse di una terra desolata. L’unico motivo che lo ha convinto ad andare al confine del regno per ricominciare a lavorare, era la rinascita della Gilda dei Massoni a Border Town.

Dopo aver radunato e impacchettato le sue cose e detto addio alla sua famiglia, si era preparato a vivere mangiando porridge e dormendo in tenda. Era disposto ad accettare una situazione ove ci sarebbe stata una mancanza di manodopera e fondamenta dal momento che era cosa comune nel campo edilizio.

Lesya non aveva intenzione di rimanere a Border Town a lungo e rincontrare il suo vecchio amico Karl Van Bate e alcuni vecchi colleghi che erano stati esiliato o vivevano in isolamento, sarebbe stato sufficiente per renderlo felice.

Ma scoprì che le sue erano solo fantasie.

Dopo essere arrivato al porto di Border Town vide Karl Van Bate, un’eccellente architetto e un buon pretendente alla direzione della vecchia Gilda. Rispetto a come se lo ricordava, Karl sembrava più robusto che non fa magro e il suo volto sembrava lucido nonostante le sue basette siano diventate grigie e avesse qualche ruga in più.

Dopo averlo salutato, invece di condurlo al cantiere, Karl lo condusse in un edificio residenziale appena costruito consegnandogli una chiave. “Questa è la tua nuova casa adesso. Sistema i bagagli prima di andare a berci qualcosa alla taverna.”

…successivamente, Lesya ascoltò una serie di storie incredibili da Karl.

Il Lord aveva reclutato Karl, un civile, nel municipio affidandogli la supervisione del dipartimento edilizio nonché stipendiato mensilmente!

Se resto, potrò lavorare nel municipio!
Alloggio gratuito!
Dopo 10 anni di lavoro potrò andarmi in pensione! Ma cosa vuol dire ‘andare in pensione’? Del tipo non avrò bisogno di lavorare per guadagnare soldi?

Lesya pensava che Karl fosse ubriaco, ma scoprì… che quel che gli aveva raccontato era vero.

“Mio signore, i minerali si stanno fondendo. Riesco a vedere il ferro fuso fluire!” urlò il lavoratore in cima alla fornace.

“Aprite lo sbocco delle scorie per rimuoverle!”

Dopo aver cominciato il lavoro, i problemi che Lesya si aspettava non ci furono. Qualunque cosa chiedesse, che fossero soldi o uomini, i suoi superiori glieli fornivano in breve tempo. La risposta gli arrivava sempre il giorno dopo aver fatto la richiesta. Oltretutto, la città produce un prodotto alchemico chiamato cemento che può attaccare tra loro i mattoni in tempi brevi aumentando significativamente la velocità di costruzione. Inaspettatamente, si sentiva spensierato… un sentimento che non aveva mai provato.

In più di un mese, Lesya ha costruito cinque fornaci con mantici e tre fornaci a tino per produrre il ferro.

Ora, di fronte a lui, c’era una fornace sul cui progetto lavorava sin da quando era parte della Gilda dei Massoni. Costruito basandosi su anni di esperienza. Prima che la costruzione della fornace a tino cominciasse, si era sempre aspettato che il progetto si sarebbe dovuto mettere su carta.

Questa fornace a tino migliorata era alta 2 m e il diametro era di 75 cm. Nella parte bassa della fornace c’era una serie di valvole per pompare o rilasciare l’aria. Uno sbocco per le scorie e uno per il ferro liquido era stato costruito sul fondo. Un rialzo di sabbia era stato costruito di fianco alla fornace per permettere ai lavoratori di inserire il materiale e controllare la temperatura.

Oggi, la prima fornace a tino sarebbe stata usata per la prima volta e prima dell’inizio, avrebbero dovuto fare controlli ripetuti sulla fusione.

Dopo aver aperto ad intermittenza aperto la valvola delle scorie più di dieci volte e averci inserito due carri di carbone, il test di prova era terminato. C’era ferro liquido sul fondo della fornace e lo sfogo delle scorie non aveva alcun ostacolo.

Allo stesso tempo, dal momento che la temperatura era abbastanza alta da fondere il ferro, non c’era bisogno di sprecare altro carbone per tenere il fuoco vivo. Al fine di tagliare i costi, usarono i minerali di scarto accatastati in un angolo del magazzino per eseguire i test di prova di ogni nuova fornace.

Aprirono lo sfogo per far uscire il ferro liquido e successivamente, Lesya ordinò la chiusura della fornace.

*****

Due giorni dopo, gli abitanti della cittadina trovarono delle pietre nere durante la pulizia della fornace. Il minerale di scarto si è fuso e poi ritirato a causa dell’alta temperatura; ad eccezione di quei minerali neri erano rimasti immutati e avevano una superficie più lucida ed erano neri come l’inchiostro.

Perfino Lesya non sapeva dire che tipo di minerale si trattasse. Data la forma e l’aspetto, non sembrava minerale di scarto ma supponendo che fosse utile, come sarebbero riusciti a fonderlo da che non ci si riusciva? Dopo averci pensato per un po’, prese la più squadrata e dopo averla coperta, ordinò ai suoi uomini di mandarla a Roland Wimbledon, il Lord di Border Town.

Forse lui ne conosceva la risposta.

← 181-I quadri di Soraya

183-Piano di costruzione distrettuale →

error: Content is protected !!