156 – Mettere insieme i pezzi

Capitolo offerto da

— • — • — • —

Theo salì su una piccola collina e da qui poteva vagamente vedere Border Town come anche la sagoma del castello del Lord.

Alla fine, sono tornato, pensò; in precedenza, per raggiungere Silver City aveva avuto bisogno di mezzo mese, ma per il viaggio di ritorno ne bastavano sette. Per il ritorno era passato per Silver City e Redwater. Anche se sembrava che a Ashes non importava, Theo aveva scelto sentieri poco utilizzati per ridurre la possibilità di essere catturati dalla Chiesa.

Ashes era il nome della sua compagna Strega, ma anche dopo tutto questo tempo, Theo non sapeva se quello era il suo vero nome o meno. Durante il loro viaggio, era sempre vestita con una tunica nera e una grande spada era avvolta da del tessuto e attaccata dietro la schiena.

I suoi capelli neri erano legati in una semplice coda che le arrivava fino alla vita. Che fosse durante il tragitto o in barca, era raro che guardasse Theo. Aveva sempre camminato da sola di fronte a lui, tenendo d’occhio il paesaggio circostante. Probabilmente per lei, questo viaggio a Border Town era solo una passeggiata rilassante e confortevole, come una sorta di giro turistico.

A volte Theo metteva in dubbio il suo stesso giudizio: era veramente un soldato? Si poteva facilmente inciampare nella veste che indossava, mantenere i capelli lunghi equivaleva a lasciare delle aperture nelle proprie difese. Inoltre è dall’inizio del loro viaggio che Ashes sembrava avere paura di dargli le spalle, ma la parte del suo corpo che aveva visto di più, era sempre stata la schiena.

Non credeva che una Strega sarebbe stata in grado di fidarsi delle altre persone così in fretta, facendogli intuire che era sicura delle sue capacità e che il medaglione del Castigo Divino non sarebbe stato una minaccia per lei.

Theo cercò intorno alla collina, trovando ben presto il suo obiettivo: un pennone con una bandiera rossa appesa su di esso. Andò al pennone e scavando estrasse dal fango una bandiera blu con cui sostituì quella rossa. In seguito, si sedette a terra con le mani giunte.

“Questo è tutto quello che devi fare?” Chiese Ashes.

“Almeno questo era quello si era stato detto.” Theo si asciugò il sudore che era apparso sulla sua fronte. “Vai ai piedi della collina sul lato nord-est della città. Basta seguire il sentiero di pietra fino a raggiungere un pennone. Quando arrivi al palo, è sufficiente sostituire la bandiera che sventola con quello blu sepolta accanto al palo. Vedremo la bandiera e presto arriveremo nella vostra posizione, così da allora in poi avrete solo bisogno di aspettare e noi verremo.”

Ashes annuì e poi cominciò a cercare un posto relativamente pulito dove sedere e chiese se avesse del cibo.

“Uh… aspetta un attimo!” Theo prese il suo zaino e afferrò un pezzo di carne secca dal suo interno. In primo luogo lo aveva strappato a metà e ne gettò un pezzo nella sua bocca, poi dette il resto della carne a Ashes.

Theo sospirò quando vide la Strega mettere la carne nella sua piccola bocca e cominciare a masticare. Chi avrebbe mai pensato che oltre alla sua grande spada, non avesse nemmeno un solo Reale di rame. Anche se lei era senza un soldo, aveva mantenuto coraggio e spavalderia per tutto il tragitto verso Border Town. Il vitto e l’alloggio erano stati pagati da lui. Le stanze nelle locande dovevano essere camere singole della migliore qualità e quando dovevano mangiare, poteva essere solo carne, cibo secco e cose come gli alimenti portatili. Inoltre, doveva sempre mangiare la prima metà da solo prima che lei si fidasse.

Probabilmente con l’eccezione del tempo in cui era stata sul campo, era una persona molto prudente. Tuttavia, non sarebbe più sicuro prepararsi il proprio cibo?

“Hai sempre voluto sapere dove stiamo andando; è la parte opposta del canale.” Disse Ashes all’improvviso: “Io non so se hai mai sentito le voci sui Fiordi, ma ci sono innumerevoli isole lì. Alcuni di loro hanno un ambiente molto pericoloso, quindi sono sempre scarsamente popolate. Stiamo andando a stabilirci su una di quelle isole e costruire delle case che appartengono solo alle Streghe “.

“…” Theo era stordito, non importa quante informazioni avesse cercato, era sempre stata silenziosa, quindi perché ha improvvisamente preso l’iniziativa e parlare di questo?

“Sei sorpreso, ti stai chiedendo perché non ti ho informato prima?”

Ashes cominciò a spiegare sul serio. “C’era la possibilità che tu fossi un bugiardo, che avresti fatto finta di dormire e che durante la notte saresti corso verso la Chiesa. Ma ora le ragazze dovrebbero essere già a metà strada verso il loro obiettivo. Saranno già salite sul ​​traghetto mercantile del Fiordo. Quindi, anche se glielo dici ora, la Chiesa non sarà in grado di fermarle. Inoltre, sono venuta qui per portare con me le altre Streghe dell’Associazione. La notizia avrà già raggiunto orecchie indesiderate, continuare a nascondersi così è una cosa priva di senso.”

“Anche se siamo già venuti a Border Town, non è ancora possibile escludere la possibilità che sia un bugiardo.”

“Sì, è vero”, disse Ashes, sottolineando ogni parola, “Ma alla fine, se non sono in grado di soddisfare un’altra Strega, morirò qui, insieme a tutti gli altri che stanno cercando di fare del male alle Streghe.”

“Va bene.” Theo fece un respiro profondo. “Posso farti delle altre domande?”

Ashes ci pensò per un attimo, “Certo, ma non posso garantire che risponderò.”

“Vieni dal Regno di Graycastle? Non ho mai visto occhi così come i tuoi prima d’ora.” Decise di iniziare a chiedere le sue origini. Non dovrebbero essere chissà quale tipo di informazione sensibile e allo stesso tempo si dovrebbe ridurre la diffidenza nel suo cuore.

“Sono nata nel Regno dell’Inverno Eterno, ma questo non ha nulla a che fare con il colore dei miei occhi. Nel momento in cui sono diventata una Strega, i miei occhi si trasformarono in questo paio di occhi che vedi ora.”

“Il Regno dell’Inverno Eterno? È una lunga strada per Graycastle. Ci sono anche altri due Regni tra di loro, come sei arrivata a Silver City?”

“Quando ero giovane sono stata venduta alla Chiesa e poi…” Fece una pausa. “Ho vagato dal monastero nella Vecchia Città Santa fino al Regno di Graycastle. Fino a quando non incontrai lei e terminai la mia vita errante “.

“Lei?” Chiese Theo con curiosità.

“Tilly Wimbledon,” rispose Ashes, mostrando improvvisamente un’espressione dolce sul viso. “Mi ha accolto.”

Il cuore della guardia batté più forte quando sentì pronunciare il nome Tilly. Non aveva pensato che fosse una persona famosa. Ma ora, con il nome della famiglia Wimbledon collegato ad esso, il significato è diventato completamente diverso. Tilly Wimbledon era la sorella di Roland Wimbledon, la quinta principessa del Regno di Graycastle. Così, quando lui le chiese la domanda successiva, la sua voce tremava. “Lei, è il vostro leader?”

“Leader?” Ashes annuì. “Per me, lei è molto di più; lei è la persona più importante per me… qualcuno che nessun altro potrà mai sostituire.“

Quando la notte cadde, i due accesero un falò.

Ashes si tolse la spada, e scoprendola leggermente, mostrò che il bordo dell’arma era larga quasi quanto la sua vita e si poteva notare che era stata usata in molti scontri. La spada grigiastra non aveva alcun margine, ed il peso da solo era sufficiente per schiacciare una sola persona. Per la maggior parte delle persone, sollevare quella spada sarebbe già stato un compito impossibile, ma tra le sue mani, sembrava essere solo pesante come una lama di luce.

Quanti fabbri avrà derubato, al fine di ottenere abbastanza materiale per forgiare una spada come quella? pensò Theo, Se il principe e le sue Streghe ritardano ancora è molto probabile che io diventerò la prossima vittima di quella spada .

“Hai sentito che il Signore di Border Town è anche un… Wimbledon”, decise di trovare qualcosa di cui parlare. In caso contrario, il tempo di attesa sembrava essere particolarmente difficile per lui da sopportare.

“Roland Wimbledon,” mormorò, “l’ho già incontrato prima.”

“Cosa?” Theo aprì la bocca.

“Sono stata protetta da Tilly e ho cominciato a lavorare come sua guardia del corpo a palazzo. Quindi naturalmente c’è stata la possibilità di incontrare alcuni dei suoi fratelli e sorelle.” Ashes sembrava avere già una buona comprensione del quarto principe, “Incompetente, arrogante, senza alcun intelletto o competenza. Era difficile credere che fosse il fratello Tilly. Anche… se in alcune cose il suo coraggio non da poco.”

Alla fine della frase, il suo tono era diventato più freddo.

Theo non poteva trattenersi dal rabbrividire. Aveva sentito un sacco di voci su come si comportava il Principe. Ad esempio, amava sempre vantarsi, adorava utilizzare trame astute e cose del genere per molestare qualche cameriera. Anche se non aveva mai usato violenza o minaccia dall’altra parte, gli veniva naturale sfruttare gli altri. Di certo, non l’avrebbe fatto…

In quel momento, Ashes improvvisamente si alzò in piedi, fissando la direzione della strada, “Qualcuno è venuto, e sono più d’uno.”

Theo seguì il suo sguardo e lui poteva anche lentamente vedere il contorno delle figure che via via apparivano dal buio della notte. Colei che aveva preso l’iniziativa era stata la Strega personalmente responsabile della sicurezza Sua Altezza Reale, Nightingale.

← 155-Ospite

157-Ashes I →

Lascia un commento

error: Content is protected !!