119 – Riscatto I

Capitolo offerto da

— • — • — • —

Inconsciamente, Petrov Hull era seduto davanti alla sua scrivania. Giocava con un pezzo di pergamena che teneva tra le mani. Era il programma pomeridiano del teatro che viene mandato ogni settimana. Se fossero stati tempi di pace, avrebbe scelto un buon dramma e lasciato che la sua domestica pagasse il deposito, mandando in seguito un invito ad Aurelia.

Ma non era in vena di leggere quel programma.

Oggi è il settimo giorno della spedizione. Se tutto fosse andato liscio, suo padre sarebbe tornato il giorno precedente insieme alla scorta del Duca. Forse hanno subito ritardi durante il viaggio, forse i cavalli si erano stancati e dovevano riposare, o si sono presi un ulteriore giorno di riposo a Border Town, giusto? Cercò di confortare se stesso, ma la sensazione di disagio nel suo cuore stava crescendo lentamente.

Il quarto Principe Roland Wimbledon lo aveva colpito profondamente. Petrov non riusciva a capire il motivo per cui un Principe eccezionale come lui, avesse ricevuto un giudizio così terribile dal Re. Cattivo carattere, dandismo, incompetenza, ignoranza e senza voglia di studiare o abilità… qualsiasi di queste valutazioni non corrispondevano all’immagine del Principe che aveva incontrato.

A causa di ciò, la sua ansia divenne solo più forte.

Temeva che il Duca potesse aver perso contro il Principe.

“Maestro Petrov,” gridò la sua governante, “c’è una lettera che è appena arrivata dalla roccaforte.”

Una lettera dalla roccaforte?

“Portatemela”, ordinò Petrov.

Ancor prima d’aver aperto la busta, fu scioccato dall’identità del mittente.

Questa lettera era stata scritta dal quarto Principe!

“Il Duca Osman Ryan ha assemblato un’esercito per attaccare un territorio sotto la giurisdizione del Re, provando invano ad iniziare una ribellione. Inoltre, il Duca è stato già giustiziato sul campo di battaglia ed ora la fortezza Longsong è di nuovo sotto la legge del Regno.”

Il Duca ha perso? Il suo cuore affondò quando cominciò a leggere oltre.

“Ad eccezione degli irriducibili membri della guardia del Duca, la maggior parte degli altri prigionieri si è dichiarato colpevole. Di norma, il tradimento contro la famiglia reale sarebbe punito con la morte, ma a causa della bontà di Sua Altezza, solo il leader è stato condannato a morte per i suoi crimini, seppur gli altri non possano esser ancora perdonati. Quindi, il resto dei ribelli sarà trattato secondo le usanze di guerra e trattenuti finché la loro libertà non verrà riscattata. Il castello di fortezza Longsong sarà usato come punto di scambio. Nella seguente lista, sono presenti i nomi dei prigionieri.”

Il documento era stato scritto in maniera strana. Non era stato redatto come conviene ad un documento diplomatico, ma era comunque in grado di esprimere ciò che vuole intendere: la ribellione del Duca era fallita e se volevano liberare i prigionieri, avrebbero dovuto offrire in cambio del denaro.

Quando Petrov lesse i nomi sulla lista, vide che il nome di suo padre era stato evidenziato nella prima riga.

“Hedee!” gridò il nome della governante, “Prepara la carrozza, vado al castello della fortezza!”

Il territorio del Conte Honeysuckle si trovava ad est della fortezza. Quindi, quando Petrov arrivò nell’area del castello, era passata mezz’ora. Il Castello del Lord era pieno di membri della “milizia”, che non aveva già visto in precedenza. Non indossavano nessuna armatura scintillante e nemmeno mantelli o fasce; invece tenevano uno strano bastone tra le mani, che data la punta sembrava una lancia. Stavano lì immobili schierati in due file precise e ordinate, con la testa alta e il loro petto in fuori, esprimendo il loro potere in maniera impressionante.

Dopo essersi presentato, a Petrov era stato consentito l’accesso ai giardini e fu portato da una guardia verso la grande sala del castello.

Era un luogo che aveva visitato già molte volte in passato, ma quando vi entrò oggi, era come se stesse entrando in un posto completamente diverso. Tutte le guardie in piedi nei corridoi erano di un tipo che non aveva mai visto prima, nessuno gli sorrise dopo che lui li salutava, lo fissavano solo con sguardo inespressivo. Venne fermato da un Cavaliere davanti alla porta d’ingresso della sala.

“Dichiara il tuo nome.”

“Petrov Hull,” rispose un po’ infelice, non gli piaceva il tono interrogatorio dell’altro e così sottolineò, “Per te, è Lord Hull.”

“Capisco,” sembrava che l’aaltro non avesse accettato questa affermazione come veritiera, invece si limitò a guardare la pergamena in mano, “Shalafi Hull, il Conte Honeysuckle è tuo …”

“Padre.”

“Sono Carter Lannis, Il Capo dei Cavalieri del quarto Principe. La prego di venire con me nella stanza accanto. Dobbiamo controllare se avete delle armi nascoste addosso.”

Dopo una ricerca approfondita, solo il suo Medaglione del Castigo Divino venne preso via dalle guardie.

“Quella non è un’arma,” ricordò Petrov.

“Naturalmente.” il Cavaliere annuì “Glielo riconsegneremo una volta finita la riunione.”

Aprì la bocca ma alla fine, non disse un’altra parola. Mi ridaranno davvero il medaglione? Il suo Medaglione del Castigo Divino era uno dei tipi più potenti, con un valore di almeno 50 Reali d’oro, quindi non poteva non pensare che lo avrebbero sostituito con una pietra senza valore. Questo non è importante, pensò, mi limiterò a considerarla come parte del riscatto.

Quando finalmente entrò nella sala, vide il quarto Principe seduto sul trono intento a scrivere qualcosa. Quando il Principe alzò la testa, aveva un’espressione stupita sul suo volto ma poi si mise a ridere, “Ci incontriamo di nuovo, signor Ambasciatore.”

Il volto e il tono familiare, fecero sentire Petrov un po’ più rilassato, così lo salutò inchinandosi, “Le porgo i miei saluti, Vostra Altezza Reale.”

“Siediti”, disse Roland, alzando la mano come per offrirgli il suo posto, “Con ogni probabilità, vorrà sapere cos’è successo. Posso dirvi che vostro padre non è stato ferito. Fu il primo ad arrendersi.”

“Grazie per la vostra gentilezza, Vostra Altezza,” disse velocemente Petrov “Non so quanto Vostra Altezza vorrà per il riscatto ma finché mio padre potrà essere rilasciato, vi invierò immediatamente tutti i soldi di cui disponiamo.”

“Non ho bisogno di soldi”, disse Roland alzando il dito. “Voglio il bestiame e la gente.”

Era normale voler bestiame e anche 50 anni fa, quando il conflitto tra i Signori terminavano, il più delle volte il perdente doveva pagare con bovini e ovini. Storie come questa erano qualcosa che aveva spesso letto nei libri. Ma… che cosa vorrebbe dire con gente? “Vostra Altezza Reale, per quanto riguarda bovini, pecore e cavalli, il territorio degli Honeysuckle ne ha tanti, ma le persone…”

“È molto semplice, ho bisogno di muratori, falegnami, contadini, servi e così via,” il Principe gli porse un rotolo, “Per il pagamento, può seguire la conversione numerica che è scritta sul foglio, fino a quando non avrà raggiunto un totale di 3’000.” sorrise. Dopotutto, la maggior parte dei Cavalieri catturati avevano giurato lealtà a questo Conte, quindi avrebbe dovuto pagare un riscatto più alto.

Petrov aprì il rotolo sul tavolo.

Scritti lì sopra c’erano i nomi di tutti i tipi di animali e la professione delle persone, seguita da un numero, come ad esempio: i bovini 3, le pecore 2, i muratori 10 e simili. Aveva capito subito il significato di tutto ciò.

Il valore di 3’000 poteva essere raggiunto consegnando sia una mandria di 1’000 bovini o 300 muratori. Ovviamente, il suo territorio non era in grado di fornire così tanti bovini e muratori. Ma con questo foglio, poteva contare su numerose combinazioni, grazie alle molte scelte. Come nobile che ha dovuto lavorare tutti i giorni nel ramo commerciale, Petrov si rese immediatamente conto di quanta finezza fosse stata messa in questa lista. Solo pochi giorni sarebbero stati sufficienti per calcolare la soluzione ottimale, minimizzando così i danni al suo territorio e soddisfacendo comunque la richiesta di 3’000 punti.

“Vostra Altezza Reale, posso…”

.“Un giorno. Ha solo un giorno a disposizione.” Roland stese il dito indice, “Ciò significa solo che potete prendere le vostre decisioni in un solo giorno. Dopotutto, avrà bisogno di tre o quattro giorni per radunare gli animali e le persone scelte, ma io non posso stare qui per sempre. Al massimo resterò qui per una settimana, poi me ne andrò.”

“Un giorno è…” Petrov rimase subito scioccato mentre fissava Roland ad occhi aperto, “Aspetti, ha appena detto… che vuole andarsene?” Che cosa significa? Se il principe nella lettera non ha mentito, il Duca è morto sul campo di battaglia. Considerando ciò, la fortezza Longsong adesso appartiene a Sua Altezza. Ma ora sta dicendo che vuole lasciarla? Perché vorrebbe tornare in quella piccola e fatiscente cittadina di Border Town? No, non era questo il punto! Il punto chiave era che se Sua Altezza Reale fosse andato via, chi avrebbe gestito questa magnifica città? La sua mente divenne un mare in tempesta, Sarebbe stato uno dei figli del Duca ad ereditare la posizione vacante? Quando pensò a tutto ciò che sapeva, Questo non sembra essere una possibilità. Dopotutto sarebbe stata solo una questione di tempo fino a che non avessero radunato un nuovo esercito per vendicare il loro padre? E oltre alla famiglia Ryan e alle altre cinque famiglie nobili, c’erano altri che avrebbero potuto subentrare?

“Sì” Roland annuì. “Prenderò il riscatto e poi me ne tornerò a Border Town.”

La mente di Petrov si era improvvisamente riempita di un’idea oltraggiosa e nel momento in cui la pensò, non era in grado di sopprimerla.

“Vostra Altezza Reale,” iniziò Petrov, ma poi dovette deglutire e sussurrò. “Mi perdoni, c’è un valore numerico per ‘riscattare’ fortezza Longsong?”

← 118-Inseguimento II

120-Riscatto II →

 

Lascia un commento

error: Content is protected !!