09 – Mesi dei Demoni II

Capitolo offerto da

— • — • — • —

“Non molti, Vostra Altezza.” rispose il cacciatore. “Durante ogni periodo dei Mesi dei Demoni, ne vengono avvistati due o tre, altrimenti, la Fortezza di Longsong avrebbe non pochi problemi.”

“Bé, sembri essere un ottimo osservatore.” Roland ordinò all’uomo di alzarsi e chiese, “Come ti chiami? Non sembri originario del Regno di Graycastle.”

“Metà del mio sangue proviene dal Clan Mojin. Gli abitanti della cittadina mi chiamano Iron Axe.”

Il Clan Mojin. Abitanti del Regno Shamin situato a sud del terreno arido; si dice che siano i discendenti dei giganti. Roland cercò nei suoi ricordi ogni possibile informazione sul Clan Mojin e realizzò Che Iron Axe non si è introdotto con il nome che usava quando era nel Clan, preferendo utilizzare quello che gli è stato dato dagli abitanti di Border Town. A quanto pare, sembra che non voglia avere legami con il Regno Shamin. Per questo motivo, dato che proveniva dalle regioni oltre il confine meridionale, comprese che devono esserci dei validi motivi per questa decisione.

Ma non c’era il tempo per ascoltarli. Indipendentemente dal passato, chiunque è benvenuto a Border Town.

Roland fece un battimano, “Non è questo il motivo per cui ti ho convocato. Carter, prima di farli andare via, dai ad ognuno di loro 10 Reali d’argento.”

“La ringrazio per la ricompensa, Vostra Altezza.” dissero i tre all’unisono.

Successivamente, le persone vennero accompagnate all’uscita da Carter. Una volta portato a termine il compito, Carter fece ritorno e chiese “Vostra Altezza, perché gli avete posto quelle domande? Vuole rimanere qui?”

Roland non espresse alcuna opinione e invece chiese, “Tu cosa ne pensi?”

“È fuori discussione, Vostra Altezza!” disse il Cavaliere ad alta voce, “Basandosi sulla testimonianza del cacciatore, anche le Bestie Demoniache Specie Orso sono difficili da abbattere. Al di fuori dei 45 m, il colpo di una balestra non è efficace; dovremo aspettare che arrivi ad almeno 36 m, o anche a 27 m prima di poter sparare. Solo le nostre forze d’élite possono fare una cosa del genere. Inoltre, le Bestie Demoniache sono troppo numerose e non possiamo fare affidamento su delle mura solide. Al massimo possiamo combattere fianco a fianco con le guardie locali per fermarle. Però, temo che le perdite possano essere pesanti anche se possediamo combattenti talentuosi. La nostra sconfitta sarebbe assicurata.”

“Hai già visto cos’è in grado di fare una Strega, quindi perché non guardi il bicchiere mezzo pieno?” sospirò Roland.

“Questo… le Streghe sono il male, ma Anna… Miss Anna non sembra esserlo quindi, in quanto vostro Comandante dei Cavalieri, non posso far altro che accettare la verità dimostrata dai fatti.”

“Se fossi in grado di darti delle mura, credi che possa essere fattibile?”

“Cosa?” per un momento, Carter credette di aver sentito male.

“Se costruissi un muro, che parte dal versante nord della montagna e arriva fino al Fiume Chisui…” Roland accentuò ogni sua singola parola, “anche se non saranno alte come quelle di Graycastle, ma in grado di ostacolare gli animali, dovremmo riuscire a farcela.”

“Signore, sapete cosa state dicendo?” il Cavaliere non sapeva se arrabbiarsi o ridere “Anche le vostre assurdità dovrebbero avere un limite. Se non la smettete, dovrete perdonare la mia mancanza di educazione.”

“Abbiamo ancora 3 mesi, giusto? Ho dato un’occhiata ai vecchi registri e la neve dovrebbe cominciare a cadere alla fine del secondo mese a partire da questo.”

“Anche avessimo 3 anni non sarebbe sufficiente! Costruire un muro richiede un sacco di manodopera. Per posizionare le fondamenta devono pressare la terra e ogni 60 cm deve venire rinforzata altrimenti si rischierebbe il collasso. Questo è il muro più semplice da fare e con la sola terra.” Carter scosse ripetutamente la testa “Mura di mattoni o di pietra sono anche più difficili da costruire e richiederebbero centinaia di scalpellini per tagliare le pietre o preparare l’argilla per i mattoni. Successivamente, dovrebbero cominciare a costruirla blocco per blocco. Vostra Altezza, tutti i muri vengono costruiti in questa maniera, senza alcuna eccezione. Una città che viene costruita in un giorno ed una notte è solo materia di leggenda.”

Roland fece capire che aveva sentito a sufficienza, “Capisco. Non serve che ti scaldi così tanto. Senza mura affidabili, evacuerò insieme a te nella Fortezza Longsong. Non ho alcuna intenzione di perdere qui la mia vita.”

Il Cavaliere s’inchinò “Io la proteggerò!”

Successivamente, nel bellissimo giardino del castello, Roland sorseggiava la sua Ale. Vedere Anna intenta a mangiare la torta alla crema, lo aiutò a sentirsi meglio.

Aveva deciso di fermare le Bestie Demoniache a Border Town. Unendo i suoi soldati d’élite insieme alle guardie cittadine, avrebbe anche ampliato la zona di pattugliamento al fine di dare una spinta all’agricoltura. Se vuole costruire un muro che parte dal versante nord della montagna e arriva fino al Fiume Chisui in 3 mesi, deve utilizzare la tecnologia dell’Era Moderna adatta allo scopo.

Non era stato un caso che Roland ci avesse pensato su. In precedenza, aveva dato un’occhiata ai confini di Border Town (anche se non lo ha fatto di persona) e nella sua memoria c’era una chiara immagine: la distanza più piccola che separa il versante nord della montagna dal Fiume Chisui è di circa 550 m. In altre parole, una strettoia naturale. E intorno alla Miniera Settentrionale, questa era piena di pietre e ghiaia estratta dalla cava.

Questa ghiaia è di un color grigio cenere, ricca di carbonato di calcio e può essere usata come calcare dopo essere stata macinata. Insieme al calcare, è riuscito ad arrivare alla sua soluzione: il cemento.

Sì. Questo materiale avrebbe cambiato la storia dell’umanità. Essere in grado di costruire utilizzando materiali che s’induriscono con l’acqua, insieme a materie prime facilmente reperibili e semplici da preparare, è annoverato come uno degli strumenti più efficaci per lavorare nei cantieri.

Stimando il tempo necessario, anche se avesse utilizzato questa nuova tecnologia e dato che dubitava che potesse essere possibile, la quantità di cemento che dovevano utilizzare era enorme e non era certo che sarebbero riusciti a calcinare la quantità necessaria di polvere di cemento entro 3 mesi. La resistenza del calcestruzzo era inferiore e sarebbe stato necessario rinforzarlo con l’acciaio. Di conseguenza, l’idea di costruire un muro cittadino di calcestruzzo non sembrava essere fattibile.

Devono sfruttare al meglio i materiali presenti in loco e risparmiare sul cemento. Di conseguenza, costruire un muro di fieldstone diverrebbe la scelta più adatta.

La cosiddetta fieldstone, è una pietra che non ha subito alcun tipo di lavorazione ed è un sottoprodotto naturale delle miniere. Queste pietre, a causa delle loro forme irregolari, era impossibile utilizzarle per costruire edifici. Invece, sarebbe stata un’altra storia se fossero state lavorate da un muratore in modo che possa tramutarle in mattoni. Però, costruire un muro di fieldstone usando il cemento come collante è possibile, indipendentemente dalla forma delle pietre utilizzate, i buchi che avrebbero lasciato sarebbero stati riempiti col cemento, economizzando su quest’ultimo e utilizzando materiali di scarto.

Con questo la direzione da seguire è stata decisa, ma l’implementazione effettiva… potrebbe succedere che dovrò metterci le mani. pensò Roland. Che fosse il cemento calcinato o il muro di fieldstone, erano entrambe delle novità. Tranne lui, nessuno ha mai visto una cosa del genere come anche nessuno sa come produrli. Teme che per i prossimi 3 mesi sarà molto occupato.

“Guardate qui.”

La voce di Anna proveniva da dietro di lui.

Nel momento in cui Roland si girò, vide un gruppetto di fiamme sul suo palmo che bruciavano tranquillamente. Non c’era vento, ma le punte della fiamma continuavano ad alzarsi e abbassarsi. Agitò le dita e le fiamme sembravano essere un bambino, che si muoveva lentamente verso le punte delle dita. Alla fine, arrivò sulla punta dell’indice e poi cominciarono a calmarsi.

“Ce l’hai fatta.”

Era una scena incredibile. Dal profondo del suo cuore, Roland provava ammirazione. Non era né una magia illusoria né un trucchetto chimico, ma puro potere sovrannaturale. Però, non era questo quello che attraeva di più Roland. L’aspetto di Anna era molto più affascinante delle fiamme.

Mentre era intenta a fissare le punte delle sue dita, i limpidi occhi azzurri riflettevano le fiamme agitate, come se un Elfo stesse sigillando un Sapphire. Le cicatrici delle torture subite in prigione erano già sbiadite e nonostante non sorridesse più di tanto, il suo volto non era più quello di un morto. Sulla punta del naso della giovane ragazza, c’era una goccia di sudore. Il colore roseo delle sue guance candide emanavano vitalità. Il solo guardarla basta a rallegrare una persona.

“Cosa vi succede?”

“Ah… non è niente.” Roland notò che la stava fissando da troppo tempo, spostò lo sguardo e tossì, “Bene. Ora prova ad utilizzarle per fondere il metallo.”

Erano passati pochi giorni da quando aveva cominciato ad esercitarsi e di fronte al duro lavoro di Roland, lei non poteva far altro che arrossire dalla vergogna. Anche quando aveva fatto l’esame di ammissione al college non si era impegnato come ha fatto con lei.

A quanto pare, sembra che non ci vorrà molto prima che riesca a controllare il suo potere, pensò Roland. A seguire, nella sua agenda si aggiunsero molti altri progetti.

← 08-Mesi dei Demoni I

10-L’architetto →

Lascia un commento

error: Content is protected !!